Passa ai contenuti principali

Post

Wave Of Rock by@nico.free.life :Eric Clapton

Buongiorno Rockers eccoci con un nuovo articolo,e con un altro grande artista ,vi parlerò di un chitarrista e cantautore britannico detto "slowhand", famoso per il suo rock e blues , il 30 marzo ha compiuto 76 anni è originario di Ripley nel Regno Unito ,un uomo che con i suoi assoli ha scritto brani leggendari , 6 corde per il più famoso bluesman bianco della storia e sto parlando di lui.... Eric Clapton!  Clapton non ha avuto un' infanzia facile,il vero padre partì per la seconda guerra mondiale e quando fece ritorno ed Eric non ebbe il piacere di conoscerlo in quanto, vivendo con la madre  risposatasi per la seconda volta, con il nuovo marito andarono a vivere in Germania.  A 13 anni gli fu regalata la sua prima chitarra acustica ma per Eric non fu semplice impararla a suonare da solo e quando fu sul punto di mollare ecco che la sua forte passione per la musica blues lo motivó a  continuare a provare, fino a quando da ragazzo inizió a suonare per  strada da solista, in
Post recenti

Lez rock radio puntata 34

 

Cover! By @acarugini : My Way

  ‘My Way’, nell’interpretazione di Frank Sinatra, è stata un successo mondiale ma non tutti sanno che fu scritta da Paul Anka sulle note di ‘Comme d'habitude’ di Claude François e che aveva a sua volta utilizzato un motivo composto da Jacques Revaux, ‘For Me’. Incisa da Sinatra nel dicembre del 1968, divenne presto una delle canzoni più rappresentative del suo repertorio. Queste tre righe possono anche essere cantate sulle note di ‘Alla Fiera dell’Est’ di Branduardi!!!!! Ma andiamo ‘indietro’ con la storia… Come detto tutto nasce da Jacques Revaux, un ex-cantante che aveva abbandonato i microfoni per dedicarsi esclusivamente al mestiere di compositore. A metà anni 60 abbozza un motivo dandogli anche un testo in inglese maccheronico, e lo intitola ‘For Me’. Il brano è molto triste e la melodia non è innovativa, anzi, per il produttore Gilbert Marouani era addirittura qualcosa di già sentito. Anche Hervé Vilard, il cantante per il quale era stato scritto il pezzo, non ne rimase conv

LaRagazza Rock/@lara_gabba: Hey Hey I wanna be a ROCKSTAR

Breve guida d’ispirazione per diventarlo. Buongiorno Caro Popolo ROCK, vi siete mai posti la domanda che cos’è il rock ? Non è solo un ascoltare quel tipo di musica o andare ai concerti. E’ molto di più. Sono convinta che ognuno di noi abbia un lato rock, magari nascosto sotto una bella giacca e cravatta o  sotto ad un tailleur. Io per esempio, in ufficio, nascondo molto bene la mia rock&roll soul e Vi scrivo questo  pezzo! Secondo me è uno stile di vita, è un dare una impronta a ciò che si fa in modo da lasciare il segno. Sempre  rispettando i propri principi ed obiettivi personali. E’ quello sprint che ti fa prendere una decisione. Ma questa è la mia personalissima visione. Qui vi propongo cosa è il rock per i più grandi, per le rockstar. Per chi ne è stato così fortemente convinto fin da piccolo da farne la propria missione di vita. Parto dai Green Day dove il cantante Billie Joe Armstrong esprime: “il rock è come l’aria che respiro, è il  sangue che scorre nelle mie vene e mi t

Lez Punk by Jo : Gabba Gabba Hey

 Hi Punkrockers! Oggi vi parlo di quello strano inno che per tutta la durata della loro carriera ha accompagnato i Ramones fino alla fine,  quindi Gabba Gabba Hey e iniziamo! "Gabba Gabba Hey" si può trovare nella canzone "Pinhead" del loro primo album "Leave Home" del 77 che contiene la frase "Gabba Gabba, we accept you, we accept you, one of us." (Gabba Gabba, ti accettiamo, ti accettiamo come una di noi). I Ramones rivelano che questa frase ha preso ispirazione dal film "Freaks" che parla dei fenomeni da baraccone dei circhi considerati strani e diversi dalla società (proprio come si sentivano i Ramones). Uno di essi però si innamora di una ragazza normale e sarà proprio lei a dover essere accettata da quella "strana" compagnia. La frase originale infatti recita "Gobble, Gobble, we accept you, we accept you one of us." Nel 91 è stato pubblicato un album tributo ai Ramones intitolato proprio "Gabba Gabba Hey&q

Waveofrock by @nico.free.life : i Nomi del Rock

Buongiorno carissimi Rockers....scusate la mia assenza ma tranquilli che anche questa volta si recupera alla grande 😉 .In questo articolo parlerò di come alcune delle più importanti band hanno scelto i propri nomi segnando così periodi importanti nella storia del Rock...Allora partiamo.... -AC/DC.... i fondatori sono i fratelli Angus e Malcom Young anno 1973,il nome per la band gli fu suggerita dalla sorella che vide una scritta su una macchina da cucire... Alternate Current/Direct Current abbreviato AC/DC che fu molto adatto per il dinamismo e l'elettricità del gruppo; -THE BEATLES...i 4 componenti britannici presero spunto dal nome del gruppo di Buddy Holly The Crickets ( I grilli) quindi loro scelsero I beetles (I coleotteri) giocando così con Beetles e beat hanno dato origine ai Beatles -ROLLING STONE...deriva dal titolo di una canzone del grande bluesman Muddy Waters, fu così che Brian Jones parlando con il proprietario di un locale dove avrebbero dovuto suonare prese spunt

Lez Rock COVER! By Alessandro Carugini : Space Oddity

Come tutti sapete Space Oddity è un brano di David Bowie pubblicato come singolo l'11 luglio 1969. Oltre ad aver raggiunto i primi posti della classifica inglese due volte a distanza di sei anni, detiene il primato di essere il singolo del Duca Bianco più venduto nel Regno Unito e rimane una delle sue canzoni più note, tanto da essere ormai entrata nella cultura di massa. All'inizio del 1970 venne pubblicata la versione cantata in italiano, dallo stesso Bowie, dal titolo ‘Ragazzo solo, ragazza sola’, con un testo di Mogol non attinente a quello originale. Oltre a ottenere il disco d'oro in Italia nel 2015 e il disco d'argento nel Regno Unito nel 2016, Space Oddity è stata inclusa tra le "500 canzoni che hanno plasmato il rock and roll" nella Rock and Roll Hall of Fame. Adesso che ho finito di sciorinare numeri per convincervi, se ce ne fosse bisogno, della sua grandezza e bellezza andiamo a parlare del brano e del suo testo ovvero la storia del viaggio spazial