Passa ai contenuti principali

Brit Floyd a Genova


"The world's gratest Pink Floyd Show", così titola il sito ufficiale dei Brit Floyd, cover band dedita a replicare fedelmente quella che è stata la magia del gruppo di Roger Waters e David Gilmour.



Ma riescono a tenere fede alle aspettative?

SI! e perfino a superarle,mettendo in scena uno dei più grandi spettacoli di musica rock che una cover band -e non solo- possa realizzare.

Nella cornice del Politeama Genovese uno spettacolo del genere è sicuramente aiutato dalla non eccessiva grandezza della struttura che permette di amplificare il suono e gli effetti al limite della perfezione.

Il concerto è stato appunto grandioso ,come detto, ma anche incredibilmente dettagliato nell'omaggiare il gruppo a cui si è ispirato.

La session si apre con un bellissimo omaggio agli inizi dei Floyd: sulle note di "Shine on your crazy diamond" appare un immagine finale di Syd Barret , fondatore e primo frontman del gruppo negli anni '60.

Passando da "Arnold Layne" e "High Hopes" ,con video che spiegano da quale album derivano,si arriva all'immensa "Another Brick in the Wall" ,di durata pari all'originale : infinita anche nella sua bellezza. E' qui il gruppo lascia tutti senza fiato per la loro bravura: se si chiudono gli occhi si è trasportati negli anni '70 e sul palco ci sono proprio i Pink Floyd.

Edo Scordo, chitarrista milanese, entrato a far parte del gruppo di recente, è un formidabile performer , i suoi assoli sono incredibili e si uniforma benissimo alla qualità già eccelsa degli altri compagni.

Damian Darlington è colui che ha fatto nascere e crescere il progetto nel 2011 , e anche uno dei frontman sul palco cantando e suonando a fianco di Ian Cattel, la voce e il basso del gruppo.
Impossibile non citare anche le coriste, tra cui Eva Avila che ha fatto impazzire la platea nella interpretazione di "The great gig in the sky"


Luci e suoni psichedelici che hanno caratterizzato i Pink sono praticamente identici e anche superiori al passato date le tecnologie del momento , ma usate tutte in maniera artistica , vedi la luce bianca puntata sugli spettatori per emulare un elicottero o i fasci luminosi per dare risalto alla copertina di The dark side of the Moon.

Le ben tre ore di concerto (intervallate da una pausa di venti minuti) sono volate e dopo l'esibizione di grandi classici, tra cui "The dogs of war" , "Wish you were here" e "The final cut", si arriva alla fine (quasi) del set emozionando tutti con "Comfortably Numb" che , con la sua durata originale, fa venire voglia di ascoltarli per altre tre ore .

Sono invece giunti i titoli di coda... Anzi no!
Il gruppo rientra per il classico encore finale e delizia tutti con "Eclipse" e "Run like hell" !

All'ultima nota la sala è tutta in piedi e non smette più di applaudire e siamo certi che questa è una scena a cui i Brit Floyd sono abituati, perchè noi non abbiamo assistito a una semplice cover band ma a un tuffo nel passato , perfetto e dettagliato, dei Pink Floyd e addosso ci è rimasta la stessa soddisfazione di chi ha avuto la fortuna di vedere il gruppo di Gilmour e Waters dal vivo negli anni del suo splendore.

Qui potete ascoltare i brani riprodotti nel concerto nella versione originale dei Pink Floyd.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e