Passa ai contenuti principali

Edoardo Bennato a Genova



A volte si tende a non giudicare Rocker chi ha la sola colpa di non essere nato nel nuovo continente, figuriamoci se italiano e ormai di una certa età.

Edoardo Bennato ,invece, ribalta ogni pregiudizio e vedere un suo live dà la certezza che, si questo è rock!

In una stupenda cornice come il Carlo Felice di Genova, teatro abituato più a opere che a eventi popolari, il cantautore napoletano ha dato sfoggio delle sue immense qualità.
Il concerto si è diviso in tre parti.

La prima è stata dedicata alle canzoni di un tempo, quelle con una melodia leggermente più morbida, con l'aiuto di un bravissimo gruppo di archi,il Quartetto Flegreo, capace di trasformare canzoni come in "Fila per tre" ,"Dottori medici e sapienti" ,"Cantautore" e l'intramontabile "L'isola che non c'è" in un bellissimo connubio tra Rock e musica classica. 


La seconda parte invece ha visto protagonista assoluto il solo Bennato che, con il suo trittico di strumenti (chitarra, armonica e tamburello suonato con il tacco del piede destro) si è esibito in un medley formato da altri suo grandi classici rivisitati come "Il gatto e la volpe" e "Sono solo canzonette".


L'arrivo sul palco del suo gruppo rock segna l'inizio dedicato ai suoi ultimi lavori e anche l'ultima dello spettacolo.
Ecco, qui Bennato stupisce tutti con le sue nuove idee e i suoi nuovi brani, perché davvero non si pone confini e limiti come dice più volte al pubblico, distribuisce rocknroll a più non posso con le bellissime "Lucignolo" e "Geppetto" , nelle successive "a Napoli 55 è a' musica"  e "Vendo Bagnoli" regala assoli di batteria e chitarra (bravissimi i suoi artisti) in grado di fare rivivere i grandi fasti del passato ma anche dimostrando che lui, in Italia, è uno dei pochi Rocker ancora attivi che non si è venduto alle correnti del mercato e ne siamo certi sarà sempre così ,genuino, diretto e rocknroll!


Il finale esplosivo lo dà una rockeggiante "il Rock di Capitan Uncino" , ma prima che tutti se ne vadano sorprende tutti e torna in scena con un bis pazzesco e si congeda sulle note di "In prigione in prigione".


Se c'era qualche dubbio il Rock è come il vino ,più invecchia e più è di qualità, vale lo stesso per Bennato che a 72 anni sta portando ancora in alto la parola della musica!.



Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista alla band francese i ROAH

C iao e grazie per l'intervista. Partiamo dalla fondazione della vostra band dove, quando e perché ?! Pierre :  Mio fratello (Clément Afoumado) e io (Pierre Afoumado) abbiamo fondato la band all'inizio del 2017. All'inizio del 2016, eravamo in diversi paesi, Clément era in Canada e io nel Regno Unito (Londra). Ero in un'altra band a Londra e ho deciso di avviare il mio progetto con Clément per creare qualcosa dalla nostra musica. Nel 2017 siamo tornati in Francia e abbiamo iniziato a lavorare sulla nostra musica e trovare altri musicisti. Juan Barragan, il bassista, si è unito subito dopo e successivamente nel 2018, Quentin Thevenard (voce) e Romuald Carbone (batteria) si sono uniti a noi. Juan era il compagno di classe di Clément e colleghi di Quentin e Romuald Pierre (nell'industria dei videogiochi).    Cosa ci dite della vostra ultima canzone "Old Friend"? Clément È stata scritta qualche anno fa. La canzone parla di amici che hanno preso due strade d

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc