Passa ai contenuti principali

Rock album- SOAD - Toxicity



Siamo nel 2001. I System Of A Down, pubblicano il loro secondo lavoro. E che lavoro! I quattro musicisti di origine armena riescono in questo album a esprimere al meglio le proprie qualità musicali.
Il gruppo, conosciuto anche con l’acronimo SOAD, è composto da Serj Tankian (voce e tastiere), Daron Malakian (chitarra), Shavo Odadjan (basso) e John Dolmayan (batteria).



Nei loro testi si fa spesso riferimento al genocidio armeno del 1915, essendo tutti i membri discendenti di superstiti di quel terribile evento.
La ricetta di questo capolavoro è una miscela di momenti potenti e rabbiosi alternati a melodie memorabili, lyrics che trattano del decadimento della società e della politica.
Grandissimo il lavoro della sezione ritmica che passa di continuo da un ritmo all’altro come niente fosse, supportando i creativi riff di Malakian e le acrobazie vocali di Tankian.
A parte Bounce, track scritta apposta per far godere i propri fan dell’ ebbrezza del pogo, tutte le canzoni sono di alto livello e non c’è un riempitivo.
Si parte con Prison Song, una delle tracce più pesanti del disco, dove Tankian sfoggia tutte la sua versatilità passando da un momento all’altro dal canto pulito al growl.
Senza un attimo per poter prender fiato si arriva alla song n° 6, uno degli apici del disco, Chop Suey!:
in questa canzone viene toccato il tema della depressione e del suicidio.
Strofa con un riff schiacciasassi di Malakian e cantato velocissimo di Tankian: nel ritornello troviamo sonorità più morbide e nel gran finale addirittura un pianoforte ad accompagnare. Capolavoro!

Da menzionare A.T.W.A., dal movimento che formò il criminale Charles Manson, per la bellissima intro di sola chitarra ed i continui cambi di ritmo.
La title-track è un altro manifesto della musica dei SOAD: contrapposizione tra lento-veloce, melodia-potenza, riflessività-aggressività.
L'ultima traccia del disco è Aerials, brano più melodico, caratterizzato da un ipnotico giro di chitarra e da un testo pieno di significato (“Life is a waterfall / We're one in the river and one again after the fall”).
L’ultima sorpresa del disco è la ghost track dal sapore balcanico Arto, strumentale composta col musicista armeno Arto Tunçboyacıyan, che suona i più svariati strumenti (anche delle bottiglie di vetro!).
Insomma, un album imprescindibile per ogni amante della musica rock. Se già lo avete riascoltatelo, in caso contrario cosa state aspettando? Correte a comprarlo!


Ale M.


Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e