Passa ai contenuti principali

Rock album- SOAD - Toxicity



Siamo nel 2001. I System Of A Down, pubblicano il loro secondo lavoro. E che lavoro! I quattro musicisti di origine armena riescono in questo album a esprimere al meglio le proprie qualità musicali.
Il gruppo, conosciuto anche con l’acronimo SOAD, è composto da Serj Tankian (voce e tastiere), Daron Malakian (chitarra), Shavo Odadjan (basso) e John Dolmayan (batteria).



Nei loro testi si fa spesso riferimento al genocidio armeno del 1915, essendo tutti i membri discendenti di superstiti di quel terribile evento.
La ricetta di questo capolavoro è una miscela di momenti potenti e rabbiosi alternati a melodie memorabili, lyrics che trattano del decadimento della società e della politica.
Grandissimo il lavoro della sezione ritmica che passa di continuo da un ritmo all’altro come niente fosse, supportando i creativi riff di Malakian e le acrobazie vocali di Tankian.
A parte Bounce, track scritta apposta per far godere i propri fan dell’ ebbrezza del pogo, tutte le canzoni sono di alto livello e non c’è un riempitivo.
Si parte con Prison Song, una delle tracce più pesanti del disco, dove Tankian sfoggia tutte la sua versatilità passando da un momento all’altro dal canto pulito al growl.
Senza un attimo per poter prender fiato si arriva alla song n° 6, uno degli apici del disco, Chop Suey!:
in questa canzone viene toccato il tema della depressione e del suicidio.
Strofa con un riff schiacciasassi di Malakian e cantato velocissimo di Tankian: nel ritornello troviamo sonorità più morbide e nel gran finale addirittura un pianoforte ad accompagnare. Capolavoro!

Da menzionare A.T.W.A., dal movimento che formò il criminale Charles Manson, per la bellissima intro di sola chitarra ed i continui cambi di ritmo.
La title-track è un altro manifesto della musica dei SOAD: contrapposizione tra lento-veloce, melodia-potenza, riflessività-aggressività.
L'ultima traccia del disco è Aerials, brano più melodico, caratterizzato da un ipnotico giro di chitarra e da un testo pieno di significato (“Life is a waterfall / We're one in the river and one again after the fall”).
L’ultima sorpresa del disco è la ghost track dal sapore balcanico Arto, strumentale composta col musicista armeno Arto Tunçboyacıyan, che suona i più svariati strumenti (anche delle bottiglie di vetro!).
Insomma, un album imprescindibile per ogni amante della musica rock. Se già lo avete riascoltatelo, in caso contrario cosa state aspettando? Correte a comprarlo!


Ale M.


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f