Passa ai contenuti principali

Bishop Gunn più di un gruppo di supporto!


Nell’attesa di veder salire sul palco il mitico cilindro di Slash insieme a Miles Kennedy e ai fidati Conspirators, abbiamo avuto il piacere di ascoltare i Bishop Gunn, band emergente da tenere d’occhio.
Nell’accattivante cornice del Fabrique questi ragazzi del Mississippi hanno fatto in pieno il loro dovere, rompendo il ghiaccio col pubblico prima del main event.

La prima cosa che si può notare è il look stravagante del cantante e chitarrista Travis McCready, che si presenta con una variopinta vestaglia, occhiali da sole e berretto con visiera…non possiamo che apprezzare!
La sua voce sa essere ora più calda e avvolgente, ora più graffiante ed è ben valorizzata dal southern rock proposto dalla band, completata da Drew Smithers alla chitarra, Ben Lewis al basso e Burne Sharp alla batteria




L’influenza di leggende come i Lynyrd Skynyrd e i Black Crowes è ben evidente, ma i quattro del Mississippi ci mettono del loro e non sono solo una copia delle band storiche del genere.

La scaletta prevede solo sei brani: si parte con il groove di Let the People Know e dall’armonica di Bank of the River per scaldare gli animi.
Dopo il riff insistito di Silver Street torna l’armonica in Southern Discomfort, se per caso non avessimo ancora capito da dove arrivano questi ragazzi.
Una chitarra acustica introduce la ballata Makin’ it.



La conclusione è affidata alla coinvolgente Anything You Want, corredata da chitarra slide.
Dopo circa mezz’ora purtroppo l’ esibizione termina e i Bishop si prendono i meritati applausi.
Un gruppo sicuramente non innovativo, ma che propone un blues-rock sanguigno e senza fronzoli, che si comporta davvero bene in sede live e che apporta a nostro parere nuova linfa alla tradizione.

All’attivo hanno il solo album d’esordio Natchez (nome della città natale della band) del 2018, registrato nei leggendari Muscle Shoals Sound Studios, che hanno ospitato anche Rolling Stones e Lynyrd Skynyrd.
Speriamo che I Bisohp Gunn tornino presto in Italia e siamo curiosi di vedere quale sarà la direzione che seguiranno nei prossimi lavori.
Per concludere la chicca finale: a fine serata ritroviamo il frontman dai chioschi all’esterno del locale a condividere panino con la salamella, birra e selfie coi fans. 
Tutto molto Rock ‘n’ Roll!

Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock Mood By @luana.lemme: Back in Black, AC\DC

Ciao a tutti Rockers, è iniziata una nuova settimana e quale modo migliore di cominciare se non ascoltando del buon sano hard rock. Allora partiamo subito alzando al massimo il volume e schiacciando play suù “Back  In  Black”. Il riff di chitarra più famoso nella storia del rock che con solo tre semplici accordi è capace di far muovere qualsiasi persona come il mitico Angus. Il pezzo trasuda di grinta e vitalità e non potrebbe essere il contrario in quanto è stato scritto per ricordare il grande Bon Scott. “Ritorno al nero, colpisco la sacca, sono stato via troppo a lungo e sono contento di essere tornato” – ed è proprio così, la band ritorna in nero ma più forte di prima come se Scott non se fosse mai andato e riesce a trasmettere tutta l’energia con la quale vogliono andare avanti.  Qui c’è lo spirito del rock che difficilmente lascia indifferenti, è uno spirito fatto di riff, birra, Gibson e Marshall, divertimento, notti passate a suonare e a prendere in giro

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc