Passa ai contenuti principali

Bishop Gunn più di un gruppo di supporto!


Nell’attesa di veder salire sul palco il mitico cilindro di Slash insieme a Miles Kennedy e ai fidati Conspirators, abbiamo avuto il piacere di ascoltare i Bishop Gunn, band emergente da tenere d’occhio.
Nell’accattivante cornice del Fabrique questi ragazzi del Mississippi hanno fatto in pieno il loro dovere, rompendo il ghiaccio col pubblico prima del main event.

La prima cosa che si può notare è il look stravagante del cantante e chitarrista Travis McCready, che si presenta con una variopinta vestaglia, occhiali da sole e berretto con visiera…non possiamo che apprezzare!
La sua voce sa essere ora più calda e avvolgente, ora più graffiante ed è ben valorizzata dal southern rock proposto dalla band, completata da Drew Smithers alla chitarra, Ben Lewis al basso e Burne Sharp alla batteria




L’influenza di leggende come i Lynyrd Skynyrd e i Black Crowes è ben evidente, ma i quattro del Mississippi ci mettono del loro e non sono solo una copia delle band storiche del genere.

La scaletta prevede solo sei brani: si parte con il groove di Let the People Know e dall’armonica di Bank of the River per scaldare gli animi.
Dopo il riff insistito di Silver Street torna l’armonica in Southern Discomfort, se per caso non avessimo ancora capito da dove arrivano questi ragazzi.
Una chitarra acustica introduce la ballata Makin’ it.



La conclusione è affidata alla coinvolgente Anything You Want, corredata da chitarra slide.
Dopo circa mezz’ora purtroppo l’ esibizione termina e i Bishop si prendono i meritati applausi.
Un gruppo sicuramente non innovativo, ma che propone un blues-rock sanguigno e senza fronzoli, che si comporta davvero bene in sede live e che apporta a nostro parere nuova linfa alla tradizione.

All’attivo hanno il solo album d’esordio Natchez (nome della città natale della band) del 2018, registrato nei leggendari Muscle Shoals Sound Studios, che hanno ospitato anche Rolling Stones e Lynyrd Skynyrd.
Speriamo che I Bisohp Gunn tornino presto in Italia e siamo curiosi di vedere quale sarà la direzione che seguiranno nei prossimi lavori.
Per concludere la chicca finale: a fine serata ritroviamo il frontman dai chioschi all’esterno del locale a condividere panino con la salamella, birra e selfie coi fans. 
Tutto molto Rock ‘n’ Roll!

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran