Passa ai contenuti principali

Slash al Fabrique di Milano!


Che nottata rockers!
Slash, Miles Kennedy e i Conspirators hanno dato vita a uno di quegli eventi che ti rimangono impressi per mesi a venire.
Nella cornice underground del meraviglioso Fabrique di Milano qualsiasi evento che si preannuncia grandioso diventa ben più di quello che sono le aspettative, sarà la vicinanza dagli artisti, sarà che ieri sera si respirava rock 'n roll ovunque ci si girasse ma di una sera così, in Italia, ne avevamo assolutamente bisogno.

Entriamo nel dettaglio di ciò che Slash&Miles ci hanno fatto ascoltare ieri.

La serata si è aperta con un bel gruppo rock-blues chiamato Bishopp Gunn (di cui parleremo) che dopo venti minuti di intrattenimento ha lasciato il palco a un puntualissimo Slash, iniziando addirittura alle 20.58 (due minuti in anticipo!) con The Call Of Wind, che ha messo subito sull'attenti i più desiderosi di ascoltare le tonalità assurde di Miles e i primi assoli di Slash.



Con Halo,Ghost,Back From Cali iniziamo a capire di che pasta siano fatti i famigerati Conspirators, autori di grandi assoli di basso (Todd Kerns), batteria (Brent Fitz) e accompagnado quelli di Slash con la chitarra ritmica di (Frank Sidoris).

Il Fabrique esplode in un urlo di gioia e appare qualche cartellone, tra cui "Miles you are MY ANTIDOTE" ad accompagnare la canzone sugli antidoti appunto.



Dopo una malinconica, ma rockeggiante, Boulevard Of Broken Hearts, cantata da un Miles in forma startosferica ( di cui non si nota differenza tra live e studio) il microfono viene lasciato al bassista Kerns che da grande intrattenitore offre due stupende interpretazioni di We're All Gonna Die e Doctor Alibi, ricordando Lemmy dei Motorhead, co-autore del brano con Slash.

Ma ora veniamo al "nostro eroe con cilindro e occhiali", che suda, rompe corde e continua a suonare, salta, incita e a volte addirittura parla col pubblico! (cosa per lui non usuale) nel finale ricorda a tutti noi comuni mortali che anche lui è umano sbagliando ben due note!. Ma siamo al cospetto del Dio della chitarra, che ti fa sentire piccolo e estasiato quando lo guardi con le sue manone pronte a farti sciogliere con una assolo di nove minuti su Wicked Stone e a regalarti plettri e sorrisi su Driving Rain e By The Sword.

Fermi tutti! Momento Guns ! Si parte a bomba con Nightrain e tutte quelle magliette sfoggianti il logo dei GNR finalmente sono accontentate nel vedere un grondante Slash lasciare pozze di sudore sull' assolo più hard rock che sia.

Starlight e You're a Lie fanno da preludio a uno dei primi successi del team Slash-Miles cioè World On Fire, effettivamente "on fire" è lo slang giusto per definire lo stato d'animo dei rockers presenti c'è chi balla e c'è chi piange di gioia, tutte sensazioni che solo il rock può dare.




L'ultimo brano della serata diventa così una dolce-amara sensazione, la dolcezza ce la da Anastasia, il brano che mette più in mostra la paurosa tecnica di Slash e regala un riff che ti fa uscire canticchiando nella lunga fila verso l'uscita, nessuno vorrebbe andarsene da una serata così, con artisti così, con un dio della chitarra così, che ci ha regalato emozioni grandi così.

Thanks Slash!

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran