Passa ai contenuti principali

Il mondo cambia e la musica con lui




Il mondo cambia in tutto, e come tutto si evolve, la musica non è da meno e da un pò di anni l'avvento delle piattaforme digitali, quali Spotify, Deezer ecc.. ha messo a dura prova il mondo dei cd e vinili.
Analizziamo però i pro e i contro di questa nuova tendenza.

Primo. La qualità della musica.
Non c'è che dire ora si ha un suono molto migliore degli anni '60 e con Spotify si può, ad esempio, avere media o altissima qualità, cosa che è un pò strana da dire a un ascoltatore datato abituato a mettere giù la puntina e dare il via al suo vinile, per lui la qualità è una e una soltanto, la sua.
Ecco qui ci permettiamo di dissentire, è pur vero che il vinile ha in se un suono unico e irripetibile su altre piattaforme, ,ma non per questo è meglio di un suono pulito e arrangiato per gli speaker che circolano ora.

Secondo. La qualità della musica (il ritorno)
Se con le varie piattaforme abbiamo guadagnato più di qualcosa di buono in qualità di suono non si può dire lo stesso per la qualità di canzoni presenti nel giro del web. Se facessimo una stima (non solo rock ma di ogni genere) di quanta musica buona esce ora nel 2019 e quanta ne usciva nel 1969 rimarremo a bocca aperta, perché non solo cinquant'anni fa uscivano singoli molto più buoni, qualitativamente, di oggi (dato confermato dal fatto che vengono ascoltati ancora oggi) ma addirittura erano più venduti. Qui cade il tasto dolente della situazione, non sarà che il fatto di avere il web (che è una arma a doppio taglio) a disposizione pone le case discografiche a sentirsi obbligate a fare hit con lo stampino?  
E non sarà che noi, che non ci fermiamo mai di ascoltare dal web anche playlist casuali, dovremmo fare un passo indietro e ricominciare ad acquistare album dal negozio di fiducia?
Perché, forse, chi ascolta non ha più lo spirito critico di anni fa e ormai lo fa giusto per ascoltare, mancando di capire il senso integrale di un album per aver ascoltato solo il singolo che gli ha proposto la sua app di fiducia o per non avere ammirato la cover del ultimo album, che magari è stata dipinta apposta da un artista, o che ne so da un membro del gruppo come nei primi anni '90, soltanto perché ascoltando in riproduzione casuale "chissene della copertina mi basta una canzone via l'altra"

Noi siamo i primi ad usare le varie app che sono in giro ormai da anni e ne consigliamo l'uso a tutti, sopratutto per scoprire musica nuova e di una volta, ed è bello avere una app che ti dice cosa potresti ascoltare ma ragazzi, quanto è bello avere un album in mano, aprire il vano cd e premere play?

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e