Passa ai contenuti principali

Il mondo cambia e la musica con lui




Il mondo cambia in tutto, e come tutto si evolve, la musica non è da meno e da un pò di anni l'avvento delle piattaforme digitali, quali Spotify, Deezer ecc.. ha messo a dura prova il mondo dei cd e vinili.
Analizziamo però i pro e i contro di questa nuova tendenza.

Primo. La qualità della musica.
Non c'è che dire ora si ha un suono molto migliore degli anni '60 e con Spotify si può, ad esempio, avere media o altissima qualità, cosa che è un pò strana da dire a un ascoltatore datato abituato a mettere giù la puntina e dare il via al suo vinile, per lui la qualità è una e una soltanto, la sua.
Ecco qui ci permettiamo di dissentire, è pur vero che il vinile ha in se un suono unico e irripetibile su altre piattaforme, ,ma non per questo è meglio di un suono pulito e arrangiato per gli speaker che circolano ora.

Secondo. La qualità della musica (il ritorno)
Se con le varie piattaforme abbiamo guadagnato più di qualcosa di buono in qualità di suono non si può dire lo stesso per la qualità di canzoni presenti nel giro del web. Se facessimo una stima (non solo rock ma di ogni genere) di quanta musica buona esce ora nel 2019 e quanta ne usciva nel 1969 rimarremo a bocca aperta, perché non solo cinquant'anni fa uscivano singoli molto più buoni, qualitativamente, di oggi (dato confermato dal fatto che vengono ascoltati ancora oggi) ma addirittura erano più venduti. Qui cade il tasto dolente della situazione, non sarà che il fatto di avere il web (che è una arma a doppio taglio) a disposizione pone le case discografiche a sentirsi obbligate a fare hit con lo stampino?  
E non sarà che noi, che non ci fermiamo mai di ascoltare dal web anche playlist casuali, dovremmo fare un passo indietro e ricominciare ad acquistare album dal negozio di fiducia?
Perché, forse, chi ascolta non ha più lo spirito critico di anni fa e ormai lo fa giusto per ascoltare, mancando di capire il senso integrale di un album per aver ascoltato solo il singolo che gli ha proposto la sua app di fiducia o per non avere ammirato la cover del ultimo album, che magari è stata dipinta apposta da un artista, o che ne so da un membro del gruppo come nei primi anni '90, soltanto perché ascoltando in riproduzione casuale "chissene della copertina mi basta una canzone via l'altra"

Noi siamo i primi ad usare le varie app che sono in giro ormai da anni e ne consigliamo l'uso a tutti, sopratutto per scoprire musica nuova e di una volta, ed è bello avere una app che ti dice cosa potresti ascoltare ma ragazzi, quanto è bello avere un album in mano, aprire il vano cd e premere play?

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista alla band francese i ROAH

C iao e grazie per l'intervista. Partiamo dalla fondazione della vostra band dove, quando e perché ?! Pierre :  Mio fratello (Clément Afoumado) e io (Pierre Afoumado) abbiamo fondato la band all'inizio del 2017. All'inizio del 2016, eravamo in diversi paesi, Clément era in Canada e io nel Regno Unito (Londra). Ero in un'altra band a Londra e ho deciso di avviare il mio progetto con Clément per creare qualcosa dalla nostra musica. Nel 2017 siamo tornati in Francia e abbiamo iniziato a lavorare sulla nostra musica e trovare altri musicisti. Juan Barragan, il bassista, si è unito subito dopo e successivamente nel 2018, Quentin Thevenard (voce) e Romuald Carbone (batteria) si sono uniti a noi. Juan era il compagno di classe di Clément e colleghi di Quentin e Romuald Pierre (nell'industria dei videogiochi).    Cosa ci dite della vostra ultima canzone "Old Friend"? Clément È stata scritta qualche anno fa. La canzone parla di amici che hanno preso due strade d

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc