Passa ai contenuti principali

Metallica a Milano



Finalmente ci siamo! L’attesa unica data italiana dei del Worldwired Tour dei Metallica è arrivata e noi siamo pronti a godercela.
Mentre ci addentriamo nell’ippodromo di San Siro i Bokassa, provenienti dalla Norvegia e dei quali Lars Ulrich è grande fan, stanno aprendo le danze.
Una ninna nanna spettrale introduce i Ghost, band mascherata come in un film horror, che ormai ha un certo seguito e che propone un sound gotico reso vario dall’uso insistente delle tastiere.



Fin da subito si capisce che la qualità dell’impianto audio non è delle migliori, forse anche a causa del vento che tira, e il volume non sembra adeguato ad un concerto metal di tale portata.
Sopra le nostre teste c’è un cielo minaccioso quando sui maxi-schermi partono le immagini de “Il buono, il brutto, il cattivo” di Sergio Leone sulle note de “L’estasi dell’oro” di Ennio Morricone.
Ecco che parte il  ritmo martellante di “Hardwired”, tratta dall’ultimo album: ci siamo!
I Four Horsemen compaiono sul palco accolti dal boato del pubblico e vanno subito ai mille all’ora: Hardwired è una scarica di adrenalina.
Dopo “The Memory Remains” arriva il primo classico “Ride The Lightning” dal secondo album della band, sul quale Kirk Hammet sfodera un assolo da brividi dimostrandosi un solista fenomenale.
La prima parte della scaletta si divide equamente tra brani tratti dal Black Album e dall’ultimo lavoro della band.
James Hetfield è sempre una macchina a livello ritmico, la voce inevitabilmente non è più ruggente come un tempo e sugli acuti si nota un po’ di fatica, compensata però dal mestiere del frontman.
Rumori di spari ed immagini belliche introducono “One”, uno dei pezzi più noti dei Metallica: qui però qualcosa sembra andare storto e i quattro non girano a dovere.
La pioggia intanto ha iniziato a scendere prima leggera e poi più insistente: il campo dell’ippodromo diventa presto un pantano che però non impedisce al pubblico di continuare a saltare e cantare.
Master! Un ruggito rimbomba nell’aria: il riff di “Master of Puppets” apre uno dei pezzi che hanno fatto la storia del metal. Qui i Metallica funzionano alla grande ed emozionano.



Di seguito “For Whom the Bell Tolls”, “Creepin Death” e “Seek & Destroy” aumentano il numero di brani storici dei Four Horsemen: è il momento più intenso della serata.
La conclusione è affidata ai classici “Nothing Else Matters” e “Enter Sandman”.
A metà serata c’è anche tempo per il momento divertimento di Robert Trujillo e Kirk Hammet che omaggiano i Litfiba con una cover di “El Diablo” cantata dal bassista: prestazione non memorabile, ma va bene così visto che i ragazzi non si prendono troppo sul serio.


Strappa una risata Kirk Hammet quando durante la serata scivola sul pedale del wah-wah e finisce gambe all’aria! Niente di grave per fortuna.



In conclusione non possiamo che essere soddisfatti di aver visto dal vivo delle leggende come i Metallica: forse in alcuni momenti non sono sembrati in perfetta forma, ma in altri ci hanno davvero emozionato.
E poi cosa si può chiedere ancora a quattro musicisti che hanno fatto la storia della musica e che pur non essendo più dei ragazzini hanno suonato per quasi tre ore sotto la pioggia senza fare una piega.
Arrivederci e a presto, Metallica!

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e