Passa ai contenuti principali

Motorpsycho a Genova


Siamo ritornati nella bella cornice genovese de La Claque, questa volta per ascoltare un gruppo storico: i Motorpsycho (non è un caso se il loro nome indica un qualcosa di ipnotico).
E’ un gruppo difficile da etichettare in una precisa categoria visto che nella propria carriera ha spaziato fra vari generi ed influenze.
Nell’esibizione di questa serata li potremmo definire degli hard rocker psichedelici, che ti ammaliano con la propria bravura e ti ipnotizzano con suoni tonanti e code strumentali interminabili.

Il set ha inizio con The Tower, seguita da Ship of Fools: due pezzacci che mettono in mostra le dita di acciaio di Hans Magnus Ryan, tutto barba e assoli infiniti presenti in ogni brano come marchio di fabbrica.

Altro gran bel rock viene fuori da Psychotzar, The Other Fool e The Cuckoo in cui la voce di Bent Sæther, membro fin dagli esordi della band, si fa sentire più spesso.
La percentuale tra voce e momenti strumentali è comunque assolutamente a favore della seconda componente nei lunghi brani, che in molti casi superano anche i dieci minuti. 

The Crucible e Mountain sono pezzi splendidi, realizzati come nella versione in studio.
Vi assicuriamo che qui l'effetto ipnosi si fa davvero sentire e si ha come la sensazione di essere parte integrante della band.
Il coinvolgimento è grande e vorremmo che la serata non finisse mai.

Purtroppo però la serata volge al ermine: il gruppo si congeda con le stupende Walking on the Water e 577, infinite marce psichedeliche di chitarra elettrica, basso, tastiera e una batteria provata dalle mille battute. 

La sezione acustica collocata a metà concerto passa quasi in secondo piano schiacciata tra brani più duri ed estremi che la band spinge fino alla morte. 

A La Claque di Genova i norvegesi Motorpsycho hanno ipnotizzato tutti, noi compresi, per  due ore e mezza di pura follia Hard rock molto molto progressivo e psichedelico, lasciandoci i timpani in fiamme ma felici e contenti. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e