Passa ai contenuti principali

Rock album- Weezer Blue Album



Siamo nel Maggio del 1994 quando nei negozi arriva un album che ritrae in copertina quattro ragazzi dal look tipicamente nerd e dall’espressione non proprio geniale…questi sono i Weezer e all’apparenza non potremmo che definirli quattro “sfigati”.
Non appena però parte la prima traccia dell’omonimo disco d’esordio (detto anche Blue Album) capiamo che tanto sfigati non sono, ma al contrario la band è piena di talento e non rinnega le proprie origini nerd.
My Name Is Jonas inizia con un arpeggio di chitarra acustica che si alterna a sfuriate di distorsione e ci racconta di un incidente d’auto e dei problemi con l’assicurazione del fratello del leader e mente del gruppo Rivers Cuomo (voce e chitarra ed autore di tutti i testi).



ll ritornello ti entra subito in testa e ce ne vuole per farlo uscire: non sarà l’unico della tracklist.
Rivers a quanto pare è molto geloso della propria ragazza e ce lo dice con la potente No One Else (altro ritornello micidiale): subito dopo si domanda del perché lei lo abbia lasciato nella malinconica e bellissima The World Has Turned and Left Me Here.
La song n° 4 Buddy Holly è forse la più nota dei Weezer: da ricordare il mitico videoclip realizzato da Spike Jonze dove la band suona sul set di Happy Days.


Il gruppo proveniente da Los Angeles (completato da Brian Bell alla chitarra, Matt Sharp al basso e Patrick Wilson alla batteria)  uscì in un periodo dominato dal grunge ed inizialmente fece fatica ad imporsi non avendo nei propri pezzi la rabbia e la depressione tipiche di quel genere ne tantomeno camice di flanella e folte chiome.
Nonostante ciò nei testi si riscontrano gli stessi problemi esistenziali che tormentavano gente come Kurt Cobain o Eddie Vedder, solamente visti con atteggiamento più ironico e scanzonato.
Cosa dire di In The Garage che ci spiega come il garage sia il luogo dove si è al sicuro dal giudizio del mondo esterno e con la quale i Weezer rivendicano il proprio essere Nerd (“I’ve got a Dungeon Master’s  guide, i’ve got a 12-sided die”)?
O della fantastica Say It Ain’t So nella quale una lattina di birra riporta alla mente i problemi con l’alcol del padre del leader e la separazione dalla madre?


Il mood dei testi non è poi così differente da quello del grunge.
L’album si conclude con Only in Dreams, il brano più lungo del lotto (8 minuti) con un grande assolo finale di Cuomo.
Il successo del Blue Album è dovuto anche alla produzione di Rick Ocasek dei Cars, che guidò la band riuscendo a valorizzare tutto il potenziale delle già ottime canzoni a disposizione.
Un disco d’esordio del genere non si vede tutti i giorni e merita di essere ricordato tra i capolavori del rock alternativo: lunga vita a questi quattro “sfigati”!

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e