Passa ai contenuti principali

Rock album- Weezer Blue Album



Siamo nel Maggio del 1994 quando nei negozi arriva un album che ritrae in copertina quattro ragazzi dal look tipicamente nerd e dall’espressione non proprio geniale…questi sono i Weezer e all’apparenza non potremmo che definirli quattro “sfigati”.
Non appena però parte la prima traccia dell’omonimo disco d’esordio (detto anche Blue Album) capiamo che tanto sfigati non sono, ma al contrario la band è piena di talento e non rinnega le proprie origini nerd.
My Name Is Jonas inizia con un arpeggio di chitarra acustica che si alterna a sfuriate di distorsione e ci racconta di un incidente d’auto e dei problemi con l’assicurazione del fratello del leader e mente del gruppo Rivers Cuomo (voce e chitarra ed autore di tutti i testi).



ll ritornello ti entra subito in testa e ce ne vuole per farlo uscire: non sarà l’unico della tracklist.
Rivers a quanto pare è molto geloso della propria ragazza e ce lo dice con la potente No One Else (altro ritornello micidiale): subito dopo si domanda del perché lei lo abbia lasciato nella malinconica e bellissima The World Has Turned and Left Me Here.
La song n° 4 Buddy Holly è forse la più nota dei Weezer: da ricordare il mitico videoclip realizzato da Spike Jonze dove la band suona sul set di Happy Days.


Il gruppo proveniente da Los Angeles (completato da Brian Bell alla chitarra, Matt Sharp al basso e Patrick Wilson alla batteria)  uscì in un periodo dominato dal grunge ed inizialmente fece fatica ad imporsi non avendo nei propri pezzi la rabbia e la depressione tipiche di quel genere ne tantomeno camice di flanella e folte chiome.
Nonostante ciò nei testi si riscontrano gli stessi problemi esistenziali che tormentavano gente come Kurt Cobain o Eddie Vedder, solamente visti con atteggiamento più ironico e scanzonato.
Cosa dire di In The Garage che ci spiega come il garage sia il luogo dove si è al sicuro dal giudizio del mondo esterno e con la quale i Weezer rivendicano il proprio essere Nerd (“I’ve got a Dungeon Master’s  guide, i’ve got a 12-sided die”)?
O della fantastica Say It Ain’t So nella quale una lattina di birra riporta alla mente i problemi con l’alcol del padre del leader e la separazione dalla madre?


Il mood dei testi non è poi così differente da quello del grunge.
L’album si conclude con Only in Dreams, il brano più lungo del lotto (8 minuti) con un grande assolo finale di Cuomo.
Il successo del Blue Album è dovuto anche alla produzione di Rick Ocasek dei Cars, che guidò la band riuscendo a valorizzare tutto il potenziale delle già ottime canzoni a disposizione.
Un disco d’esordio del genere non si vede tutti i giorni e merita di essere ricordato tra i capolavori del rock alternativo: lunga vita a questi quattro “sfigati”!

Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock Mood By @luana.lemme: Back in Black, AC\DC

Ciao a tutti Rockers, è iniziata una nuova settimana e quale modo migliore di cominciare se non ascoltando del buon sano hard rock. Allora partiamo subito alzando al massimo il volume e schiacciando play suù “Back  In  Black”. Il riff di chitarra più famoso nella storia del rock che con solo tre semplici accordi è capace di far muovere qualsiasi persona come il mitico Angus. Il pezzo trasuda di grinta e vitalità e non potrebbe essere il contrario in quanto è stato scritto per ricordare il grande Bon Scott. “Ritorno al nero, colpisco la sacca, sono stato via troppo a lungo e sono contento di essere tornato” – ed è proprio così, la band ritorna in nero ma più forte di prima come se Scott non se fosse mai andato e riesce a trasmettere tutta l’energia con la quale vogliono andare avanti.  Qui c’è lo spirito del rock che difficilmente lascia indifferenti, è uno spirito fatto di riff, birra, Gibson e Marshall, divertimento, notti passate a suonare e a prendere in giro

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc