Passa ai contenuti principali

Rock album- Weezer Blue Album



Siamo nel Maggio del 1994 quando nei negozi arriva un album che ritrae in copertina quattro ragazzi dal look tipicamente nerd e dall’espressione non proprio geniale…questi sono i Weezer e all’apparenza non potremmo che definirli quattro “sfigati”.
Non appena però parte la prima traccia dell’omonimo disco d’esordio (detto anche Blue Album) capiamo che tanto sfigati non sono, ma al contrario la band è piena di talento e non rinnega le proprie origini nerd.
My Name Is Jonas inizia con un arpeggio di chitarra acustica che si alterna a sfuriate di distorsione e ci racconta di un incidente d’auto e dei problemi con l’assicurazione del fratello del leader e mente del gruppo Rivers Cuomo (voce e chitarra ed autore di tutti i testi).



ll ritornello ti entra subito in testa e ce ne vuole per farlo uscire: non sarà l’unico della tracklist.
Rivers a quanto pare è molto geloso della propria ragazza e ce lo dice con la potente No One Else (altro ritornello micidiale): subito dopo si domanda del perché lei lo abbia lasciato nella malinconica e bellissima The World Has Turned and Left Me Here.
La song n° 4 Buddy Holly è forse la più nota dei Weezer: da ricordare il mitico videoclip realizzato da Spike Jonze dove la band suona sul set di Happy Days.


Il gruppo proveniente da Los Angeles (completato da Brian Bell alla chitarra, Matt Sharp al basso e Patrick Wilson alla batteria)  uscì in un periodo dominato dal grunge ed inizialmente fece fatica ad imporsi non avendo nei propri pezzi la rabbia e la depressione tipiche di quel genere ne tantomeno camice di flanella e folte chiome.
Nonostante ciò nei testi si riscontrano gli stessi problemi esistenziali che tormentavano gente come Kurt Cobain o Eddie Vedder, solamente visti con atteggiamento più ironico e scanzonato.
Cosa dire di In The Garage che ci spiega come il garage sia il luogo dove si è al sicuro dal giudizio del mondo esterno e con la quale i Weezer rivendicano il proprio essere Nerd (“I’ve got a Dungeon Master’s  guide, i’ve got a 12-sided die”)?
O della fantastica Say It Ain’t So nella quale una lattina di birra riporta alla mente i problemi con l’alcol del padre del leader e la separazione dalla madre?


Il mood dei testi non è poi così differente da quello del grunge.
L’album si conclude con Only in Dreams, il brano più lungo del lotto (8 minuti) con un grande assolo finale di Cuomo.
Il successo del Blue Album è dovuto anche alla produzione di Rick Ocasek dei Cars, che guidò la band riuscendo a valorizzare tutto il potenziale delle già ottime canzoni a disposizione.
Un disco d’esordio del genere non si vede tutti i giorni e merita di essere ricordato tra i capolavori del rock alternativo: lunga vita a questi quattro “sfigati”!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

LaRagazza del Rock ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI DEL ROCK!

Ciao Amici Rockettari,  eccomi ancora qui, stavolta vi porto a spasso con me! Parliamo di luoghi “ROCK”. Possono essere concerti, stadi, strade o Hotel, poco importa… vengono ricordati nell’immaginario collettivo  poiché è successo qualcosa di veramente sensazionale e che ha cambiato la storia. In attesa di poter riprendere a viaggiare normalmente, di essere liberi di prendere un aereo per finire chissà dove, facciamoci un bel tour nei luoghi più famosi del rock! Questo è l’itinerario: per rendere giustizia rechiamoci in primis dove è nato il genere:  STATI UNITI D’AMERICA:  OHIO – CLEVELAND : il Rock & Roll Hall of Fame è un museo alla memoria dei più importanti artisti e  personalità della musica: Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Buddy Holly, Chuck Berry….  Tra le mostre temporanee vi cito alcuni degli artisti meglio rappresentati come Elvis Presley, The Who, John, Lennon, U2, Bob Dylan, The Clash. Per prendere un po’ di sole, ci spostiamo in CALIFORNIA – EL CERRITO: La “Metallima