Passa ai contenuti principali

Kiss live @Milano


C'è qualcosa di magico che si respira a un concerto dei Kiss e ieri sera ne abbiamo avuto la prova.

Tutto inizia all' improvviso, una voce ci dice che se siamo venuti qui per vedere il meglio, avremo il meglio e.... Detroit Rock City ci dimostra subito di che pasta sono fatti, nonostante gli anni i quattro mascheroni sul palco.

Gene Simmons nella sua tipica armatura continua a sfornare le sue scenette preferite, come il mangiafuoco o lo sputasangue, ma quando è chiamato in causa a cantare la sua voce appare ancora più cattiva di sempre, onorando la sua immagine di "The Demon" 


I successi ci sono stati proposti quasi tutti da Deuce,War Machine,Lick it Up a Psycho Circus e ognuno dei Kiss ha avuto il suo momento di gloria personale, il batterista "The Cat" Eric Singer è stato innalzato a 7 metri dal suolo durante un suo fantastico assolo chiamata-risposta col pubblico, il chitarrista Tommy Thayer ha esploso fuochi d'artificio direttamente dal manico della sua Les Paul e il mitico Paul Stanley ha cantato in mezzo alla piattaforma rialzata tra il pubblico trasportato da una teleferica, che ha annullato la distanza tra pubblico e cantante facendoci sentire realmente immersi nel loro Kiss Army.



Stupisce come tutto sia organizzato alla perfezione, sul palco e fuori, i fuochi d'artificio e le fiamme hanno fatto parte integrante dello show e sono esplosi vicino a noi in sincronia perfetta con la musica.
I quattro Kiss sembrano non invecchiare mai, la loro perfomance è stata straordinaria e se questa sarà davvero la "End of the road" siamo onorati di aver visto il loro saluto finale ad un pubblico che mai li dimenticherà e che sicuramente tramanderà ai posteri canzoni stupende di un rock che non morirà mai.



Ci salutano eseguendo il loro  classico Rock and roll All Nite, che tra esplosioni pirotecniche, una marea di coriandoli rosso e bianchi e l'energia che sprigionano sul palco fa chiudere la serata con un pò di malinconia ma tanto rock nel cuore, e per rock si intende quel misto tra entusiasmo, gioia e fierezza di averne fatto parte.


We Want the best, we had it, grazie Kiss.



Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran