Passa ai contenuti principali

Muse a San Siro!


Seconda serata consecutiva a San Siro per i Muse. La band britannica viene preceduta delle esibizioni dei Mini Mansion e di Nic Cester, frontman dei Jet (non poteva mancare nella scaletta Are You Gona Be My Girl?) alle prese col suo progetto solista.
In leggero ritardo , i Muse si presentano sulle note di Algorithm,  spuntando da pedane che ascendono da sotto il palco.

Precisiamo subito che la nostra posizione (terzo anello) non è stata ideale per godere appieno dello spettacolo offerto dal trio: da qui l’audio non era ottimale e la chitarra di Matthew Bellamy in molte occasioni spariva nel sound globale della band. Probabilmente dal prato la situazione era diversa.
In ogni caso un concerto dei Muse si può definire uno spettacolo vero e proprio: tante coreografie e giochi di luce, mostri giganteschi che si aggirano sul palco e i tre musicisti che si muovono di continuo cambiando spesso la propria postazione.

Bellamy parla poco col pubblico, ma sa come coinvolgerlo: canta, suona chitarra e pianoforte e indossa giacche luccicanti e occhiali futuristici.
La scaletta prevede ovviamente molti pezzi dall’ultimo album Simulation Theory, nel quale le atmosfere sono decisamente elettroniche e quasi dance in alcuni frangenti, cosa che potrebbe non piacere ai fan storici.
Non mancano però i classici del gruppo come Plug In Baby, Time is Running Out e Starlight, che fanno scatenare e cantare a squarciagola l’intero stadio.
La band non si ferma un attimo e suona per più di due ore che scorrono velocissime: così ci troviamo al gran finale quando ci sembra di avere appena iniziato.


La conclusione è una scarica di adrenalina pura! Si torna alle origini con New Born e il suo riff iper-distorto prima del gran finale affidato a Knights Of Cydonia, con la folla che sembra far tremare lo stadio saltando.
Nonostante il nostro giudizio finale sia condizionato dalla posizione non proprio ottimale, i Muse ci sono apparsi in ottima forma e difficilmente vi troverete insoddisfatti se andrete a vederli: lo spettacolo è totale e il coinvolgimento è assicurato!

Se volete rivivere il concerto andate sulle nostre storie in evidenza sulla pagina instagram!

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista alla band francese i ROAH

C iao e grazie per l'intervista. Partiamo dalla fondazione della vostra band dove, quando e perché ?! Pierre :  Mio fratello (Clément Afoumado) e io (Pierre Afoumado) abbiamo fondato la band all'inizio del 2017. All'inizio del 2016, eravamo in diversi paesi, Clément era in Canada e io nel Regno Unito (Londra). Ero in un'altra band a Londra e ho deciso di avviare il mio progetto con Clément per creare qualcosa dalla nostra musica. Nel 2017 siamo tornati in Francia e abbiamo iniziato a lavorare sulla nostra musica e trovare altri musicisti. Juan Barragan, il bassista, si è unito subito dopo e successivamente nel 2018, Quentin Thevenard (voce) e Romuald Carbone (batteria) si sono uniti a noi. Juan era il compagno di classe di Clément e colleghi di Quentin e Romuald Pierre (nell'industria dei videogiochi).    Cosa ci dite della vostra ultima canzone "Old Friend"? Clément È stata scritta qualche anno fa. La canzone parla di amici che hanno preso due strade d

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc