Passa ai contenuti principali

Rock Stories - Non si scherza con il batterista

“Ma che ore sono? Le cinque del mattino? Ma chi cazzo è che telefona a quest’ora della notte?”

Ottobre del 1984, siamo ad Amsterdam. Charlie Watts, il batterista dei Rolling Stones è nella sua stanza d’albergo quando riceve una telefonata. Accende la luce, guarda l’ora e si stupisce.

Lui non è come gli altri Stones. Sempre fedele alla moglie Shirley, è l’unico a rifiutare le groupies, anche se Mick Jagger e Keith Richards continuano a ripetergli che è pazzo, che la vita è una sola e quella degli Stones è la migliore delle vite possibili. Persino quando sono stati invitati nella villa di Hugh Hefner, il boss di “Playboy”, durante il tour americano del 1972, Watts è stato l’unico a trascorrere tutto il tempo nella sala giochi invece che con le conigliette.

Insomma, non è normale che qualcuno lo chiami alle cinque del mattino, a meno che sia successo qualcosa di grave.

Così va a rispondere.

È Mick Jagger.

Lui e Keith Richards, ma questo Charlie Watts lo saprà soltanto in seguito, sono appena tornati da una notte di alcol ed eccessi vari ed eventuali.

“Perché non chiamiamo Charlie?”, dice a Keith.

“Be’, lo conosci. A quest’ora dorme.”

“Chiamiamolo lo stesso”, dice Mick.

Jagger fa il numero della stanza di Watts.

“Ehi, dov’è il mio batterista?”, chiede. “Perché non trascini il tuo culo fino a qui?”

Charlie Watts non dice una parola, appende la cornetta, va in bagno, si fa la barba, si mette lo smoking, lucida le scarpe, le indossa. Esce dalla stanza, raggiunge Jagger nella camera di Keith, si avvicina e gli sferra un sensazionale pugno in faccia.

Jagger finisce sopra un piatto di salmone affumicato, Keith Richards lo afferra per una gamba impedendogli così di precipitare dalla finestra aperta al ventesimo piano.

Jagger non accenna a rialzarsi, guarda Charlie Watts con aria interrogativa.

E Charlie Watts gli dice: “Non mi chiamare mai più il mio batterista. Sei tu il mio fottuto cantante del cazzo!”.


Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran