Passa ai contenuti principali

It's only rock 'n roll by Paolo Maiorino : Bruce Dickinson


La mia transizione da “appassionato” cronista di musica, ad altrettanto entusiasta discografico è stato un processo veloce ma non indolore. Nel giro di 10 anni esatti, passai dall’idolatria per Bruce Dickinson, nuovo vocalist dei Maiden, a partire dal monumentale The Number of the Beast, alla possibilità ripetuta di intervistarlo, per conto di Metal Shock e altri magazines, sia per il suo ruolo nella band, che per l’esordio da solista intitolato Tattoed Millionaire e finendo appunto, qualche anno più tardi, ad occuparmi della sua cartiera e dei suoi dischi, da discografico della Emi. Un salto triplo carpiato niente male direi! Con tutto quello che ne consegue, soprattutto a livello d’approccio.



Figuriamoci la sua sorpresa quando nel 1994 andai a prenderlo in aeroporto per la data romana di lancio di Balls To Picasso, suo secondo album solista! E il mio ricordo coincide con un episodio molto particolare che a distanza di tanti anni, me lo fa ancor di più apprezzare, soprattutto a livello umano.
Nel quadro delle attività previste avevo concordato una presentazione in un negozio specializzato della Capitale, sottostimando clamorosamente le potenzialità di affluenza di fans.

Quando arrivammo sul posto, la situazione era completamente ingestibile ed il servizio di sicurezza inadeguato alla portata dell’evento. Per giunta Bruce avrebbe dovuto esibirsi chitarra e voce in acustico. Bastò’ uno sguardo e Mr. Dickinson mi disse all’orecchio, che avremmo dovuto improvvisare per evitare il peggio. Così, in due e nel giro di 10 minuti riuscimmo a riorganizzarci e fare di fatto tutto. E mentre ero plausibilmente nel panico, fu Lui a tranquillizzarmi e comunicarmi serenità .

“Paolo non usciamo da qui fino a quando non avrò stretto la mano all’ultimo in fila che ha diritto come gli altri ed è venuto qui per me”. La sera a cena mi scusai con Lui, che mi disse che certe situazioni possono accadere e l’importante e mantenere i nervi saldi e gestirle al meglio per non scontentare nessuno. E passò la serata a raccontarmi della sua attività di pilota e del brevetto che aveva conseguito dopo non so quante ore di volo!


 Avrebbe potuto lamentarsi e ne avrebbe avuto tutto il diritto, una volta tornato in UK; Invece mi arrivo un messaggio di ringraziamento per come era stato accolto a Roma e per la cura che avevo dimostrato nel lavorare al suo progetto. Quel giorno imparai una lezione determinante per il mio futuro professionale ed ebbi modo di constatare che professionista e uomo fosse Bruce Dickinson. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e