Passa ai contenuti principali

It's only rock 'n roll By Paolo Maiorino : Zakk e Ozzy


14 Dicembre 1988, una data che non dimenticherò mai. Ero nel pieno del mio soggiorno americano che si protrasse dall’estate del 1986 al Natale del 1990. Frequentavo un master in giornalismo all’Indiana University a Bloomington, a circa un’ora di macchina da Indianapolis, capitale dello Stato.
E andava a tutti i concerti ed intervistavo chiunque, come inviato di Metal Shock, Flash, Chitarre ed altri magazines.




Ozzy venne a presentare No Rest For The Wicked, il primo album col suo nuovo axe hero: Zakk Wylde. Opening act gli Anthrax, freschi di State of Euphoria. Ho sempre pensato che il fatto di essere in Indiana fosse un incredibile vantaggio. A New York, Boston, Miami o Los Angeles non sarei mai riuscito a fare tutto quello che ho fatto. Ma Indianapolis era un centro nel Midwest e che un italiano continuasse a chiedere di intervistare chiunque da lì, deve essere suonato curioso e pittoresco e non ho mai avuto problemi! Dunque eccomi al Market Square Arena, casa degli Indiana Pacers per incontrare Danny Spitz, chitarrista degli Anthrax, con cui parlai di tante cose, tra le quali questa loro passione sfrenata per la metal bands francese Trust, di cui realizzarono la cover di “Antisocial”, proprio in State of Euphoria. 


Il tempo di una birra con Scott Ian e poi venni introdotto all’incontro con Zakk, che girava nel
backstage con a tracolla l’elettrica concentrica gialla e nera che tutti associammo a lui. Era entusiasta e un tantino nervoso e mentre parlavamo
nel camerino continuava ad abbozzare una sequenza di note che mi suonava familiare..... era l’assolo di “Devil’s Daughter”, che ad un certo punto mi chiese di poter suonare perché non riusciva a memorizzare una variazione nel solo, rispetto alla versione del disco. No, voglio dire.... mi fa sentire le due versioni e mi chiede se secondo me la seconda delle due possa essere più efficace ...... un bel momento ! 




Un capitolo totalmente a parte meriterebbe l’incontro con Ozzy. La faccio molto breve: intervista negata con Lui, ma mi invita a bere un thè nel camerino e parliamo di calcio e Metal, prende in braccio una figlia ed ad un certo punto arriva la moglie Sharon per chiedermi di lasciare Ozzy prima dello show.

Mi guardo gli Anthrax da dietro le quinte e poi resto li. Backstage. La porta del camerino di Ozzy è leggermente aperta. 
È li, seduto sulla sua poltrona di pelle. Sembra rilassato, un pochino perso . Poi ad un certo punto si alza di scatto e comincia a muoversi. È 10 metri da me, lo vedo pronunciare delle parole ma non capisco cosa e sono preoccupato che arrivi Sharon a cacciarmi via! It’s showtime: Ozzy viene accompagnato quasi di peso sul palco. 
Il primo pezzo in scaletta è “I don’t know” ma la cosa che mi sconvolge è il suo incredibile magnetismo. 
Ci sono 15 mila fans urlanti, che vanno praticamente in trance negli effetti sonori distorti e nel fumo che avvolge il palco e quando lui appare al centro dell scena, l’urlo è istantaneo e dilagante. Il pubblico accoglie il suo Sacerdote massimo. Restai tutto il  tempo lì inebetito da come Ozzy gestisse la scena e dettasse i tempi del live. 
14 Dicembre 1988, come potrei dimenticarlo .....



Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e