Passa ai contenuti principali

It's only rock 'n roll By Paolo Maiorino : Zakk e Ozzy


14 Dicembre 1988, una data che non dimenticherò mai. Ero nel pieno del mio soggiorno americano che si protrasse dall’estate del 1986 al Natale del 1990. Frequentavo un master in giornalismo all’Indiana University a Bloomington, a circa un’ora di macchina da Indianapolis, capitale dello Stato.
E andava a tutti i concerti ed intervistavo chiunque, come inviato di Metal Shock, Flash, Chitarre ed altri magazines.




Ozzy venne a presentare No Rest For The Wicked, il primo album col suo nuovo axe hero: Zakk Wylde. Opening act gli Anthrax, freschi di State of Euphoria. Ho sempre pensato che il fatto di essere in Indiana fosse un incredibile vantaggio. A New York, Boston, Miami o Los Angeles non sarei mai riuscito a fare tutto quello che ho fatto. Ma Indianapolis era un centro nel Midwest e che un italiano continuasse a chiedere di intervistare chiunque da lì, deve essere suonato curioso e pittoresco e non ho mai avuto problemi! Dunque eccomi al Market Square Arena, casa degli Indiana Pacers per incontrare Danny Spitz, chitarrista degli Anthrax, con cui parlai di tante cose, tra le quali questa loro passione sfrenata per la metal bands francese Trust, di cui realizzarono la cover di “Antisocial”, proprio in State of Euphoria. 


Il tempo di una birra con Scott Ian e poi venni introdotto all’incontro con Zakk, che girava nel
backstage con a tracolla l’elettrica concentrica gialla e nera che tutti associammo a lui. Era entusiasta e un tantino nervoso e mentre parlavamo
nel camerino continuava ad abbozzare una sequenza di note che mi suonava familiare..... era l’assolo di “Devil’s Daughter”, che ad un certo punto mi chiese di poter suonare perché non riusciva a memorizzare una variazione nel solo, rispetto alla versione del disco. No, voglio dire.... mi fa sentire le due versioni e mi chiede se secondo me la seconda delle due possa essere più efficace ...... un bel momento ! 




Un capitolo totalmente a parte meriterebbe l’incontro con Ozzy. La faccio molto breve: intervista negata con Lui, ma mi invita a bere un thè nel camerino e parliamo di calcio e Metal, prende in braccio una figlia ed ad un certo punto arriva la moglie Sharon per chiedermi di lasciare Ozzy prima dello show.

Mi guardo gli Anthrax da dietro le quinte e poi resto li. Backstage. La porta del camerino di Ozzy è leggermente aperta. 
È li, seduto sulla sua poltrona di pelle. Sembra rilassato, un pochino perso . Poi ad un certo punto si alza di scatto e comincia a muoversi. È 10 metri da me, lo vedo pronunciare delle parole ma non capisco cosa e sono preoccupato che arrivi Sharon a cacciarmi via! It’s showtime: Ozzy viene accompagnato quasi di peso sul palco. 
Il primo pezzo in scaletta è “I don’t know” ma la cosa che mi sconvolge è il suo incredibile magnetismo. 
Ci sono 15 mila fans urlanti, che vanno praticamente in trance negli effetti sonori distorti e nel fumo che avvolge il palco e quando lui appare al centro dell scena, l’urlo è istantaneo e dilagante. Il pubblico accoglie il suo Sacerdote massimo. Restai tutto il  tempo lì inebetito da come Ozzy gestisse la scena e dettasse i tempi del live. 
14 Dicembre 1988, come potrei dimenticarlo .....



Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f