Passa ai contenuti principali

Itsonlyrocknroll by Paolo Maiorino : Rush

Gli anni dal 1986 al 1992 sono stati per me fantastici. Come ho già detto, da Indianapolis prima e da Atlanta in seguito, le mie richieste di intervistare gli artisti in tour vennero progressivamente accettate da major e management e mi ritrovai ad incontrare band x me enormi, alla media di 2-3 a settimana .

Il 2 Marzo del 1988 i Rush suonavano al Market Square Arena di Indy. Hold Your Fire Tour, seconda parte. Chiesi di poter intervistare singolarmente Geddy Lee, Alex Lifeson e Neil Peart, adducendo motivi tecnici. 

Oltre agli argomenti generali avrei affrontato questioni legate ai vari strumenti . Pensai che mi avrebbero riso dietro e quando mi chiamarono per dirmi che avrei avuto un’ora con ciascuno, dovetti ascoltare una decina di volte il messaggio in segreteria per convincermi che non fosse uno scherzo. Ed una volta arrivato sul posto, nel primo pomeriggio mi presentarono Geddy, il quale si scusò con me (!!!) perché erano in procinto di fare un lungo soundcheck ed avrei dovuto attendere. 

Così ringraziai e mi incamminai verso l’uscita , ma fu proprio Lui che mi urlò “Stai andando dalla parte sbagliata ! L’ingresso in Arena é da questa parte!” Già. Vado ad intervistare i tre Rush e mi fanno assistere alle prove. 
Magari chissà mi regaleranno anche un milione di dollari ?!? Un bambino al luna park. Ero giovane, ma restai seduto per quasi due ore in completa estasi. Poi alle 5 circa, Geddy scende dal palco e mi concede la sua ora. Intervista straordinaria. Poi Alex e quindi Neil, con cui resto “solo” mezz’ora perché si è fatta una certa.
Mentre sono con Alex Lufeson e mi sta mostrando il suo arsenale, bussa alla porta Geddy che dice al chitarrista “È arrivato ! È appena atterrato!Stasera suona prima di noi.” Non ho il coraggio di chiedere chi.... guardò Alex che mi sussurra “...sorpresa...”.
Finisco le mie interviste ed esco dal backstage che sono le 7.30, il live inizia alle 8,45.
Guardò il biglietto e non menziona nessun gruppo spalla.....





Ovviamente mi hanno riservato un posto fantastico , ma sono a 30-40 metri dal palco e già allora la vista non era il mio punto di forza ! Vedo un biondo con la chitarra 12 corde che sale sul palco, ma le luci dell’impianto non si spengono . Situazione surreale, indifferenza generale . 

Poi ad un certo punto il tipo si avvicina al microfono e fa “Ciao, i miei amici mi hanno chiamato all’alba per chiedermi se avessi avuto voglia di venire qui stasera e suonare un paio di pezzi prima del loro live. Cazzo si! Certo che ne ho voglia ! Così ho preso un aereo ed eccomi qui. Qualcuno di voi si ricorderà di me e della mia band.... io sono Tommy Shaw degli Styx.”
E sono rimasto tipo cristallizzato per 2 dei 5 brani in scaletta .




2 Marzo 1988, avevo anche un pass x l’after show party, ma avrei perso una ride da Indy a Bloomington ed il giorno dopo avevo lezione . Ancora oggi ci penso e non ci credo. Band fenomenale , i migliori in assoluto.

 Una macchina da guerra.

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f