Passa ai contenuti principali

Itsonlyrocknroll by Paolo Maiorino : Rush

Gli anni dal 1986 al 1992 sono stati per me fantastici. Come ho già detto, da Indianapolis prima e da Atlanta in seguito, le mie richieste di intervistare gli artisti in tour vennero progressivamente accettate da major e management e mi ritrovai ad incontrare band x me enormi, alla media di 2-3 a settimana .

Il 2 Marzo del 1988 i Rush suonavano al Market Square Arena di Indy. Hold Your Fire Tour, seconda parte. Chiesi di poter intervistare singolarmente Geddy Lee, Alex Lifeson e Neil Peart, adducendo motivi tecnici. 

Oltre agli argomenti generali avrei affrontato questioni legate ai vari strumenti . Pensai che mi avrebbero riso dietro e quando mi chiamarono per dirmi che avrei avuto un’ora con ciascuno, dovetti ascoltare una decina di volte il messaggio in segreteria per convincermi che non fosse uno scherzo. Ed una volta arrivato sul posto, nel primo pomeriggio mi presentarono Geddy, il quale si scusò con me (!!!) perché erano in procinto di fare un lungo soundcheck ed avrei dovuto attendere. 

Così ringraziai e mi incamminai verso l’uscita , ma fu proprio Lui che mi urlò “Stai andando dalla parte sbagliata ! L’ingresso in Arena é da questa parte!” Già. Vado ad intervistare i tre Rush e mi fanno assistere alle prove. 
Magari chissà mi regaleranno anche un milione di dollari ?!? Un bambino al luna park. Ero giovane, ma restai seduto per quasi due ore in completa estasi. Poi alle 5 circa, Geddy scende dal palco e mi concede la sua ora. Intervista straordinaria. Poi Alex e quindi Neil, con cui resto “solo” mezz’ora perché si è fatta una certa.
Mentre sono con Alex Lufeson e mi sta mostrando il suo arsenale, bussa alla porta Geddy che dice al chitarrista “È arrivato ! È appena atterrato!Stasera suona prima di noi.” Non ho il coraggio di chiedere chi.... guardò Alex che mi sussurra “...sorpresa...”.
Finisco le mie interviste ed esco dal backstage che sono le 7.30, il live inizia alle 8,45.
Guardò il biglietto e non menziona nessun gruppo spalla.....





Ovviamente mi hanno riservato un posto fantastico , ma sono a 30-40 metri dal palco e già allora la vista non era il mio punto di forza ! Vedo un biondo con la chitarra 12 corde che sale sul palco, ma le luci dell’impianto non si spengono . Situazione surreale, indifferenza generale . 

Poi ad un certo punto il tipo si avvicina al microfono e fa “Ciao, i miei amici mi hanno chiamato all’alba per chiedermi se avessi avuto voglia di venire qui stasera e suonare un paio di pezzi prima del loro live. Cazzo si! Certo che ne ho voglia ! Così ho preso un aereo ed eccomi qui. Qualcuno di voi si ricorderà di me e della mia band.... io sono Tommy Shaw degli Styx.”
E sono rimasto tipo cristallizzato per 2 dei 5 brani in scaletta .




2 Marzo 1988, avevo anche un pass x l’after show party, ma avrei perso una ride da Indy a Bloomington ed il giorno dopo avevo lezione . Ancora oggi ci penso e non ci credo. Band fenomenale , i migliori in assoluto.

 Una macchina da guerra.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran