Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n roll By Paolo Maiorino : Bon Jovi


Altra storia incredibile. 1984, affamato come si può essere di musica a 17 anni, leggo la recensione del primo disco dei Bon Jovi su Rockerilla e quando nel mio negozio di dischi preferito a Roma, Revolver (nella sede storica di via dei Portoghesi a Trastevere) mi capita di trovarlo in vinile ovviamente, lo compro. E mi piace, non mi fa impazzire ma lo trovò gradevole. Erano anni dove uscivano e compravo 6-7 album a settimana  e più del doppio di quelli mi venivano registrati in cassetta. Come il secondo loro album che però fu una mezza delusione .

Nel 1986 mi diplomo in Luglio ed un mese dopo sono già negli States per iniziare l’avventura al college. Slippery When Wet esce ad Agosto di quell’anno, anticipato da “You give love a bad name”. In America esplode a livelli stratosferici, complice MTV ed il favore delle ragazzine. Vado a vederlo live con i Cinderella e resto molto colpito. Spettacolo pirotecnico ma molto suonato. Nel frattempo ho iniziato a scrivere per dei magazines italiani ed americani e la tipa del suo management trova sia una bella idea farmelo intervistare per spargere il verbo oltreoceano. 

Così lo incontro a NY per la prima di credo 4-5 interviste. Lui è adorabile. Persona vera e con i piedi ben saldi a terra. Tra l’altro ricordo che mi chiede di dare una mano ai Cinderella e si offre di mettermi in contatto con Tom Kiefer..... ma il top lo raggiungiamo a Febbraio del 1989, quando per il tour di New Jersey vado ad incontrarlo in un hotel di Atlanta, città nella quale mi ero traferito qualche mese prima. Jon mi chiede di andare nella sua suite, che in realtà è un appartamento con una mega vetrata in cima all’hotel.


Mi accoglie e facciamo la nostra chiacchierata mentre sta seduto al pianoforte a coda e suona. Situazione surreale ma molto rilassata. Qualche anno più tardi lo incrociai a Roma, durante una giornata infernale di media all’hotel Hilton, quando disse al suo discografico di allora di lasciarci tranquilli a bere una cosa al bar che eravamo vecchi amici. E come capita spesso in questo mondo quella fu l’ultima volta che ci vedemmo. Keep the faith mi pare. Musicalmente non sono mai stato un suo fan, ma ho sempre apprezzato la persona e la sua storia e credo fermamente che fosse sincero e vero. E grazie a Lui si sono affermati Cinderella, Skid Row e tanti altri.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e