Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n roll By Paolo Maiorino : Bon Jovi


Altra storia incredibile. 1984, affamato come si può essere di musica a 17 anni, leggo la recensione del primo disco dei Bon Jovi su Rockerilla e quando nel mio negozio di dischi preferito a Roma, Revolver (nella sede storica di via dei Portoghesi a Trastevere) mi capita di trovarlo in vinile ovviamente, lo compro. E mi piace, non mi fa impazzire ma lo trovò gradevole. Erano anni dove uscivano e compravo 6-7 album a settimana  e più del doppio di quelli mi venivano registrati in cassetta. Come il secondo loro album che però fu una mezza delusione .

Nel 1986 mi diplomo in Luglio ed un mese dopo sono già negli States per iniziare l’avventura al college. Slippery When Wet esce ad Agosto di quell’anno, anticipato da “You give love a bad name”. In America esplode a livelli stratosferici, complice MTV ed il favore delle ragazzine. Vado a vederlo live con i Cinderella e resto molto colpito. Spettacolo pirotecnico ma molto suonato. Nel frattempo ho iniziato a scrivere per dei magazines italiani ed americani e la tipa del suo management trova sia una bella idea farmelo intervistare per spargere il verbo oltreoceano. 

Così lo incontro a NY per la prima di credo 4-5 interviste. Lui è adorabile. Persona vera e con i piedi ben saldi a terra. Tra l’altro ricordo che mi chiede di dare una mano ai Cinderella e si offre di mettermi in contatto con Tom Kiefer..... ma il top lo raggiungiamo a Febbraio del 1989, quando per il tour di New Jersey vado ad incontrarlo in un hotel di Atlanta, città nella quale mi ero traferito qualche mese prima. Jon mi chiede di andare nella sua suite, che in realtà è un appartamento con una mega vetrata in cima all’hotel.


Mi accoglie e facciamo la nostra chiacchierata mentre sta seduto al pianoforte a coda e suona. Situazione surreale ma molto rilassata. Qualche anno più tardi lo incrociai a Roma, durante una giornata infernale di media all’hotel Hilton, quando disse al suo discografico di allora di lasciarci tranquilli a bere una cosa al bar che eravamo vecchi amici. E come capita spesso in questo mondo quella fu l’ultima volta che ci vedemmo. Keep the faith mi pare. Musicalmente non sono mai stato un suo fan, ma ho sempre apprezzato la persona e la sua storia e credo fermamente che fosse sincero e vero. E grazie a Lui si sono affermati Cinderella, Skid Row e tanti altri.

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f