Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n roll by Paolo Maiorino : Steve Hackett

Il mio Jack Frusciante si chiama Steve Hackett ed ad un certo punto penso’ bene di uscire dal gruppo, che nel caso erano i Genesis ed io che ero poco più di un bambino ma la vissi come un dramma.

 Due anni prima, nel 1975 era già uscito Peter Gabriel e sembrava proprio che la mia band stesse perdendo i pezzi. Dunque era il 1977 e ricordo lo stato di confusione tra album dei residui Genesis e dischi da solista di Gabriel e Hackett. In particolare Spectral Mornings del 79 fu il mio disco del cuore e credetemi quando dico che ancora oggi lo ascolto con quella passione e quell’immaginazione che animava i miei pensieri di allora .




La vita mi ha riservato tante sorprese. Molte bellissime ed inaspettate. Gli anni sono trascorsi , Steve Hackett ha continuato a fare dischi e tour ed io sono passato da appassionato a critico musicale e poi discografico .
Una decina d’anni fa la mia casa discografica penso’ bene di acquistare l’etichetta tedesca Century Media che nel suo roster aveva un’altra label chiamata Inside Out, specializzata in progressive rock di ieri e di oggi e come per incanto titolare della recente discografia del grande Steve .


Dunque un bel giorno Mr. Hackett arriva per l’ennesimo tour italiano e per promuovere uno dei suoi dischi in cui ripropone il materiale del periodo Genesis .
Concerto a Torino e breve viaggio per andare a stringergli la mano e fare p.r.

Eccomi li, seduto in camerino di fronte ad una leggenda . Uno che 40 anni prima (rispetto ad oggi) era per me il massimo punto di riferimento . “Paolo cosa pensi dell’andamento dei miei dischi in Italia?”. Naturalmente sono stato professionale ed ho interloquito con Lui da interlocutore di riferimento . Ma poi il fan che è in me non ha resistito alla tentazione e così ho aspettato il momento propizio quando eravamo soli e gli ho detto “Steve, got to tell you: I’m a fan since very beginning and when you left Genesis I was destroyed !” Mi ha fissato per un minuto senza parlare poi mi ha chiesto “How old were you?” “12” ho risposto . 

E mi è venuto quel sorriso di ingenuità che deve averlo commosso. Da quel momento e per i successivi 10 minuti siamo stati due esseri umani che parlavano di ricordi e sentimenti . Mi chiese di descrivergli cosa provassi per il mio pezzo preferito di Spectral Mornings, gli raccontai l’emozione che provavo ogni volta che ascoltavo “Lost time in Cordoba “. Ricordo che quando ci salutammo mi abbraccio e mi disse che le mie emozioni lo avevano toccato nel profondo e che ogni volta che da adesso avesse suonato quel pezzo avrebbe pensato a ciò che gli avevo raccontato .
Foto di rito , concerto memorabile e una ridda di pensieri mi hanno fatto compagnia nel ritorno a Milano.

Sono tuttora il suo discografico italiano e quando i tedeschi mi chiedono cosa penso farà il prossimo album di Steve Hackett ripenso a quella sera di qualche anno fa e a quei pomeriggi di tanti anni fa con una punta di malinconia.



Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e