Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n roll by Paolo Maiorino : Steve Hackett

Il mio Jack Frusciante si chiama Steve Hackett ed ad un certo punto penso’ bene di uscire dal gruppo, che nel caso erano i Genesis ed io che ero poco più di un bambino ma la vissi come un dramma.

 Due anni prima, nel 1975 era già uscito Peter Gabriel e sembrava proprio che la mia band stesse perdendo i pezzi. Dunque era il 1977 e ricordo lo stato di confusione tra album dei residui Genesis e dischi da solista di Gabriel e Hackett. In particolare Spectral Mornings del 79 fu il mio disco del cuore e credetemi quando dico che ancora oggi lo ascolto con quella passione e quell’immaginazione che animava i miei pensieri di allora .




La vita mi ha riservato tante sorprese. Molte bellissime ed inaspettate. Gli anni sono trascorsi , Steve Hackett ha continuato a fare dischi e tour ed io sono passato da appassionato a critico musicale e poi discografico .
Una decina d’anni fa la mia casa discografica penso’ bene di acquistare l’etichetta tedesca Century Media che nel suo roster aveva un’altra label chiamata Inside Out, specializzata in progressive rock di ieri e di oggi e come per incanto titolare della recente discografia del grande Steve .


Dunque un bel giorno Mr. Hackett arriva per l’ennesimo tour italiano e per promuovere uno dei suoi dischi in cui ripropone il materiale del periodo Genesis .
Concerto a Torino e breve viaggio per andare a stringergli la mano e fare p.r.

Eccomi li, seduto in camerino di fronte ad una leggenda . Uno che 40 anni prima (rispetto ad oggi) era per me il massimo punto di riferimento . “Paolo cosa pensi dell’andamento dei miei dischi in Italia?”. Naturalmente sono stato professionale ed ho interloquito con Lui da interlocutore di riferimento . Ma poi il fan che è in me non ha resistito alla tentazione e così ho aspettato il momento propizio quando eravamo soli e gli ho detto “Steve, got to tell you: I’m a fan since very beginning and when you left Genesis I was destroyed !” Mi ha fissato per un minuto senza parlare poi mi ha chiesto “How old were you?” “12” ho risposto . 

E mi è venuto quel sorriso di ingenuità che deve averlo commosso. Da quel momento e per i successivi 10 minuti siamo stati due esseri umani che parlavano di ricordi e sentimenti . Mi chiese di descrivergli cosa provassi per il mio pezzo preferito di Spectral Mornings, gli raccontai l’emozione che provavo ogni volta che ascoltavo “Lost time in Cordoba “. Ricordo che quando ci salutammo mi abbraccio e mi disse che le mie emozioni lo avevano toccato nel profondo e che ogni volta che da adesso avesse suonato quel pezzo avrebbe pensato a ciò che gli avevo raccontato .
Foto di rito , concerto memorabile e una ridda di pensieri mi hanno fatto compagnia nel ritorno a Milano.

Sono tuttora il suo discografico italiano e quando i tedeschi mi chiedono cosa penso farà il prossimo album di Steve Hackett ripenso a quella sera di qualche anno fa e a quei pomeriggi di tanti anni fa con una punta di malinconia.



Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista alla band francese i ROAH

C iao e grazie per l'intervista. Partiamo dalla fondazione della vostra band dove, quando e perché ?! Pierre :  Mio fratello (Clément Afoumado) e io (Pierre Afoumado) abbiamo fondato la band all'inizio del 2017. All'inizio del 2016, eravamo in diversi paesi, Clément era in Canada e io nel Regno Unito (Londra). Ero in un'altra band a Londra e ho deciso di avviare il mio progetto con Clément per creare qualcosa dalla nostra musica. Nel 2017 siamo tornati in Francia e abbiamo iniziato a lavorare sulla nostra musica e trovare altri musicisti. Juan Barragan, il bassista, si è unito subito dopo e successivamente nel 2018, Quentin Thevenard (voce) e Romuald Carbone (batteria) si sono uniti a noi. Juan era il compagno di classe di Clément e colleghi di Quentin e Romuald Pierre (nell'industria dei videogiochi).    Cosa ci dite della vostra ultima canzone "Old Friend"? Clément È stata scritta qualche anno fa. La canzone parla di amici che hanno preso due strade d

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc