Passa ai contenuti principali

It's only rock 'n roll By Paolo Maoirino : Rage Against The Machine

Il 10 Agosto 1997 è un’altra data per me memorabile. Uno di quegli eventi di cui raccontare ogni singolo istante. Avrei tanto voluto partecipare alla tre giorni di Woodstock, ma avevo due anni e sono giustificato .

Quando circolo’ la notizia di un tour dei Rage Against The Machine insieme ai Wu Tang Clan, pensai che semplicemente non potevo perdermeli, per le motivazioni socio politiche di quel tour, per l’incommensurabile valore artistico dell’incontro di due culture così diverse tra loro, ma entrambi allineate contro il sistema. E poi perché era una realtà tutta americana e solo li avrei potuto viverla. Ero tornato in Italia alla fine del 1990 e proprio quell’estate mi stavo per trasferire da Roma a Milano. Ma il cordone ombelicale con gli States era ancora troppo forte.




Ricordo che dissi al mio amico Rick di prendere i biglietti per lo show del 10/8 al Lakewood Amphitheater. Quel giorno passammo in un negozio di musica e regalai a Rick la copia di Evil Empire da ascoltarci in macchina sulla strada per il concerto .
La tensione era altissima, forte rischio di incidenti tra comunità. Atlanta poi è sempre stata città con altissima concentrazione di neri. Alla venue situazione iniziale di grande, grandissima tensione . Gruppi di ragazzi di colore nella misura del 30-40% rispetto a Bianchi ed ispanici. Open air, molto caldo . Le due fazioni a distanza che si guardano, si scrutano , polizia in massa ma defilata.





Partono i Wu Tang e sottopalco è predominio black fino a quando gli stessi Wu Tang invitano i ragazzi bianchi a venire nella pit. Partono piccoli gruppi e la scena resta tranquilla ma con questo forte senso di eccitazione , come se stesse per succedere chissà cosa da un momento all’altro. Bellissimo il set dei WTC. Il mio amico Rick mi dice “grazie per avermi detto di questi concerto. Me la sto facendo addosso nei pantaloni , ma non c’è un altro posto dove vorrei essere in questo momento “.





Pausa tra i due live set. Quando partono i Rage vedo partire una massa incredibile di persone che si lanciano in una delle pit più impressionanti che abbia mai visto nella mia vita . Ed un giorno ve le racconterò. La scaletta è studiata per far salire il pathos e quando arriva “Killing in the name” sembra un girone dantesco dove non c’è più distinzione: bianchi, neri, latini. Tutti insieme . Mi volto dietro e vedo che la polizia e fuori vista . In quel momento ho compreso la forza del messaggio che la musica ha volte può scatenare . Sono stato in quella pit. E non avrei voluto che finisse mai . E me ne andai con la maglietta ufficiale che erano andate a ruba e che era rimasta solo in viola. Solo chi c’era può sapere le sensazioni che si provavano e l’energia positiva sprigionata in quel contesto . Tom Morello è mostruoso , Zakk De La Rocha un trascinatore. Qualcosa di indimenticabile.





Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock Mood By @luana.lemme: Back in Black, AC\DC

Ciao a tutti Rockers, è iniziata una nuova settimana e quale modo migliore di cominciare se non ascoltando del buon sano hard rock. Allora partiamo subito alzando al massimo il volume e schiacciando play suù “Back  In  Black”. Il riff di chitarra più famoso nella storia del rock che con solo tre semplici accordi è capace di far muovere qualsiasi persona come il mitico Angus. Il pezzo trasuda di grinta e vitalità e non potrebbe essere il contrario in quanto è stato scritto per ricordare il grande Bon Scott. “Ritorno al nero, colpisco la sacca, sono stato via troppo a lungo e sono contento di essere tornato” – ed è proprio così, la band ritorna in nero ma più forte di prima come se Scott non se fosse mai andato e riesce a trasmettere tutta l’energia con la quale vogliono andare avanti.  Qui c’è lo spirito del rock che difficilmente lascia indifferenti, è uno spirito fatto di riff, birra, Gibson e Marshall, divertimento, notti passate a suonare e a prendere in giro

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc