Passa ai contenuti principali

Its only rocknroll : Metallica

Il 1989 è stato a livello personale un anno straordinario. Ero al culmine della mia esperienza negli States, frequentando un college dove gli insegnanti si chiamavano Clive Davis e Rick Rubin e lavorando a tempo quasi pieno per le riviste italiane come corrispondente, stimato e benvoluto da tutte le case discografiche americane. 

Il 18 Agosto mi recai al Lakewood Amphitheater di Atlanta per andare ad assistere al Damaged Tour che vedeva i Metallica condividere il palco con gli inglesi The Cult che avevano appena pubblicato Sonic Temple. Molto caldo, torrido se ricordo bene . Aria condizionata a palla nei camerini e mezz’ora di intervista con Lara Ulrich ed altra mezz’ora con Kirk Hammett. Il Nirvana. Super puntualità e super professionalità. Ricordo un episodio su tutti: avevo già incontrato i Metallica in diverse occasioni e tutti erano sempre stati simpatici e disponibili. James Hatfield diciamo che aveva il suo carattere e non socializzava molto.


 Ma quel giorno era nel camerino mentre dicevo a Kirk che adoravo la loro versione di “Last caress/Green Hell” dei Misfits e James mi si avvicino furtivo e mi sussurrò “Allora non perderti i bis di oggi”. 

Il problema era che il management dei Cult mi aveva dato appuntamento per intervistare Billy Duffy e Ian Astbury proprio a metà del
Set dei Metallica, che suonavano per secondi . Fatti trovare alle alla tale ora al camerino della band . Ci andai mio malgrado per professionalità mentre i Metallica entravano nel vivo del loro show. 

Mezz’ora dopo l’orario concordato ero ancora lì ad aspettare. E la mezz’ora divenne 45 minuti ed i Metallica stavano per tornare on stage per i bis finali. Per una volta decisi di aver aspettato abbastanza. Mi fiondai all’interno della Venue giusto in tempo per sentire Hatfield intonare il celebre “I’ve got something to say, I killed your baby today!” e la folla esplose in una pit che sembrava un girone dantesco .
Uno dei momenti più intensi che abbia mai vissuto ad un concerto .
Per la cronaca ricevetti il giorno dopo una telefonata di scuse da parte del management dei Cult, per non aver rispettato gli accordi . Avessi aspettato ad oltranza mi sarei perso quel momento che invece resterà impresso nella mia memoria per sempre !

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

LaRagazza del Rock ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI DEL ROCK!

Ciao Amici Rockettari,  eccomi ancora qui, stavolta vi porto a spasso con me! Parliamo di luoghi “ROCK”. Possono essere concerti, stadi, strade o Hotel, poco importa… vengono ricordati nell’immaginario collettivo  poiché è successo qualcosa di veramente sensazionale e che ha cambiato la storia. In attesa di poter riprendere a viaggiare normalmente, di essere liberi di prendere un aereo per finire chissà dove, facciamoci un bel tour nei luoghi più famosi del rock! Questo è l’itinerario: per rendere giustizia rechiamoci in primis dove è nato il genere:  STATI UNITI D’AMERICA:  OHIO – CLEVELAND : il Rock & Roll Hall of Fame è un museo alla memoria dei più importanti artisti e  personalità della musica: Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Buddy Holly, Chuck Berry….  Tra le mostre temporanee vi cito alcuni degli artisti meglio rappresentati come Elvis Presley, The Who, John, Lennon, U2, Bob Dylan, The Clash. Per prendere un po’ di sole, ci spostiamo in CALIFORNIA – EL CERRITO: La “Metallima