Passa ai contenuti principali

Its only rocknroll : Metallica

Il 1989 è stato a livello personale un anno straordinario. Ero al culmine della mia esperienza negli States, frequentando un college dove gli insegnanti si chiamavano Clive Davis e Rick Rubin e lavorando a tempo quasi pieno per le riviste italiane come corrispondente, stimato e benvoluto da tutte le case discografiche americane. 

Il 18 Agosto mi recai al Lakewood Amphitheater di Atlanta per andare ad assistere al Damaged Tour che vedeva i Metallica condividere il palco con gli inglesi The Cult che avevano appena pubblicato Sonic Temple. Molto caldo, torrido se ricordo bene . Aria condizionata a palla nei camerini e mezz’ora di intervista con Lara Ulrich ed altra mezz’ora con Kirk Hammett. Il Nirvana. Super puntualità e super professionalità. Ricordo un episodio su tutti: avevo già incontrato i Metallica in diverse occasioni e tutti erano sempre stati simpatici e disponibili. James Hatfield diciamo che aveva il suo carattere e non socializzava molto.


 Ma quel giorno era nel camerino mentre dicevo a Kirk che adoravo la loro versione di “Last caress/Green Hell” dei Misfits e James mi si avvicino furtivo e mi sussurrò “Allora non perderti i bis di oggi”. 

Il problema era che il management dei Cult mi aveva dato appuntamento per intervistare Billy Duffy e Ian Astbury proprio a metà del
Set dei Metallica, che suonavano per secondi . Fatti trovare alle alla tale ora al camerino della band . Ci andai mio malgrado per professionalità mentre i Metallica entravano nel vivo del loro show. 

Mezz’ora dopo l’orario concordato ero ancora lì ad aspettare. E la mezz’ora divenne 45 minuti ed i Metallica stavano per tornare on stage per i bis finali. Per una volta decisi di aver aspettato abbastanza. Mi fiondai all’interno della Venue giusto in tempo per sentire Hatfield intonare il celebre “I’ve got something to say, I killed your baby today!” e la folla esplose in una pit che sembrava un girone dantesco .
Uno dei momenti più intensi che abbia mai vissuto ad un concerto .
Per la cronaca ricevetti il giorno dopo una telefonata di scuse da parte del management dei Cult, per non aver rispettato gli accordi . Avessi aspettato ad oltranza mi sarei perso quel momento che invece resterà impresso nella mia memoria per sempre !

Commenti

Post popolari in questo blog

Lez Rock Mood By @luana.lemme: Back in Black, AC\DC

Ciao a tutti Rockers, è iniziata una nuova settimana e quale modo migliore di cominciare se non ascoltando del buon sano hard rock. Allora partiamo subito alzando al massimo il volume e schiacciando play suù “Back  In  Black”. Il riff di chitarra più famoso nella storia del rock che con solo tre semplici accordi è capace di far muovere qualsiasi persona come il mitico Angus. Il pezzo trasuda di grinta e vitalità e non potrebbe essere il contrario in quanto è stato scritto per ricordare il grande Bon Scott. “Ritorno al nero, colpisco la sacca, sono stato via troppo a lungo e sono contento di essere tornato” – ed è proprio così, la band ritorna in nero ma più forte di prima come se Scott non se fosse mai andato e riesce a trasmettere tutta l’energia con la quale vogliono andare avanti.  Qui c’è lo spirito del rock che difficilmente lascia indifferenti, è uno spirito fatto di riff, birra, Gibson e Marshall, divertimento, notti passate a suonare e a prendere in giro

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc