Passa ai contenuti principali

It'only rock 'n roll by Paolo Maiorino : #restateacasa e ascoltate musica!


Sono giorni molto tristi per quello che stiamo vivendo. La musica, adesso più che mai è una compagnia fondamentale. In questi ultimi giorni ho e sto dando fondo alla mia collezione, in particolare di vinili e sapete una cosa ? Non può certamente essere una soluzione al problema, ma date le circostanze vi suggerisco di ascoltare le cose che conoscete meno. Approfittate per approfondire quel disco che avete e che per un motivo o per un altro non avete mai avuto tempo e modo di ascoltare .

Smart working a parte, sabato e domenica scorsi ho suonato almeno 50 vinili diversi e mi sono concentrato su cose che da tanto tempo volevo approntare.

Posso parlare della mia esperienza personale ed augurarmi che possa essere d’aiuto e di ispirazione per altri.
La tendenza comune è sempre quella di ascoltare cose che già conosciamo e che ci piacciono. Eppure, le piacevoli scoperte sono li che ci aspettano, anche per chi come me ascolta musica da tutta la vita e lo fa anche di mestiere. Non si può essere onniscienti! E più passa il tempo, più mi rendo conto di tante lacune della mia discografia !

Vabbè, menziono due cose in particolare.
Recentemente ho scritto una retrospettiva sui Motörhead di Lemmy e nel farlo ho dovuto approfondire le sue radici ed in particolare i suoi trascorsi con gli Hawkwind. Li conoscete ? Inglesi ovviamente, attivi dalla fine degli 60, a cavallo tra space rock, psichedelia, occult rock e stoner. 



Ricordavo di aver qualcosa di loro e solo tra i vinili ho pescato due titoli: Live Chronicles e Space Bandits. Ho messo su il disco live ed ho continuato a sistemare la mia collezione . Il loro sound mi ha letteralmente rapito. Lo ammetto non li ricordavo benissimo. Sono passato a Space Bandits e bang! Altra calamita per il mio gusto musicale. Adesso mi è venuta quella curiosità insaziabile di andarmi ad ascoltare tutto ed ho scoperto che gli Hawkwind hanno pubblicato decine di dischi ! 

Altro genere musicale, ma stessa reazione per un disco storico come Rumors dei Fleetwood Mac. Li conoscevo ovviamente ma mai veramente approfondito. La scorsa estate mi hanno regalato Rumors, immancabilmente in vinile . E’ un cazzo di disco del 1977!!! Eppure l’avevo sempre solo sfiorato e conoscevo forse 2/3 pezzi in tutto . Anche qui stessa dinamica. Messo su vinile e fatto altro . Ma qualsiasi cosa stessi facendo e durata poco . Ragazzi e’ un disco strepitoso!


Non mi pongo barriere nei miei ascolti e ve lo dimostro, tra gli altri vinili del weekend c’erano Cesaria Evora, Michael Thompson Band, Hallow’s Eve, Clannad, Oceansize, Spock‘s Beard, Lucio Battisti, Marduk, Schola Cantorum, Taj Mahal, Canned Heat e la colonna sonora di Amarcord di Fellini....,

Questo il mio consiglio di oggi, restate a casa e ascoltate tanta musica e se possibile e vi va scopritene di nuova . “Images” da Space Bandits degli
Hawkwind mi frulla in testa da sabato e nell’album che è del
1990 c’è un’altra brano che mi ricorda i Police di Ghost in the Machine ...... cosa Scoprirò next? Chi può dirlo .... forse un Battiato dell’era Prog o qualcosa di ska.... non vedo l’ora che accada di nuovo e senta dentro me quella bellissima sensazione !

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran