Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n roll By Paolo Maiorino: Woodstock!


5 Giugno 2016, sono passati ormai quasi 4 anni! In quella data ho coronato un sogno. 

Nella mia esperienza mi sono appassionato ad alcune cose che inevitabilmente hanno finito per caratterizzare la mia esistenza. Il muro di Berlino ad esempio o le tradizioni celtiche . Nella musica ho sviluppato alcune “fisse” come quella per la tre giorni di Woodstock, estate 1969.

Avevo 2 anni all’epoca, ma i tanti libri letti e tutte le informazioni che ho potuto carpire negli anni, mi hanno fornito un quadro d’insieme interessante e ricordo che già una decina d’anni fa tenni una lecture a Brescia per raccontare questo storico evento. E un’estate andai ospite al Nistoc, un festival campeggio che si teneva a Nistisino, sul lago di Iseo ad inaugurare la serata iniziale con il mio racconto e le immagini del dvd. 

Insomma quando 4 anni fa i miei amici newyorkesi mi proposero di andare a visitare Woodstock, mi venne un groppo in gola! La distesa è rimasta incontaminata e negli anni ci continuano ad organizzare festival e fiere. 



La settimana dopo quella in cui andai io, ci sarebbe stato un festival di arpe celtiche . Appena arrivi c’è questo masso dipinto coi nomi di chi prese parte a quell’indimenticabile evento. Ti fanno fare il giro completo e ti spiegano tutto nei minimi dettagli. Chi ? Volontari che assistettero allo show del 69! Li c’era il palco, qui i camerini improvvisati , da quella parte atterravano gli elicotteri con gli Artisti e li c’era l’infermeria. Insomma roba da non crederci . Ero lì! Calpestavo quel prato! Poi c’è una sorta di museo con al suo interno ogni sorta di reliquia e memorabilia . La giacca di Hendrix, la fascia dei capelli di Santana , il foulard di Joan Baez. Ma non solo, anche una sequenza infinita di istallazioni con piccoli video che spiegano l’organizzazione di una cosa di quella portata . 







All’interno sempre i volontari reduci che ti raccontano la loro esperienza e il tipo con cui parlai io doveva essersi fatto troppi acidi perché mi disse che non riusciva a trovare sul prato l’esatto punto dove fosse accampato . E che alla fine c’era riuscito perché in quel punto poggiandoci il piede sopra aveva sentito la scossa!  Però davvero ne varrebbe la pena ! Andare dico e visitare la location. 


Al bookstore mi sono fatto prendere un po’ la mano ed ho speso una fortuna tra libri,T-shirts e memorabilia varie. Prima di entrare nel vivo del museo c’è un lungo corridoio sulle cui pareti ci sono le scalette di ogni singola esibizione con gli orari di esibizione e le recensioni originali dell’epoca. Insomma un Nirvana per me!

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e