Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n Roll By Paolo Maiorino: The Cult

Quando penso a qualcosa di cui scrivere per questa rubrica, mi preoccupo sempre di far arrivare la passione che mi ha sempre animato . Mi rendo perfettamente conto che il rischio di sconfinare nell’autocelebrazione è dietro l’angolo e chi mi conosce sa che al contrario non mi piace affatto vantarmi. 

Gli obiettivi che ho raggiunto nella mia vita professionale sono stati il frutto di una passione sconfinata e del saper sognare. Adesso senza voler fare neanche filosofia spicciola, vi parlerò di un rapporto difficile, perché questo lavoro è fatto anche di rapporti complicati e delusioni. E nel farlo parlerò di una delle mie band preferite in assoluto : i The Cult. 



Sono stato fan della prima ora . Li conoscevo come Southern Death Cult e consumai Dreamtime, il loro primo album. “Spiritwalker” per me è uno dei brani più adrenalinaci di sempre. Persi la testa per Love, che considero un capolavoro assoluto di gothic rock con venature dark. Andai a vederli dal vivo per quel tour e rimasi spiazzato inizialmente da Electric, discone hard rock leggendario ma troppo diverso dal l’album precedente per essere metabolizzato subito. Nel 1987 tornai a vederli live a Sheffield e considero il loro disco dal vivo al Marquee un parametro di riferimento del livello di registrazione dei dischi dal vivo. Una volta a New York ero con amici tra i quali Kip Winger e Adam Bomb e alla domanda come dovrebbe suonare una chitarra live, risposi come questa, mettendo su “Love” tratta dal live al Marquee di Londra. 




Poi Sonic Temple e l’attesa vana per un’intervista nel backstage del concerto di Atlanta di cui ho già parlato.....e arriviamo al 1991. Esce Ceremony ed io di fatto non ho incontrato fisicamente la band e le mie interviste con loro erano state esclusivamente telefoniche . 

Mi siedo con Ian Astbury e so che non è personaggio semplice. Ma non mi è mai piaciuto glorificare nessuno o compiacere per il gusto di farlo. Nutro profonda stima per Lui, il suo stile e talento e mi considero un fan, ma l’intervista prende subito una piega sbagliata . È aggressivo e mi incalza. E lui a far le domande e questo può anche starci, ma l’atteggiamento è sbagliato. Hai ascoltato il disco ? Si. Ti è piaciuto ? Tutto sommato si. Scriverai che è di fatto il nostro miglior disco di sempre ? No. E lì apriti cielo...... ci sismo incartati in un’analisi disco per disco serratissima, con Ian progressivamente più alterato e rabbioso. Gli ho detto quello che pensavo e solo per educazione, perché me lo aveva chiesto. Un anno e mezzo dopo avrei smesso i panni del giornalista musicale ed iniziato la carriera discografica. 



A ripensarci ricordo la faccia terrorizzata della discografica di turno che era pure mia amica..... Astbury alzava sempre più la voce è cominciava a sentenziare . Se non pensi che questo disco sia un capolavoro allora non capisci un cazzo di musica . E va bene. Rimasi calmo anche quando si alzò e  mandandomi a quel paese andò via. Brutto momento. 

Grandissimo talento ma carattere complicato. Ci ho ripensato tante volte dopo. Da discografico magari posso anche comprenderlo. Resta il fatto che se vai in giro per il mondo a parlare di ciò che hai fatto dovresti a mio avviso confrontarti più che imporre agli altri il tuo pensiero . Resta il fatto che i Cult restano una delle mie band preferite e magari Mr. Astbury semplicemente quel giorno era nervoso di suo. Alla prossima !



Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f