Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n Roll By Paolo Maiorino: Van Halen!



Oggi voglio parlare dei Van Halen. Lo spunto 
mi arriva dal disco del giorno di ieri, Van Halen 2 del 1979. 

Il disco precedente che è anche l’album d’esordio della band californiana è considerato un vero capolavoro e anche una delle prime risposte, insieme ad Aerosmith, Blue Oyster Cult e pochi altri alla sfida lanciata dai gruppi inglesi , a cavallo tra l’hard rock e quello che stava diventando l’heavy metal. 
I Van Halen del primo album sono portentosi ! Da una parte il talento innovativo del grande chitarrista Eddie e dall’altra l’istrionico ed incontenibile stile di Diamond Dave Lee Roth in una band letteralmente esplosiva . 
Non mi dimenticherò mai quando nel 77 ascoltai “I’m the one” alla radio. Rimasi folgorato. Avevo 11 anni e di li a poco ero un fan della band . Quello è un disco che semplicemente non è ammissibile non avere nella propria collezione, a prescindere dai gusti musicali , un po’ come Songs from the big chair dei Tears for Fears o Kind of blue di MilesDavis. 


E probabilmente l’album che ho ascoltato di più nella mia vita e se fossi costretto a nominare un solo disco da portare con me su Marte , Van Halen 1 sarebbe la mia scelta . Amo sicuramente più gli Ac/Dc ed i Rush dei Van Halen, ma dovendo indicare un solo disco direi questo di un’inezia su Back in black . E due inezie su Moving Pictures.

 

Poi nel corso della loro storia i Van Halen hanno ribadito il concetto con il secondo album del 1979, Women and children first , uno straordinario Fair Warning, un divertente Diver Down sino ad arrivare a 1984 l’Album di “Jump”, “Panama” e “Hot for teacher”. Poi con l’arrivo di Sammy Hagar al posto di David la musica cambiò. E pensare che Sammy era un mio idolo, ma per me i Van Halen sono quelli di Diamond Dave. Il mio pezzo preferito di quel primo disco è indubbiamente “Ain’t talking about love”!




Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista alla band francese i ROAH

C iao e grazie per l'intervista. Partiamo dalla fondazione della vostra band dove, quando e perché ?! Pierre :  Mio fratello (Clément Afoumado) e io (Pierre Afoumado) abbiamo fondato la band all'inizio del 2017. All'inizio del 2016, eravamo in diversi paesi, Clément era in Canada e io nel Regno Unito (Londra). Ero in un'altra band a Londra e ho deciso di avviare il mio progetto con Clément per creare qualcosa dalla nostra musica. Nel 2017 siamo tornati in Francia e abbiamo iniziato a lavorare sulla nostra musica e trovare altri musicisti. Juan Barragan, il bassista, si è unito subito dopo e successivamente nel 2018, Quentin Thevenard (voce) e Romuald Carbone (batteria) si sono uniti a noi. Juan era il compagno di classe di Clément e colleghi di Quentin e Romuald Pierre (nell'industria dei videogiochi).    Cosa ci dite della vostra ultima canzone "Old Friend"? Clément È stata scritta qualche anno fa. La canzone parla di amici che hanno preso due strade d

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc