Passa ai contenuti principali

It's only Rock 'n Roll By Paolo Maiorino: Van Halen!



Oggi voglio parlare dei Van Halen. Lo spunto 
mi arriva dal disco del giorno di ieri, Van Halen 2 del 1979. 

Il disco precedente che è anche l’album d’esordio della band californiana è considerato un vero capolavoro e anche una delle prime risposte, insieme ad Aerosmith, Blue Oyster Cult e pochi altri alla sfida lanciata dai gruppi inglesi , a cavallo tra l’hard rock e quello che stava diventando l’heavy metal. 
I Van Halen del primo album sono portentosi ! Da una parte il talento innovativo del grande chitarrista Eddie e dall’altra l’istrionico ed incontenibile stile di Diamond Dave Lee Roth in una band letteralmente esplosiva . 
Non mi dimenticherò mai quando nel 77 ascoltai “I’m the one” alla radio. Rimasi folgorato. Avevo 11 anni e di li a poco ero un fan della band . Quello è un disco che semplicemente non è ammissibile non avere nella propria collezione, a prescindere dai gusti musicali , un po’ come Songs from the big chair dei Tears for Fears o Kind of blue di MilesDavis. 


E probabilmente l’album che ho ascoltato di più nella mia vita e se fossi costretto a nominare un solo disco da portare con me su Marte , Van Halen 1 sarebbe la mia scelta . Amo sicuramente più gli Ac/Dc ed i Rush dei Van Halen, ma dovendo indicare un solo disco direi questo di un’inezia su Back in black . E due inezie su Moving Pictures.

 

Poi nel corso della loro storia i Van Halen hanno ribadito il concetto con il secondo album del 1979, Women and children first , uno straordinario Fair Warning, un divertente Diver Down sino ad arrivare a 1984 l’Album di “Jump”, “Panama” e “Hot for teacher”. Poi con l’arrivo di Sammy Hagar al posto di David la musica cambiò. E pensare che Sammy era un mio idolo, ma per me i Van Halen sono quelli di Diamond Dave. Il mio pezzo preferito di quel primo disco è indubbiamente “Ain’t talking about love”!




Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran