Passa ai contenuti principali

Lez Rock Mood by@luanalemme : Impressioni di settembre – PFM

È arrivato settembre, un mese di transizione tra la spensieratezza dell’estate che fugge via e il lento avvicinarsi dell’inverno. Settembre è un mese in cui si ricomincia lentamente, in cui si cominciano invece cose nuove, in cui si chiudono vecchie porte. Settembre è il vero inizio dell’anno. 

Tanti sono i poeti, musicisti e artisti che hanno dedicato un’opera a questo mese, fra tanti c’è un brano che puntualmente mi torna alla mente durante questo periodo: “Impressioni di settembre” della Premiata Forneria Marconi.  È il brano di punta dei PFM e non è difficile neanche capirne il perché. 

Il testo che crea immagini così reali nella nostra testa è frutto di ciò che un tizio, in una mattina di settembre, ha visto. Il tizio in questione è Mogol. «ll brano è una fotografia momento per momento di quello che ha visto; la rugiada era vera, il cavallo era vero, e questo, insieme a quel suono, ha creato la suggestione» - afferma Franz Di Ciocco, leader dei PFM. 

Il suono di cui parla Franz è frutto di una sua intuizione. Il ritornello, infatti, è suonato non cantato come nei ritornelli classici e quel suono che lo componeva derivava dal sintetizzatore moog usato per la prima volta nella musica italiana. A riguardo Franz dice: “Era uno strumento dalle sonorità nuove, simili a quelle delle tastiere e dei fiati. Sapeva di terra, di cielo, di mare e di tutte queste cose insieme.” 

Per il testo, per le sonorità innovative che accompagnano le immaginate dalle parole, “Impressioni di settembre” rappresenta un capolavoro della musica italiana. 

E così - “No, cosa sono adesso non lo so, sono un uomo in cerca di sè stesso, sono solo il suono del mio passo”- descrive benissimo Settembre e soprattutto Settembre in questo anno in cui avere delle certezze è sempre più difficile, in cui si arriva a perdere il focus sul nostro Io.  


Vi saluto così come termina la canzone: “E intanto il sole tra la nebbia spunta già, un giorno come sempre sarà”.

Buon settembre Rockers, 

Luana




Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e