Passa ai contenuti principali

Intervista alla giovane rock band: i Jinot!

 Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista.

 Iniziamo.

 La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto e come vi ci siete innamorati?

Sin da bambini siamo cresciuti con la musica nelle orecchie e il rock non può che coinvolgerti e affascinarti da subito o almeno per noi così è stato

 Com'è nata la band e da dove deriva il vostro nome?

Eravamo giovani e arrabbiati e dei giovani arrabbiati non possono far altro che suonare del rock.

L'origine del nome si è ormai persa nelle leggende, nemmeno noi della band ci ricordiamo più il suo reale significato.

 Abbiamo ascoltato più volte "Jinot" il vostro ultimo album e si nota molto l'influenza del prog rock italiano anni '70, com'è nato questo progetto?

Il progetto è nato dall'idea di creare un ricordo tangibile e immortale della nostra amicizia e della nostra musica, non escludendo la condivisione di messaggi che riteniamo importanti.


 Qual è il vostro gruppo preferito e perché?

Non c'è un unico gruppo preferito all'interno della band ma diversi che hanno influenzato il nostro suono, dai Beatles a Frank Zappa.

Di tutti i concerti live che avete visto quale vi è rimasto più impresso e quale vi ha deluso?

Nonostante l'età non perdono mai lo smalto i Deep Purple, visti più volte e per adesso concerti particolarmente deludenti abbiamo avuto la fortuna di non vederne.

Quale sono i progetti per il vostro futuro?

I progetti sono svariati e incerti ma la certezza è una sola, continuare a fare musica.


Se doveste descrivere il rock con una sola canzone, quale sarebbe?


Rispondo con un classico intramontabile. Pinball wizard.

I giovani di oggi sembrano essere molto meno rock che un tempo, questo non è il vostro caso! a cosa è dovuto secondo Voi?

Rispondere alla domanda perché siamo diversi è difficile ma so per certo che non siamo gli unici. In un panorama giovanile così privo di rock, noi proviamo ad essere un buon ascolto per chi lo cerca.

Il nostro blog nasce con l'intento di far avvicinare i più giovani al magico mondo del rock, i vostri consigli?

Promuovendo band emergenti e concerti, perché non c'è nulla di più adrenalinico ed artistico di uno spettacolo rock dal vivo.

Secondo voi ci sono band che ,ora come ora, possano essere il futuro del rock? Se si quali?

Pensiamo che ad oggi il rock non abbia un canone ben definito come in passato ma lo si può ritrovare all'interno di diversi generi.

In un ultimo vi chiedo per Voi cosa significa la parola ROCK?

Il rock è un attitudine, il rock è provocazione, il rock è amore, il rock è libertà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

intervista ai gallesi Tribeless!

Cominciamo dalla fondazione della band. Dove, quando e perché? La band si è formata quando Max (batteria) ha incontrato il nostro ex chitarrista su un sito web di musica nel 2017. Ci sono stati alcuni cambiamenti di formazione lungo il percorso, tuttavia ora abbiamo una solida formazione con cui andare avanti. Pensiamo che la vostra ultima canzone "F ormed by us " sia fantastica e meriti di essere ascoltata qui in Italia! Questo significa davvero molto per noi, siamo così felici che vi piaccia il nuovo singolo! Finora siamo stati assolutamente sopraffatti dalla risposta! Com'è la situazione del rock nel tuo paese? Quanto seguito ha? Il rock è molto vivo in Galles, con band come  Those Damn Crows e Florence Black che mostrano cosa può venire fuori da un piccolo paese come il Galles. Ha sicuramente un grande seguito, in tutte le fasce d'età, e con una così ampia varietà di "tipi" di rock oggigiorno, ce n'è per tutti i gusti. Raccontateci del vostro paese e