Passa ai contenuti principali

Intervista ad Alice e Daniele degli Atwood!


La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto, e come vi ci siete innamorati?

In famiglia abbiamo sempre ascoltato rock, perciò ci siamo nati e cresciuti!

Com'è nata la band e da dove deriva il vostro nome?

Ci siamo conosciuti del tutto per caso su Facebook, e dopo un paio di prove abbiamo sentito la necessità di continuare. Da allora non ci siamo mai fermati.

Il nostro nome deriva da un personaggio ormai entrato nella storia della TV: ve lo ricordate Ryan Atwood? Ecco!

Il vostro singolo "Ghost" è veramente fantastico, anche il video è molto bello, come avete dato vita a questo progetto? 

Grazie mille! Ghost è stata un vero e proprio giro sulle montagne russe: abbiamo voluto renderla liricamente e musicalmente ricca e variegata, affrontando temi importanti e che prima o poi toccano tutti (la perdita). È venuto quindi da sé il desiderio di girare un video che portasse “in scena” tutto questo. Abbiamo voluto rischiare, e forse ci siamo riusciti!

Qual è il vostro gruppo preferito e perché?

Alice – Enter Shikari per le loro mille sfaccettature e influenze senza perdere quella vena post hardcore da cui sono partiti.

Daniele – Pvris perché sono alla costante ricerca dell’innovazione mantenendo una cura maniacale dei suoni. Hanno un sound sopra le righe.

Di tutti i concerti live in cui vi siete esibiti quale vi è rimasto più impresso? 

È impossibile sceglierne uno – diamo sempre il meglio, sia che suoniamo davanti a 2 persone, sia che davanti a 200. Dopo ogni live abbiamo l’occasione di chiacchierare con chi ha assistito al nostro show, e questo rende indimenticabile ogni serata.


Quale sono i progetti per il vostro futuro?

Abbiamo un nuovo EP in uscita a inizio 2021, e quando la situazione Covid si sarà ridimensionata vorremmo organizzare un tour all’estero, principalmente in Germania.


Se doveste descrivere il rock con una sola canzone, quale sarebbe? 

Parasite Eve dei BMTH. Ha un tiro pazzesco, melodie incredibili, e dei suoni giganteschi. Non hanno avuto paura di osare.


I giovani oggi sembrano essere molto meno rock che un tempo, questo non è il vostro caso! a cosa è dovuto secondo Voi?

Probabilmente perché è cambiata la definizione di rock! Ormai il rock non è più fatto unicamente di assoli e capelli lunghi, ha assunto mille sfaccettature che per molti “puristi” non sono catalogabili come “vero rock”. I giovani nel rock ci sono eccome!

Il nostro blog nasce con l'intento di far avvicinare i più giovani al magico mondo del rock, i vostri consigli? 

Probabilmente proporre dapprima il rock più contemporaneo, ricco di influenze “rubate” ad altri generi, e andare a ritroso per arrivare ai mostri sacri. Così facendo si inizia dalla comfort zone e pian piano si scopre tutta la storia!

Secondo voi ci sono band che ora come ora possano essere il futuro del rock? Se si quali?

I Royal Blood, che in due fanno casino per dieci, e i BMTH, che ignorano gli hater e pubblicano una hit dopo l’altra. 

In un ultimo vi chiedo per Voi cosa significa la parola ROCK?

Zero etichette e giudizi. Per noi è espressione nella sua forma più pura e sincera.

Grazie agli Atwood!

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran