Passa ai contenuti principali

Intervista ai Biopsy O Boutique

 Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista.

 Iniziamo.

 

La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati?

 

Siamo tutti entrati in contatto con il rock fin dall’infanzia. Le nostre famiglie hanno vinili, cassette e cd di artisti appartenenti a questa corrente musicale, quindi diciamo che ci siamo cresciuti dentro

 

 Com'è nata la band e da dove deriva il vostro nome?

 

La band è nata nel 2018. Inizialmente il nostro intento era quello di dare vita a un tributo al Blues arcaico di autori come Muddy Waters, Skip James, Howling Wolf, in chiave elettrica. Poi cominciammo a scrivere brani originali che andarono a rappresentare sempre di più il repertorio, fino prendere il posto delle cover con le quali avevamo cominciato.

Il nome Biopsy O Boutique richiama l’immagine di una vera e propria bottega in cui si eseguono delle “biopsie musicali” con cui cerchiamo di catturare e di analizzare frammenti concreti del tessuto quotidiano della vita, attraverso la musica.

 

Il vostro singolo "Rats" è veramente fantastico, sonorità cupe ma che fanno venire voglia di ascoltarlo per ore, quale modo usate per comporre una vostra canzone? 

 

Grazie! Di solito ogni brano viene presentato in forma pressoché completa da chi lo compone, quindi con la struttura già ultimata. Poi insieme lo si prende in esame, si discute sulle varie parti, lo si suona per capire se funziona e lo si porta allo stadio diciamo definitivo.



 Qual è il vostro gruppo preferito e perché?

 

Non abbiamo un unico gruppo che ci rappresenta, la bella musica è tanta e ci sono molte band e artisti che amiamo. Alcuni di questi sono Nick Cave, Foals, Nirvana, Led Zeppelin, Queens Of The Stone Age, Tool, il Blues in generale…

 

Di tutti i concerti live in cui vi siete esibiti quale vi è rimasto più impresso? 

 

Ogni concerto è diverso, ognuno ha il suo carattere. Tra i più belli sicuramente vanno ricordati quelli allo Spazio Nadir, o al Bocciodromo di Vicenza. Sono luoghi della nostra città a cui siamo affezionati, con bella gente e un’atmosfera sempre magica. Ci siamo trovati molto bene anche al Diavolo Rosso di Asti, sia per il locale che per le persone che abbiamo incontrato. Tra le ultime esibizioni c’è stata quella al Music Under The Rock Festival di Frosinone, anche li è stato super.



 

Quale sono i progetti per il vostro futuro?

 

Al momento vista la situazione il futuro ci appare un po’ vago. Continuiamo a promuovere il nostro ultimo EP che abbiamo ultimato alla fine del 2019, con i mezzi e le possibilità che ci sono. Avevamo in programma dei live che sono stati ovviamente annullati, ma questo periodo può essere un’occasione per dedicarsi alla composizione di nuovi brani o per migliorare ulteriormente il nostro sound.



Se doveste descrivere il rock con una sola canzone, quale sarebbe?

 

E’ difficile rispondere, ci sono moltissimi capolavori che potrebbero essere citati, troppi per poter eleggerne uno su tutti

 

I giovani oggi sembrano essere molto meno rock che un tempo, questo non è il vostro caso! A cosa è dovuto secondo Voi?

 

Pensiamo che forse questo argomento sia troppo complesso per poter dare una risposta che spieghi perché il Rock sia oggigiorno meno di moda tra i giovani rispetto agli anni passati. E’ anche difficile definire cosa vuol dire musica “Rock” . I generi musicali sono ormai tantissimi e contaminatissimi, e questa diversità è una risorsa perché da vita a nuove identità. Le tecnologie hanno permesso la sperimentazione di nuove sonorità, e quindi rispetto al passato ci sono più sfaccettature musicali. Basti pensare alla musica elettronica. Può essere che dal momento che oggi c’è molta più possibilità di ascoltare numerosi tipi di musica allora si tenda meno a focalizzare l’attenzione su alcuni generi in particolare. Forse il Rock non è passato di moda, forse nell’era contemporanea è diventato un genere tra i molti di questa grande varietà musicale, e non più una delle poche correnti innovatrici com’era in passato.

 


Il nostro blog nasce con l'intento di far avvicinare i più giovani al magico mondo del rock, i vostri consigli?

 

Il nostro consiglio è di promuovere la musica che si ama con i mezzi disponibili. Il Rock parla spesso di ribellione, di energia e soprattutto di libertà di espressione. Queste sono tutte caratteristiche che piacciono, in particolare alle generazioni più giovani, e che quindi possono essere sottolineate.

 

Secondo voi ci sono band che ora come ora possano essere il futuro del rock? Se si quali?

 

Nella corrente del diciamo “Rock contemporaneo” ci sono artisti e gruppi come Kings of Leon, Anna Calvi, Nothing But Thieves…allo stesso tempo i giganti come Led Zeppelin, Jimi Hendrix, Rolling Stones o anche i più moderni Audioslave, Rage Against the Machine, Foo Fighters, Arctic Monkeys sono ancora molto ascoltati. Parlare di “Rock di un tempo” o di “Rock del futuro” è fuorviante, perché la musica non ha tempo, non è come parlare dell’evoluzione delle piante. Le nuove generazioni suonano in modo diverso rispetto alla musica di vent’anni fa, la quale a sua volta è diversa se paragonata alla musica dei vent’anni prima. Quindi chiamare tutto con il termine “Rock” è un po’ riduttivo. A nostro parere in definitiva non c’è un passato o un futuro, c’è solo la bella musica.

 

In un ultimo vi chiedo per Voi cosa significa la parola ROCK?

 

ROCK può essere intesa non solo come un tipo di musica ma anche come una filosofia. Energia, libertà di espressione, ribellione, varietà, multiculturalità, rispetto. 

Tutto questo è ROCK.

 
Grazie ai Biopsy O Boutique

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran