Passa ai contenuti principali

Lez Rock L.A.C.K.S by @fabioaxlsilv : Jeremy

Cari rockers, bentornati nel salotto di L.A.C.K.S. Fatevi pure un giro al nostro frigo bar e rilassate le vostre membra che nel frattempo io vado a metter su un vinile che vi farà sobbalzare il cuore. Mi è stato spedito direttamente da Seattle; eh eh eh lo so iniziate a farvi già un’idea. Che la curiosità sia il pane per i vostri denti perché la puntina del giradischi si sta per posare. Crunch…BANG! Che il silenzio assordante rimbombi nella vostra testa, nelle vostre viscere e nelle profondità della terra intera; Jeremy ha parlato in classe oggi.

Siamo nell’agosto del 1992, mentre nel “bel paese” tuona e riecheggia l’operazione mani pulite, oltre oceano viene messo in onda il nuovo singolo dei Pearl Jam; il terzo dell’iconico album Ten. 

Quest’oggi cari lettori di L.A.C.K.S. voglio trattare molti aspetti peculiari ed umanistici di questa canzone e voglio iniziare dalla sua ispirazione e genesi. La canzone fu ispirata da un articolo di giornale che trattava di un sedicenne chiamato Jeremy Wade Delle che si sparò sotto gli occhi della sua classe la mattina dell'8 gennaio 1991. 


La delicatezza dell’argomento trattato, l’impatto visivo molto forte delle immagini del videoclip crearono molte discussioni al momento del lancio; come se non fosse bastata la montagna burocratica della censura che aveva già creato ritardi e due registrazioni completamente diverse tra loro. Alla fine il risultato fu decisamente forte ed efficace per la tempesta di sabbia scatenata dalla critica e dal popolo di disconoscenti per mera parvenza del disagio giovanile. Proprio quelli che esprimono parole di finto e bieco stupore come: “era un ragazzo così calmo”, coloro che ogni volta voltano le spalle alla legge del contrappasso della violenza e della depressione. 

Di qualsiasi fazione si facesse parte all’epoca, dai difensori del ragazzo che lo volevano allontanare dallo “scandalo” del suicidio ai suoi detrattori in una società degna del sogno americano l’unico rimedio è coprire tutto con una magnificente bandiera a stelle e strisce. Già! Proprio lo stesso vessillo che avvolge Jeremy denudato di ogni speranza, di ogni briciolo di felicità provata da bambino, volto attonito di una generazione vittima della patina della misoginia.

Vedder in questo brano incarna la voce della rabbia, della disperazione, della solitudine della rassegnazione. Il suo timbro caldo e profondo ti trascina in un vortice fino a farti sentire sulla pelle il significato di ogni strofa, ogni verso parola per parola. Alzi lo sguardo verso l’orizzonte e intravedi un’ombra con le braccia a "V" volte al cielo che chiedono alle entità divine la forza che non scorre più nel suo cuore. Un alone oscuro ti avvolge, l’ombra della solitudine, i tuoi compagni di classe che ti deridono e scherniscono ogni giorno; i tuoi genitori che ti nutrono con la loro indifferenza. Senti il ruggito del leone liberato dalla gabbia, quel re che dopo anni di verga vuole saziare la propria fame che troppo a lungo lo ha agognato. Senti infine risalire dai polmoni alla gola quelle infinite urla mute che esorcizzano ogni male, arriva un colpo al petto ritrovi tutto, hai il niente. 

Il crescendo strumentale che incalza ad ogni battito cardiaco dona una gran dose adrenalinica al brano in una climax di emozioni che d’improvviso si ferma e svanisce di colpo; proprio come fece quella pistola con Jeremy quella fredda mattina di gennaio. Molte persone solitamente descrivono l’adolescenza come il periodo più complesso, ma felice della propria vita, beh non sempre è così purtroppo; per tante persone quel periodo è l’idioma della tristezza e delle avversità. Non dobbiamo però farci travolgere dalle amplificazioni dei nostri mali, brani come questo vogliono mettere in luce proprio questo concetto. Perché se “la musica non è certo la soluzione, ma ti da un buon motivo per ballarci sopra!” noi dobbiamo esser sempre pronti a fare il primo passo per dare il via alla più bella danza che possa celebrarci finchè il sipario è su. Anche per oggi siamo arrivati alla fine di L.A.C.K.S. e voglio congedarmi con un inchino a tutti coloro che prendono in mano il proprio destino con l’intento di farne qualcosa di meraviglioso che irradi il mondo di una luce abbagliante che scacci ogni RE OSCURO dalle nostre esistenze. Sono le persone come loro che fanno si che danno la giusta voce con cui cantare al nostro Jeremy. Mi raccomando: “Stay tuned and fill your L.A.C.K.S.”


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f