Passa ai contenuti principali

Wave of Rock By nico.free.life: Club 27

Buongiorno cari Rockers, come immaginavo stiamo ritornando pian piano alla stessa situazione complicata di qualche mese fa... male.. molto male...l'importante è non farsi prendere dalla paura e da strane fobie ma  tenere duro ok? 

Intanto continua il nostro viaggio attraverso artisti e band che hanno plasmato con nuove forme e nuovi generi i tanti stili del rock, sfortunatamente una gran parte di loro ha lasciato questo mondo troppo presto, che sia stato per loro volontà o dovuto a sfortunati incidenti o per  strane coincidenze o come si vogliano chiamare, questi sono gli eventi,siamo a novembre il mese simbolo dei crisantemi, dei santi e dei morti.... quindi ho colto l'occasione per ricordare artisti che hanno dato tanto in così breve tempo della loro esistenza, sicuramente conoscerete tutti il "Club 27", questo nome è stato dato dalla stampa a partire dal 1994 data la coincidenza dell'età della morte  nel periodo tra il 1969 e il '71 di vari artisti famosi. 

Ricordiamo ,tra i tanti, Cobain, Jones, Hendrix, Joplin e Morrison, Winehouse . 

Vita da Rockers molto spesso è simbolo di eccessi che siano droghe, depressione, abuso di alcol e che portano spesso alla morte. A volte il successo non è sempre simbolo di felicità anzi alcuni artisti non reggono le tante responsabilità che ne comportano  ed affondano assieme alla loro nave carica di emozioni. 

Il grande Hendrix fu un virtuoso pioniere della chitarra elettrica e venne trovato privo di conoscenza nell'appartamento della sua ragazza, poi portato in ospedale,dove il 18 settembre 1970 venne dichiarato morto ( per soffocamento da vomito). John Bonham, alias  Bonzo, batterista dei Led Zeppelin morì a 27 anni per un overdose di barbiturici, Brian Jones, fondatore dei Rolling Stones, il 3 luglio 1969 fu trovato senza vita sul fondo della sua piscina, dalla autopsia eseguita erano presenti tracce di droga e alcol che durante la loro assunzione avevano provocato il danneggiamento di molti organi interni, fu archiviata come morte accidentale. 

Janis Joplin ,spirito libero degli anni 60, scomparve dopo 16 giorni dalla morte di Hendrix, uccisa da un overdose di eroina. Si dice che sia stata colpa di una dose troppo forte e fu trovata in una camera d'albergo il 4 ottobre del 1970. 

Il mitico Jim Morrison, frontman dei Doors, trovato senza vita nella vasca da bagno a Parigi nell'appartamento della sua ragazza Pamela Courson, non fu eseguita alcun autopsia, si dice che abbia sniffato eroina credendo che fosse cocaina, fu un tragico errore accaduto il 3 luglio 1971.

Kurt Cobain, anche lui simbolo degli anni 90,con i suoi testi apatici, angoscianti e depressi tipici di quella generazione  hanno reso il loro grunge una musica commerciale a livello mondiale e proprio questo successo fu la sua condanna . Era un depresso grave e un tossico dipendente tanto da suicidarsi con un colpo di fucile alla testa correva l'anno 1994 ed era il 5 aprile. Lasciando questa lettera.

E per concludere siamo arrivati a Amy Winehouse, 2011, trovata senza vita dalla sua guardia del corpo, la causa fu accidentale, uccisa da uno "stop and go", ossia da una massiccia dose di alcol dopo un lungo periodo di astinenza. 

Agli eccessi si può sempre porre rimedio...alla morte no...!!

Dalla vostra nico.free.life è tutto! Un abbraccio e sempre, eternamente, rock 🤘

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f