Passa ai contenuti principali

Wave Of Rock by@nico.free.life:The Darkness

Buongiorno amici Rockers in questo articolo parlerò di un gruppo né troppo attempato ma nemmeno tanto recente... infatti si sono formati nel 1999 e sono i the Darkness! 

A vederli sembrerebbero  una band tra gli anni '70 e '80 ed  infatti la loro musica è un revival dell'hard rock ispirato proprio a quel periodo. Justin Hawkins classe 1975, il loro leader e il fratello Daniel sono di origine britannica, Regno Unito. 

Justin è stato considerato una vera rockstar ma anche l'ultima,ha dimostrato nei primi anni del 2000 che il rock non era morto!! Cresciuto a Lowestoft insieme alla sorella Suzie e al fratello Daniel impara a suonare la chitarra; dopo il suo trasferimento a Londra, insieme al fratello e a due suoi amici d'infanzia Frankie Poullain e Ed Graham, fondano il loro primo gruppo,gli Empire (ahimè durati molto poco) e così sembrava essersi infranto il sogno di Justin, quello di diventare un musicista. 


Ma la svolta sembra essere vicina, infatti una sera il giovane cantante mentre si esibisce sulle note di un pezzo dei Queen riceve un discreto consenso dal pubblico presente; Dan, il fratello, notando ciò gli propone di rimettere su la band ma con un altro nome, The Darkness, così la nuova band si compone dei fratelli Justin e Dan Hawkins, Frankie Poullain, Ed Graham e Rufus Tiger Taylor. 

iniziano ad esibirsi e ad atteggiarsi in abiti ispirati agli anni 70/80 e con lo stesso glam di quel periodo. Allestiscono show e scenette ai loro concerti che attirano l'attenzione di alcune etichette discografiche. Anno 2002 primo EP "I believe in a thing called love" un vero successo planetario paragonato addirittura ai Queen con il primo album "Permission to land" successo durato molto poco. 

Nel 2005 Frankie abbandona la band, causa divergenze musicali, mentre è in atto la registrazione del 2° album, sostituito poi da Richie Edwards, "One way ticket to hall and back", produttore dei Queen, rivelatosi un enorme flop, causato dallo stato di salute di Justin vista la sua forte dipendenza da alcol e droghe. 


A questo punto sopraggiunge un forte stato di depressione e Justin decide di abbandonare la band per curarsi. Dopo una breve pausa ritorna da solista con un discreto successo. Sono passati molti anni ormai e nel 2012 , all'improvviso,la band con la stessa line up originale annuncia il ritorno,con un nuovo singolo "Nothing is gonna stop us" e"Hot cakes" he dando nuova vita alla band. 

Anno 2019 il loro 6° album "Easter is cancelled"  sono in una gran bella forma e tutt'ora attivi. 

Ricordiamo alcuni lavori anno 2003 "Love Is only a feeling", "Growing on me", 2012 "Every inch of you", 2015 "Barbarian", " I am santa",2017 "Happiness","Southern train".

Ed anche per questa settimana abbiamo approfondito la conoscenza di un'altra band....un po' come una stella cadente....ora c'è e poi per un periodo di tempo non c'è più!!

Un abbraccio dalla vostra nico.free.life 🤘 sempre eternamente rock ❣️


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

LaRagazza del Rock ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI DEL ROCK!

Ciao Amici Rockettari,  eccomi ancora qui, stavolta vi porto a spasso con me! Parliamo di luoghi “ROCK”. Possono essere concerti, stadi, strade o Hotel, poco importa… vengono ricordati nell’immaginario collettivo  poiché è successo qualcosa di veramente sensazionale e che ha cambiato la storia. In attesa di poter riprendere a viaggiare normalmente, di essere liberi di prendere un aereo per finire chissà dove, facciamoci un bel tour nei luoghi più famosi del rock! Questo è l’itinerario: per rendere giustizia rechiamoci in primis dove è nato il genere:  STATI UNITI D’AMERICA:  OHIO – CLEVELAND : il Rock & Roll Hall of Fame è un museo alla memoria dei più importanti artisti e  personalità della musica: Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Buddy Holly, Chuck Berry….  Tra le mostre temporanee vi cito alcuni degli artisti meglio rappresentati come Elvis Presley, The Who, John, Lennon, U2, Bob Dylan, The Clash. Per prendere un po’ di sole, ci spostiamo in CALIFORNIA – EL CERRITO: La “Metallima