Passa ai contenuti principali

Intervista ai Madness for Dinner!


Ciao ragazzi eccoci di nuovo con Voi, perché avete un annuncio molto importante da dare, vero?

Francesco, Gabriele, Carlo: “Si è vero, con entusiasmo siamo felici di annunciare il nostro nuovo cantante: Federico Valle”.

Quali sono le caratteristiche che vi accomunano di più con il vostro nuovo innesto e come cambierà il tipo di musica che proponete?

Francesco, Gabriele, Carlo: “Federico in realtà ha già fatto parte della band per circa un anno nel 2014, essendo rimasti in buoni rapporti, una sera dopo aver scambiato due chiacchiere davanti ad un cocktail ci siamo accordati per rivederci e fare una prova tutti insieme.

L’entrata di un nuovo componente, aumenterà sicuramente il nostro vocabolario di idee musicali. Dovrete quindi aspettarvi delle prossime canzoni nuove influenze, che non andranno però a snaturare la nostra identità e il nostro stile”.

Com’è stata decisa la scelta di avere un componente in più e per di più di cambiare “voce” al vostro gruppo?

Francesco, Gabriele, Carlo: “La scelta di selezionare un nuovo componente faceva già parte dei nostri piani, era prevista per dopo l’uscita dell’EP “Heartquake” in quanto sapevamo che riuscire a slegare la voce dalla chitarra solista avrebbe aumentato le qualità di entrambe, in quanto Gabriele può ora dedicarsi più liberamente allo strumento lasciando il ruolo di cantante solista a Federico”. 

Raccontateci qualcosa su di lui! 

Francesco, Gabriele, Carlo: “Lasciamo la parola al nuovo componente della ciurma”.

Federico: “Quando ho incontrato Gabriele e Francesco per la prima volta avevo appena iniziato a prendere lezioni di canto, abitudine che è rimasta nonostante io non abbia fatto più parte di alcun gruppo a causa di impegni derivanti da lavoro e studio. Negli ultimi mesi mi era tornata la voglia di ricominciare a cantare in una band e memore dell’esperienza positivissima con i Madness For Dinner ho deciso di ricontattarli”.

State lavorando a un nuovo EP? 

Tutti: “Attualmente non stiamo puntando alla registrazione di un nuovo EP ma siamo indirizzati verso la ricerca di uno stile che possa far esprimere al massimo le potenzialità di ognuno di noi e farlo in una direzione che accontenti i nostri gusti. Spoiler Alert: il processo creativo ha già dato i suoi primi frutti, non vediamo l’ora di farvi schiacciare play!” 


Quanto vi manca la sensazione del live e il contatto con i vostri fan?

Tutti: “Crediamo che tutti i musicisti ma anche quei professionisti che lavorano nell’ambito dello spettacolo stiano risentendo molto di questa situazione, ovviamente ci manca stare sul palco e condividere con il pubblico la nostra musica. Per rimanere a contatto con i follower cerchiamo di essere quanto più attivi sui social che in questo momento sono l’unico mezzo con cui possiamo mantenere i rapporti con i nostri fan”

Raccontateci le vostre vite al tempo del lockdown, sembra che Voi comunque non vi siate fermati!

Tutti: “Durante il periodo della fase gialla, sentendoci limitati negli spostamenti, abbiamo ripreso le nostre abitudini forzatamente sedentarie, che avevamo mostrato nel vlog “Come non impazzire in quarantena” pubblicato su YouTube:

Quindi stiamo approfittando del momento per scrivere qualche nuova idea e mettere da parte nuovo materiale che andremo poi a sviluppare meglio tutti insieme.

In ultimo vi chiedo che cosa farete appena la pandemia sarà finita. 

Tutti: “Una sola risposta: le prove!”.

Ringraziamo Lez Rock per l’intervista, baci e abbracci… a distanza di un metro. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f