Passa ai contenuti principali

Intervista ai Red Roll!



La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati?

Siamo cresciuti in questo mondo! Non credo di ricordare un preciso momento in cui è scattata la scintilla! Veniamo da piccoli paesi dell'appennino bolognese; e il caso ha voluto che quando eravamo ragazzotti questo genere nella nostra zona si ascoltava tanto! Forse, per 3 di noi, prima che al rock ci siamo avvicinati alla musica punk per poi allargare il nostro mondo musicale.

Si, i primi amori sono stati Sex Pistols, Exploited, Rancid, Nofx ecc...

Com'è nata la band e da dove deriva il vostro nome?

La band è nata circa un paio di anni fa, siamo in primis 4 amici e negli anni abbiamo condiviso tanti progetti musicali in "combinazioni" diverse; in questa esatta formazione però non avevamo mai suonato! Suoniamo da sempre ma negli ultimi anni, crescendo, le nostre strade musicali si erano divise. A luglio 2018 ci fu nel nostro paese un concerto dei Nomadi e gli organizzatori chiesero a "musicisti" della zona di suonare qualcosa in apertura. Siamo nati in quella circostanza, con la sola prospettiva di fare 30 minuti di musica, non avevamo nemmeno un nome!!

Poi.... le cose sono andate diversamente e oggi siamo qui!

Il nome Red Roll, rotolo rosso,  è il nostro Red Carpet per un mondo interiore... fatto di demoni, paure, ma anche il posto più intimo e personale. 

E' la nostra porta d'ingresso ad un mondo parallelo, di evasione ... che per noi è la musica!


Abbiamo ascoltato "At the end the beggining", giudicato da noi come album capolavoro, non si può che consigliare di ascoltarlo! Come è nato questo progetto?

Innanzitutto davvero grazie! Siamo molto felici che l'album vi sia piaciuto!

Sin da dopo quel primo concerto che dicevamo prima, quando decidemmo di proseguire, il nostro primo obiettivo era quello di fare musica nostra! Prima però, per creare amalgama e iniziare a fare un poco di cassa utile per portare avanti i nostri progetti abbiamo fatto tante serate con cover!  Parallelamente le prime idee iniziavano a prendere forma!

Se dobbiamo dire un momento in cui questo disco ha davvero iniziato a prender vita è sicuramente marzo scorso, durante la quarantena!  Li sono nate quasi tutte le idee dei pezzi! Abbozzate, registrate in casa e condivise tra noi ( santo WeTransfer ;) ) poi non appena è stato di nuovo possibile, tantissima sala prove per dare una forma a tutte queste idee!

Tra noi 4 ci sono differenze stilistiche, sebbene abbiamo una base comune all'interno le sfumature sono tante e diverse. Chi è più vicino al grunge, chi ha vene metal, punk ecc... la cosa di cui siamo più felici è che pensiamo che in questo lavoro si siano amalgamate tutte queste facce... c'è la parte più vera di ognuno di noi!


Qual è il vostro gruppo preferito e perché?

Questa è una domanda difficile, come dicevamo prima abbiamo gusti con sfumature diverse. Ma se dobbiamo trovare un nome/i che ci accomunano tutti e 4 sicuramente Biffy Clyro e Foo Fighters! Innanzitutto dal punto di vista live, concerti che hanno ancora la capacità di arrivare come un pugno. Concerti dove, anche a sacrificio della perfezione tecnica, sono in grado di trasmettere un'energia fortissima, non precostruiti. E poi, specialmente dei Biffy, il fatto che sanno creare mondi diversissimi ad ogni canzone... ascoltando per la prima volta un loro album non sai mai cosa aspettarti dal pezzo dopo... ma rimanendo sempre riconoscibili e senza snaturare la loro credibilità.

Di tutti i concerti live che avete visto quale vi è rimasto più impresso e quale vi ha deluso?

Più belli: Alter Bridge, Biffy Clyro e Muse. Deluso: Nickelback

Quale sono i progetti per il vostro futuro?

In questo "strano" periodo, stiamo lavorando soprattutto per essere pronti quando tutto tornerà alla normalità! In primis sul fronte live con tour di presentazione di questo album... ci sono cose molto interessanti on the way... ma per il momento preferiamo mantenere la suspance ahah!

Poi abbiamo ripreso a scrivere nuovi pezzi....e... continuiamo a promuovere anche un aspetto parallelo alla musica ma che fa sempre parte di Red Roll: la birra!! Si perchè abbiamo una birra artigianale prodotta a nostro nome e logo: la Red Roll Beer!

Se doveste descrivere il rock con una sola canzone, quale sarebbe?

.... vi rispondiamo con una per uno ;)

Passo: Smells Like Teen Spirit dei Nirvana

Cesi: Pour Some Sugar on Me dei Def Leppard

Leo: Smells Like Teen Spirit dei Nirvana

Jon: Rebel Yell di Billy Idol

I giovani oggi sembrano essere molto meno rock che un tempo, questo non è il vostro caso! a cosa è dovuto secondo Voi?

Grazie per averci messo nella "categoria" giovani... ma forse non lo siamo più così tanto... e forse anche per questo siamo così vicini a questa musica.

Oggi per i giovani è più difficile avvicinarsi alla musica Rock....le tendenze vanno in altre direzioni... e il bisogno di adeguarsi ad esse, nell'era social, è molto forte. Per andare in altre direzioni, per uscire dal "gruppo" serve davvero tanto coraggio e determinazione! Ma prima bisogna conoscere una possibile nuova strada... ed oggi le situazioni, nel quotidiano, per poter conoscere questa musica sono davvero poche! 


Il nostro blog nasce con l'intento di far avvicinare i più giovani al magico mondo del rock, i vostri consigli?

Difficile dare consigli! Possiamo solo dirti che per noi è stato un'ancora, uno svago, un amico, una zona sicura in tantissimi momenti...

Secondo voi ci sono band che ora come ora possano essere il futuro del rock? Se si quali?

..... i Red Roll? ahahah

In un ultimo vi chiedo per Voi cosa significa la parola ROCK?

ROCK, è in primis uno stile di vita! E' un contenitore dentro al quale finiscono tanti aspetti... e la musica ne è solo uno! Per noi rock è libertà, un'assenza di barriere mentali, un viaggio verso i nostri sogni.... il poter fare ciò che ci viene in mente...-

Grazie ai Red Roll!

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

LaRagazza del Rock ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI DEL ROCK!

Ciao Amici Rockettari,  eccomi ancora qui, stavolta vi porto a spasso con me! Parliamo di luoghi “ROCK”. Possono essere concerti, stadi, strade o Hotel, poco importa… vengono ricordati nell’immaginario collettivo  poiché è successo qualcosa di veramente sensazionale e che ha cambiato la storia. In attesa di poter riprendere a viaggiare normalmente, di essere liberi di prendere un aereo per finire chissà dove, facciamoci un bel tour nei luoghi più famosi del rock! Questo è l’itinerario: per rendere giustizia rechiamoci in primis dove è nato il genere:  STATI UNITI D’AMERICA:  OHIO – CLEVELAND : il Rock & Roll Hall of Fame è un museo alla memoria dei più importanti artisti e  personalità della musica: Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Buddy Holly, Chuck Berry….  Tra le mostre temporanee vi cito alcuni degli artisti meglio rappresentati come Elvis Presley, The Who, John, Lennon, U2, Bob Dylan, The Clash. Per prendere un po’ di sole, ci spostiamo in CALIFORNIA – EL CERRITO: La “Metallima