Passa ai contenuti principali

Intervista alla band svedese dei Diamonds and Guns!


Ciao ragazzi e grazie per l'intervista.

Partiamo dalla fondazione della band dove, quando e perché ?!

Victor e Kimmy suonavano insieme in un'altra band a quel tempo, un tipo di musica più metalcore.
Volevamo solo divertirci e suonare per forse uno o due mesi, scrivere alcune canzoni e così via.
Nel settembre 2018 abbiamo iniziato il progetto per davvero con Pontus e un batterista diffuso che si è unito alla band. Quel batterista non è durato a lungo tu
Alla fine del 2019 lo stesso savier si è unito alla band, Thomas.

Perchè avete scelto il nome Diamonds and Guns?

Volevamo onorare la scena punkrock della costa occidentale. Per un po 'di tempo abbiamo pensato di chiamarla "One Nine Nine Four", dopo il documentario su Youtube.
Avevamo alcuni nomi legati alla costa occidentale, ma abbiamo deciso "Diamonds and Guns".
Anche grazie alla omonima canzone dei Transplants che ci suonava bene in bocca.



"The Lonesome Man" la vostra nuova canzone è davvero fantastica e pensiamo meriti di essere ascoltata qui in Italia!

La canzone è stata in realtà una delle prime che abbiamo mai scritto, è una specie di storia oscura, testi oscuri e così via.
Ma ha ancora quel lato festoso  e una melodia giocosa che ti fa venir voglia di ballare.
È una bella canzone con un'attitudine fantastica, specialmente quando Thomas si è unito alla band e l'abbiamo riscritta!
Grazie per l'apprezzamento!



Qual è l'atmosfera del Rock nel vostro paese, ha molto seguito?

La cultura musicale in Svezia è sempre stata fiorente. Gli svedesi amano la musica e il genere rock è sempre stato nel nostro cuore. Molti ragazzi danno vita a gruppi rock da ragazzi e continuano a suonare fino a quando non hanno costruito la propria fan-base. Abbiamo molte scene live, quindi la musica è davvero presente e attiva.

Qual è la vostra opinione sul rock n roll? Pensate sia ancora vivo?

Il rock'n'roll non morirà mai. Tutti hanno bisogno del rock'n'roll nella loro vita. 
Alcune persone dicono che la scena rock sta morendo, io dico che sta soffrendo, ma non morirà mai. Sono tempi duri con l'era digitale che prende il sopravvento e con tutte le piattaforme musicali che vomitano blip-blop mainstream. 
Oggi le persone ascoltano una canzone su Spotify i primi 2 secondi e poi decidono bene o male, senza nemmeno ascoltare il ritornello, è un peccato. Ma le persone saranno sempre interessate alle persone e quella curiosità manterrà vivo il rock. Non riguarda solo le canzoni ma anche la rock band dietro le canzoni!


Il nostro blog, qui in Italia, cerca di fare del rock n roll la musica più ascoltata, dai più giovani, avete un'opinione o un consiglio da darci?

Sì! Sostenete la scena dal vivo! si tratta del posto dove si incontrano i rockhead! Quando questa merda pandemica sarà finita, porta i tuoi migliori amici e vai a vedere il rock dal vivo! Non deve essere il più grande dei club, vai a sostenere gli eroi della tua band locale!

Miglior momento di un vostro concerto:

Quando finiamo di suonare e possiamo andare a letto!
Scherzi a parte, solo suonare le nostre cose dal vivo è un emozione di per sé e la maggior parte delle volte non vuoi fermarti perché ha un effetto così naturale.


Parlateci del vostro primo concerto:

Era nel bel mezzo del nulla, in Svezia.
Se ricordo bene i monitor non funzionavano correttamente, rendendo difficile l'audio. In qualche modo siamo riusciti a farcela e penso che comunque abbiamo messo su uno spettacolo dannatamente infernale.

Quali sono i vostri artisti preferiti ?

I nostri gusti sono generalmente molto contrastanti, ma penso che saremmo tutti d'accordo sul classico punk rock della costa occidentale come Social Distortion, pop punk come i Blink 182 e simili hanno avuto la loro influenza su di noi, persino la band death punk norvegese Turbonegro per certi versi.

Se dico rock n roll voi rispondete?

Quando!? Dove!? Andiamo!!

Vi aspettiamo in Italia!

Non appena c'è una sola Corona al mondo: la birra!

Thank you very much, Andrea.


Take care and stay safe ❤
Victor e la band.


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f