Passa ai contenuti principali

Intervista a Piter Seil "100% Pure Rock'n'Roll"!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista.

Iniziamo.

La prima domanda riguarda la tua storia con il mondo del rock, quali sono i tuoi primi ricordi ,e come ti ci sei innamorato?

Ciao e grazie a voi! La passione è nata a 13 anni, mi sono avvicinato al mondo del rock quando ho iniziato a suonare la chitarra. 

Era il genere musicale che più mi entusiasmava ed a cui sono rimasto legato negli anni. I riff di Jimmy Page mi hanno letteralmente folgorato!

Abbiamo ascoltato "100% Pure rock 'n roll", il titolo è perfetto, grandi riff e grande ritmo, bellissimo! Come è nato questo progetto?

Grazie mille! Il mio progetto solista è nato dall'esigenza di avere piena autonomia espressiva: sono una one-man-band, le canzoni vengono composte, suonate e cantate interamente da me. Avevo bisogno di uno spazio personale dove poter raccontare senza compromessi il mio mondo e il mio modo di intendere la musica.

"100% Pure Rock'n'Roll" è un concept album che rappresenta a pieno il mio progetto: riportare il rock al suo stato puro ed incontaminato, in anni in cui questo genere pare aver perso il suo originario spirito eversivo e ribelle.

In sostanza, con "100% Pure rock 'n roll" il rock torna ad essere rock.


Il titolo, che è molto emblematico, come lo hai scelto?

Cercavo un titolo chiaro ed in grado di esplicitare il concetto di fondo che caratterizza l'intero album.Non nascondo che i titoli dei successivi album saranno molto simili a questo...

Qual è tuo artista preferito e perché?

Sceglierne uno è davvero difficile, adoro i Rolling Stones, AC/DC, Motorhead e tanti altri. Per rispondere alla domanda posso però risalire a chi ha influenzato me e le band citate: Chuck Berry. 

Quale sono i progetti per il tuo futuro?

Continuare a creare del 100% puro rock'n'roll senza fronzoli, in pieno stile Piter Seil, per chi – come me – dopo aver ascoltato e riascoltato i grandi classici del rock ha voglia di ascoltare nuova roba autentica ed incontaminata, con una personalità musicale ben definita e distinta.

Il sound e l'impronta dei successivi lavori è già chiara e delineata. In poche parole, se vi piace questo primo album vi piaceranno anche gli altri.


Se dovessi descrivere il rock con una sola canzone, quale sarebbe?

Direi Jumpin' Jack Flash: è una canzone che, per me, racchiude lo spirito primordiale del rock'n'roll.

I giovani oggi sembrano essere molto meno rock che un tempo! a cosa è dovuto secondo te?

La ribellione giovanile viene incanalata in qualcosa di davvero poco ribelle: vantarsi di avere gioielli e collane, o il cash. Tutto questo mi sembra ridicolo, oltre che poco ribelle.

Il problema è anche terminologico: oggi viene definito rock ciò che palesemente non lo è.

Sai, il rock è pericoloso perché punta alla libertà dell'individuo. Quale società vorrebbe promuovere messaggi in grado di risvegliare l'individualità di ognuno? Nessuna ovviamente, sarebbe controproducente.Si preferisce piuttosto associare il termine rock a qualcosa di commerciale, vuoto ed inoffensivo; alle mode di turno o all'immagine di una musica fatta di tatuaggi e chitarre distorte, ma priva di sostanza. O ad artisti che fanno tutt'altro genere – pop o trap – e si definiscono rock senza esserlo.

Il nostro blog nasce con l'intento di far avvicinare i più giovani al magico mondo del rock, hai consigli?

Purtroppo molte riviste e radio rock di rilevanza nazionale anziché dar voce alle nuove band preferiscono – per ovvie ragioni commerciali – occuparsi del genere musicale di tendenza, oppure osannare in eterno le band del passato.

In questo modo i giovani, per forza di cose, non possono trovare nuovi riferimenti in ambito rock. Voi invece siete una webzine del settore che si occupa effettivamente di questo genere musicale, quindi state facendo la vostra parte. Vi consiglio quindi di continuare così. Se ogni canale di comunicazione rock facesse la propria parte, il genere beneficerebbe  sicuramente di una maggiore visibilità, quindi di un maggior interesse da parte dei giovani.

Secondo te quali sono le band che ora come ora possano essere il futuro del rock?

Molte band del presente fanno un rock annacquato che, pur essendo prodotto bene, ha ben poco di ribelle. In ambito mainstream ci si limita a copiare l'immagine e il sound di una band del passato, ma ciò, a mio avviso, genera inutili doppioni.

Mi piace invece l'attitudine dei The Darbies, una giovane band californiana, credo che abbiano lo spirito giusto.


In un ultimo ti chiedo per te cosa significa la parola ROCK?

Libertà, energia, passione. Essere se stessi senza compromessi.


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f