Passa ai contenuti principali

Lez Rock L.A.C.K.S. By @fabioaxlsilv: Kurt Cobain

Carissimi rockers è con estremo piacere che vi do il bentornato nel nostro solito salotto di L.A.C.K.S. È arrivato il momento di parlare di colui che è diventato negli anni il simbolo del grunge. Il compianto front man dei nirvana Kurt Cobain.

Oggi voglio raccontarvi di quel ragazzo delicato, eccessivamente empatico, dall'anima delicata come una rosa di cristallo. Non poche spine sono dovute essere apposte sul gambo di quel fiore durante la sua troppo breve vita. Dopo il divorzio dei suoi genitori iniziò per lui un vorticoso viaggio di introversione che si ingarbugliava sempre più ogni volta che veniva  spostato da una casa all'altra, discorrendo per ogni grado di parentela possibile, riposto in uno sgabuzzino come un oggetto che stona con l'arredamento scelto, nascosto come polvere sotto al tappeto. Anche se la volontà di chi si doveva prendere cura di Kurt non era quella di fargli del male egli stesso provava sempre più vergogna verso i suoi pari e una crescente sensazione di inadeguatezza al mondo e alla vita.

Come non capirlo, d'altra parte si sa, chi vive situazioni del genere è costretto per scelte altrui ad affrontare problemi per cui non si potrà mai affermare di esser pronti. "Ad Aberdeen ci sono solo due cose da fare: fumare erba e suonare. Io ho fatto entrambi, una era l'illusione di poter evadere dal labirinto in cui mi trovavo, l'altra era la roccia da cui potevo urlare il mio sdegno per ciò che non meritavo." Quel ragazzo biondo ci si aggrappò con tutte le sue forze a quella chitarra e in una stanza di un metro per due iniziò a scrivere la bellissima storia di quella band chiamata Nirvana.

Kurt insieme a Dave Grohl, Krist Novoselic e Pat Smear hanno rappresentato un qualcosa vicino all'indescrivibile per l'intera generazione che dal 91 al 94 ha avuto la fortuna di vederli nascere, crescere, evolvere e dissolvere. Vi cito un episodio che vede coinvolta una persona a me cara e ve lo racconto in breve con le parole che usò quel giorno, dietro ad una cattedra, durante la ricreazione di una mattina qualsiasi della mia terza superiore: "Il concerto dei Nirvana a Roma fu decisamente diverso da quello che vidi a Modena dei Guns n' roses. Perché? Numero uno perché al secondo andai con altre persone alla luce di tutto e tutti mentre a Roma ci arrivai nel segreto più totale come i miei compagni di viaggio, ragazzini incoscienti e bramosi di vedere e sentire la voce che ci aveva devastato l'esistenza. Numero due,cazzo! Kurt Cobain ci ha afferrato l'inconscio, sbattuto a terra, sepolto per farne nascere uno nuovo. Potevo perdermelo a due ore da casa?! Col cazzo!".


Queste furono le parole con cui ho conosciuto la musica grunge, quelle di un professore di lettere che faceva parte di quella generazione che più di tutti fu sconvolta dal sound dei Nirvana. A queste parole voglio aggiungere della musica ed oggi ho scelto "Something in the way", perché penso sia quella che più incarna la vita di Kurt e di tutte le persone empatiche e fragili che, con sempre più grandi difficoltà, faticano a trovare il loro posto nel mondo. Perché non è raro costruirsi castelli in aria e amici immaginari che siano il riflesso comprensivo del nostro io. Perché alla fine come sempre sentirò sulla mia pelle, nel mio profondo, "è giusto mangiare i pesci perché in fondo non hanno sentimenti". Trovate quel qualcosa che vi faccia andare avanti nel cammino, che vi faccia vivere e non soltanto sopravvivere. Trovate ciò che Kurt smise di cercare quel mai dimenticato 8 aprile 1994. Con le note di questa canzone nelle orecchie vi lascio alle sue ultime parole; quelle scritte all’amico immaginario della sua infanzia, “Boddah”, attraverso le quali confessa la sua disperazione. Mi congedo salutandovi con un caloroso abbraccio miei aficionados, miei LACKERS, stay tuned, fill your L.A.C.K.S. e premete play, alla prossima puntata, sempre qui nel nostro salotto.


«A Boddah. Vi parlo dal punto di vista di un sempliciotto un po’ vissuto che preferirebbe essere un bimbo lamentoso. Questa lettera dovrebbe essere abbastanza semplice da capire. Tutti gli avvertimenti della scuola base del punk-rock che mi sono stati dati nel corso degli anni, dai miei esordi, come l’etica dell’indipendenza e della comunità si sono rivelati esatti. Non provo più emozioni nell’ascoltare musica e nemmeno nel crearla e nel leggere e nello scrivere da troppi anni ormai. Questo mi fa sentire terribilmente colpevole. Per esempio quando siamo nel backstage e le luci si spengono e sento alzarsi forte l’urlo del pubblico, non provo quello che provava Freddie Mercury, che si sentiva inebriato dalla folla, ne traeva energia e io l’ho sempre ammirato e invidiato per questo. Il fatto è che non posso imbrogliarvi, nessuno di voi. Semplicemente non sarebbe giusto nei vostri confronti né nei miei. Il peggior crimine che mi possa venire in mente è quello di fingere e far credere che io mi stia divertendo al 100%. A volte mi sento come se dovessi timbrare il cartellino ogni volta che salgo sul palco. Ho provato tutto quello che è in mio potere per apprezzare questo (e l’apprezzo, Dio mi sia testimone che l’apprezzo, ma non è abbastanza). Ho apprezzato il fatto che io e gli altri abbiamo coinvolto e intrattenuto tutta questa gente. Ma devo essere uno di quei narcisisti che apprezzano le cose solo quando non ci sono più. Sono troppo sensibile. Ho bisogno di stordirmi per ritrovare quell’entusiasmo che avevo da bambino. Durante gli ultimi tre nostri tour sono riuscito ad apprezzare molto di più le persone che conoscevo personalmente e i fan della nostra musica, ma ancora non riesco a superare la frustrazione, il senso di colpa e l’empatia che ho per tutti. C’è del buono in ognuno di noi e credo di amare troppo la gente, così tanto che mi sento troppo fottutamente triste. Il piccolo triste, sensibile, ingrato, pezzo dell’uomo Gesù! Perché non ti diverti e basta? Non lo so. Ho una moglie divina che trasuda ambizione ed empatia e una figlia che mi ricorda di quando ero come lei, pieno di amore e gioia. Bacia (Frances, ndr) tutte le persone che incontra perché tutti sono buoni e nessuno può farle del male. E questo mi terrorizza a tal punto che perdo le mie funzioni vitali. Non posso sopportare l’idea che Frances diventi una miserabile, autodistruttiva rocker come me. Mi è andata bene, molto bene durante questi anni, e ne sono grato, ma è dall’età di sette anni che sono avverso al genere umano. Solo perché a tutti sembra così facile tirare avanti ed essere empatici. Penso sia solo perché io amo e mi rammarico troppo per la gente. Grazie a tutti voi dal fondo del mio bruciante, nauseato stomaco per le vostre lettere e il supporto che mi avete dato negli anni passati. Io sono un bambino incostante, lunatico! E non ho più nessuna emozione, e ricordate, è meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente. Pace, amore, empatia. Kurt Cobain. Frances e Courtney, io sarò al vostro altare. Ti prego Courtney tieni duro, per Frances. Per la sua vita, che sarà molto più felice senza di me. VI AMO. VI AMO. »


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f