Passa ai contenuti principali

Lez Rock Nation By Gabriele Medeot : Side A, Traccia 1

 

Album:  Lez Rock Nation


Side A

Traccia 1: Rock Generation (4’.40”)


Fu attorno alla metà degli anni 60 che le cose iniziarono davvero ad accelerare in modo esponenziale. In quel baricentro generazionale che è stato il 1965, dei giovani appena maggiorenni, (o giù di lì), i ragazzi del Baby Boom, si ritrovarono tra le mani un mondo nuovo, pronto a mutare, anzi, bisognoso di farlo. 

I Baby Boomers erano nati dalla metà degli anni 40 sulle macerie di un’Europa a brandelli: tutto era da ricostruire, da conquistare, tutto si poteva inventare, e in quel momento i Beatles avevano già avviato un processo di rinnovamento senza precedenti. Fu così, che a metà degli anni 60, in piena beatlemania, l’esempio dei 4 di Liverpool fu dirompente, e accadde qualcosa.




Individuare però in modo preciso il momento in cui il Rock prese vita, risulta sempre un azzardo, ma in quel 1965 si concentrarono alcuni avvenimenti che ancora oggi assumono un sincronismo che non appare certamente casuale.


I fatti della storia e la musica che li accompagna sono da sempre strettamente connessi, e il 21 febbraio 1965, Malcom X, leader nella lotta per i diritti degli afroamericani venne assassinato. Poche settimane dopo, il 13 aprile, i Beatles lanciarono un chiaro grido di aiuto con “Help!”, singolo e title track dell’omonimo album, il numero 5. 



“Help!”, canzone nata come ballad e poi modificata nello stile per esigenze di mercato, fu subito un manifesto generazionale anche grazie ad un testo molto eloquente: “quando ero più giovane, molto più giovane di oggi, non mi serviva l’aiuto di nessuno, ma oggi quei tempi sono andati...” Se questo messaggio, ad una prima lettura, potrebbe non apparire così rilevante, allora ricordiamoci ad esempio che i 4 di Liverpool avevano più o meno vent'anni, e che a quell’età mediamente si dovrebbe essere spensierati e poco inclini al pensare al “quando ero più giovane”...

Ma l’aiuto serviva davvero, tanto che mentre i The Kinks tagliavano i coni degli altoparlanti per ottenere un suono nuovo, grezzo, distorto, Lou Reed sottolineava quella distorsione giovanile in “Heroin”, cantando Non so proprio dove vado, ma proverò a raggiungere il regno se ci riesco, perché mi sento un vero uomo quando infilo l’ago in vena”...


La situazione sociale non era evidentemente serena, e a maggio, mentre il primo contingente di oltre 100.000 Marines era da poco arrivato in Vietnam, ci pensarono anche i Rolling Stones a sostenere il diffuso sentimento di disagio e scontentezza che aleggiava ovunque, cantandolo apertamente in  “(I can’t get no) Satisfaction”. L’atto di guerra statunitense fu accompagnato dal suono di un rivoluzionario Bob Dylan, che compì quella che passò alla storia come la “svolta elettrica”.  Il 25 luglio 1965 infatti si presentò al “Newport Folk Festival” con la sua nuova chitarra elettrica, e accompagnato dalla band suonò e cantò: “Bring it all back home”, riportiamoli tutti a casa. 


La sensazione di disorientamento era totale e nonostante Londra si stesse trasformando nella Swinging London tanto ambita e ricercata, a ribadire che le cose non stavano funzionando ci pensò un nuovo gruppo formato da quattro sfrontati giovani, provocatoriamente anonimi, tanto da volerlo comunicare già dal nome, “The Who”, i chi.  

Quattro 19enni che si sentirono in dovere di rappresentare i propri coetanei, anche cantano un testo che per certi versi anticipò di una decina d’anni il nichilismo e l'autodistruzione del Punk e del suo messaggio più famoso: “No future”. I The Who,  a dicembre, lo profetizzarono in “My Generation”, gridando e balbettando a tutti un testo che diceva, “spero di morire prima di diventare vecchio”.


Tirando le somme, quando parliamo di Rock e ci chiediamo cosa significhi quella parola, proviamo a pensare a tutte queste cose, alla reale necessità di sopravvivenza di quei giovani, a quella autentica esigenza comunicativa figlia della distruzione e del buio. 

Se lo facciamo, possiamo provare a capire il perchè quella musica sia stata ciò che tutti sappiamo, un paradigma, una sorta di dogma stilistico, un inno all’eccesso, certamente una tra le più potenti forme di comunicazione dell’uomo. 

A questo punto possiamo anche farci un'idea del perché oggi la musica sia così diversa rispetto ad un tempo. Tutto, o molto, dipende dalla autenticità della motivazione, ed è un dato di fatto che oggi, benessere e comodità, non siano situazioni che inneschino una vera “fame” di affermazione. 


In conclusione possiamo anche dire che essere parte di una specifica generazione comporta evidentemente pro e contro, ma indubbiamente è una possibilità preclusa a chi è nato al di fuori di una determinata finestra temporale. 

Ecco perché, quando si parla di Rock, entra in gioco la sincerità delle motivazioni e delle scelte, ed ecco perchè, tutto sommato, possiamo dire che, visti i fatti, è proprio da quel 1965 che inizia la storia della vera, unica e originale generazione del Rock. 

Quei ragazzi hanno gettato le solide fondamenta di un edificio maestoso, la cattedrale del Rock, disponibile oggi per tutti noi. È l'ambiente nel quale possiamo liberamente entrare per sognare e sentirci, anche solo per la durata di una canzone, parte di quella generazione, un ambiente che noi, qui, chiamiamo “Rock Nation”.





Commenti

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran