Passa ai contenuti principali

Rock 'n Roll Angel by Raina: Rimborso mancato e scarsi chiarimenti da parte di TicketOne.

 


Molti settori stanno risentendo di questa emergenza sanitaria, come ad esempio ristorazione, spettacolo ed eventi. Ci tenevo a parlare della questione inerente all’ organizzazione di eventi e concerti: recentemente è scoppiata sul web una bufera in merito al mancato risarcimento dei concerti annullati da parte di TicketOne ( per chi non lo sapesse, si tratta di una società italiana fondata nel 1998, operante nel settore di ticketing/ biglietteria per eventi inerenti allo spettacolo, cultura, musica, arte e sport in ambito nazionale e internazionale).

Questa pandemia è stata un “lutto” per il mondo musicale, che ha visto molti eventi lasciati in stand by. Tantissime persone hanno acquistato i biglietti su TicketOne, prima e durante il lockdown a Marzo 2020,  con la speranza che nel periodo estivo si potesse tornare alla normalità visto che la situazione covid stava leggermente migliorando.

E' stata creata una raccolta di firme di protesta a TicketOne per il mancato rimborso e per la scarsa chiarezza negli aggiornamenti.

La cosa che ha scaturito una vera e propria rivolta sul web è che per procedere al rimborso, viene richiesta la registrazione e la presa d'atto dell’informativa relativa al trattamento dei dati personali da parte della società. Inoltre, vengono forniti dei voucher sostitutivi per altri spettacoli da riutilizzare nuovamente, a cui spesso il pubblico non è interessato.

Tramite il decreto legge 19/5/2020 n.34 era stata data la possibilità di convertire in risarcimento monetario i concerti annullati o rinviati ed era stata data una scadenza per l’utilizzo del voucher entro 18 mesi. La situazione era che, molti punti vendita chiusi definitivamente o temporaneamente sospesi, non potevano eseguire direttamente il rimborso dei biglietti per eventi annullati o posticipati causa COVID-19.I clienti in possesso di tali biglietti che intendevano chiedere il rimborso, si dovevano avvalere di una procedura alternativa, richiedendo il rimborso direttamente alla società. Ma per un colosso come TicketOne il risarcire migliaia di persone si è presentata una cosa difficile da gestire.

Molte persone commentando sul web dichiarano che sono state fatte promesse che poi non sono state mantenute. Sui social sono stati creati molteplici gruppi di protesta, dove è stato innalzato tale disagio, chiedendo anche l’aiuto del programma televisivo Striscia la Notizia per poter rendere più visibile questo avvenimento.


Clicca qui per leggere l'articolo

 La gente riferisce di sentirsi tradita, altri, riconoscono l’aiuto di TicketOne nella riconversione del biglietto in un voucher. Per questo disagio, molti hanno iniziato ad acquistare biglietti per eventi da fornitori e società estere, come ad esempio Lippu.fi, e ciò ha creato una discesa economica ulteriore per l ‘Italia.

La musica è un settore molto colpito dalla crisi ed è giusto che con il contributo di ognuno di noi si ritorni alla normalità quanto meno possibile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f