Passa ai contenuti principali

Lez Rock Nation by @gabrielemedeot_storyteller: La rivoluzione dei cuori solitari e della banana rosa

 Album: LezRock Nation

Side A

02. La rivoluzione dei cuori solitari e della banana rosa 5’.00’’


Se il 1965 è stato, per certi versi, l’anno di avvio di quella rivoluzione che oggi, spesso in modo piuttosto generalistico liquidiamo con la parola “rock”, il 1967 rappresentò, senza ombra di dubbio, il momento di massima accelerazione verso il decennio degli anni 70, considerato universalmente come il decennio del rock.


Il 14 gennaio 1967, circa 20.000 giovani si ritrovarono al Golden Gate Park di San Francisco per passare insieme qualche ora spensierata, cantando, fumando, parlando e facendo l’amore. Avevano dato vita al movimento degli Hippy, e la baia di San Francisco sarebbe diventata la culla di quella ideologia.


Quei 20.000 giovani, nel giro di pochi mesi sarebbero diventati i 200.000 che a giugno avrebbero invaso la cittadina di Monterey, per assistere al primo festival dallo slogan “Music, Love, Flowers”, il Monterey Pop Festival. Fu il battesimo della famigerata “Summer of Love”.



Mamas and Papas, The Who, Janis Joplin, Jimi Hendrix sono solo alcuni degli artisti che suonarono in quel festival, che tra l’altro contava su un innovativo comitato, una commissione di qualità che aveva selezionato gli artisti. Di quella commissione facevano parte anche Paul McCartney, Mick Jagger, Paul Simon.



In quel contesto artistico, alterato dall’LSD e dalle utopiche promesse di un mondo migliore e di una rapida conclusione della guerra del Vietnam, (che in realtà per gli Stati Uniti sarebbe durata fino al 1975), si inserirono due dischi fondamentali per lo sviluppo della cultura musicale da quel momento in poi.


Si tratta di “Sgt Pepper's lonely hearts club band” dei Beatles, e di “Velvet Underground and Nico” dei Velvet Underground.


Due dischi considerati universalmente tra i più importanti della storia, diversi tra loro, nei contenuti, nei mezzi a disposizione per realizzarli, nelle esperienze pregresse, nelle ambizioni. 


Sono tutt'altro che dischi “easy listening”, piuttosto sono due monumenti carichi di dettagli, contenuti rilevanti da tutti i punti di vista, messaggi eclatanti nei testi, sonorità innovative, copertine divenute icone stilistiche.


Sono letteralmente dischi da leggere, guardare, toccare, oltre che da ascoltare, vanno maneggiati, scoperti e riascoltati più volte per entrare sempre più in profondità.



“ Sgt Pepper’s Lonely hearts club band” ha stupito da subito per una ricerca sonora che solo il progressive, (da lì a breve), avrebbe in qualche modo ricalcato. Ha colpito per la scelta della band di “scomparire” dietro ad un nome nuovo, (il gruppo si chiamava proprio Sgt Pepper), ha creato un nuovo concetto di immagine, che volendo leggere in modo più ampio, può essere inteso come una chiara anticipazione di quello che sarà il “Glam”, cioè il travestirsi per essere qualcun altro. 



Le canzoni per la prima volta sono “mixate” una nell’altra, le tecniche di registrazione sono state le più innovative, e rimane un dato di fatto che da quel disco sia iniziata la leggenda del “P.I.D” (Paul Is Dead). Secondo questo mito, il bassista di Liverpool sarebbe morto, durante le registrazioni dell'album, in un incidente stradale a bordo della sua Aston Martin, sostituito subito e per sempre da un sosia.




Ecco spiegato il modellino di Aston Martin e i guanti insanguinati da pilota in mano alla piccola Shirley Temple ritratta in basso a destra nella copertina, o la corona di fiori a forma di basso al centro dell’immagine, McCartney di spalle nel retro copertina e tanti altri piccoli dettagli che alimentano la leggenda e sono impressi su quella copertina.


In ogni caso il disco fu subito un successo, una nuova fase fondamentale per i Beatles.





“Velvet Underground and Nico” fu invece un lavoro accolto in modo diffidente e scettico. Poca programmazione radiofonica, poco spazio e poca pubblicità per quel disco difficile, impietoso nei testi, crudo ed essenziale nella musica.  





I Velvet Underground erano nati dalla somma di due menti speciali, due visionari isolati e solitari, Lou Reed e John Cale. Affidandosi l’uno all’altro, o forse approfittando l’uno dell’altro, decisero di scrivere le canzoni che nessun altro avrebbe voluto da loro, e di pubblicarle. Nessun filtro, nessuna limitazione, nessuna censura, ma pura ispirazione, intuizione, ipnotismo. E lo fecero in modo fragoroso, un modo che oggi definiremmo “explicit”.


Quel disco è irriverente, ti fa perdere l’equilibrio che pensi di avere, e al primo ascolto ti spiazza per la sua ecletticità. Fu prodotto anche da Andy Warhol, che disegnò la banana in copertina, la trasformò in un adesivo che staccandosi rivelava la stessa banana, ma di un rosa acceso, come l’organo sessuale maschile che rappresentava. L’impatto visivo era assicurato. Il tempo avrebbe fatto il resto, e avrebbe consacrato quelle canzoni basate su tre accordi, cantate con quella voce tagliente come un rasoio, penetrante come un ago che ti entra nella carne lentamente e in modo inesorabile.



Il 1967 è stato in sintesi l’anno del sogno, dell’utopia, dell’amore che ha provato a prevalere su tutto il resto. Nel 1967 i giovani hanno davvero creduto nella concreta possibilità di cambiare le cose modificando un sistema che invece fece ciò che ha sempre fatto, li inglobò, e nel giro di poco li inghiottì. 


Oggi il risultato prodotto con tanta convinzione da quella generazione rimane sotto gli occhi di tutti noi, fu l’anno in cui la musica dimostrò che la rivoluzione culturale era pronta. 


Giovani come Jimmy Page, Jim Morrison, Robert Fripp e tanti altri lo avevano già capito, e decisero di essere i condottieri della neonata Rock Nation.



Commenti

  1. Interessantissimo leggere le storie nascoste nelle copertine dei dischi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine… Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricos

Waveofrock by @nico.free.life : Måneskin "chiaro di luna"

Buongiorno Rockers,allora siete pronti per questo viaggio nella musica rock Italiana...??? Questo articolo ho deciso di dedicarlo  ad una giovane ed emergente rock band italiana che ha trionfato agli Eurovision song contest con una ventata di puro  e fresco rock, portando l'Italia al primo posto in questo triste 2021. Loro si chiamano Måneskin....Chi sono i Måneskin...?? Sono un gruppo musicale rock italiano formatosi a Roma nel 2016 composto dalla voce di Damiano David,dal basso di Victoria De Angelis, dalla chitarra di Thomas Raggi e dalla batteria di Ethan Torchio. Sì sono fatti conoscere nel 2017 partecipando all'undicesima edizione del programma di X Factor,anche se sono arrivati alla seconda posizione hanno firmato un contratto con la Sony Music pubblicando l'EP "Chosen".  Nell' anno 2021 hanno vinto la 71°edizione del festival di Sanremo con il brano "Zitti e buoni" e con questo brano hanno vinto la manifestazione dell'Eurovision Song cont

Lez Punk by Jo : "What a Shame Mary Jane"

Hello Punkrockers! O come direbbe il protagonista di questo articolo, Ciao Fenomeni! Oggi vi presento un cantautore degno di nota e in particolare il suo singolo appena sfornato! Classe 1994, Luca Sammartino è un musicista pop punk lodigiano che si ispira a icone come Green Day e The Struts, ma anche ai classici Elvis Presley e Chuck Berry. Fin da ragazzino è appasionato al rock 'n' roll e tutt'oggi combatte per riportarlo in vita facendosi strada tra la discutibile musica del momento. Infatti nel 2018 decide di fondare 0371 Music Press insieme al suo amico Marco "Fapo" Fapani, un ufficio stampa che si occupa di organizzazione e promozione di eventi musicali. Grazie alla sua nuova band i Fenomeni pubblica il suo fantastico singolo "What a Shame Mary Jane". Con le sue energiche melodie pop punk che sembrano essere appena uscite da un album dei Green Day, Luca ci descrive quella sensazione di solitudine che si prova quando si realizza che quei momenti tran