Passa ai contenuti principali

Lez Rock Nation by @gabrielemedeot_storyteller: La rivoluzione dei cuori solitari e della banana rosa

 Album: LezRock Nation

Side A

02. La rivoluzione dei cuori solitari e della banana rosa 5’.00’’


Se il 1965 è stato, per certi versi, l’anno di avvio di quella rivoluzione che oggi, spesso in modo piuttosto generalistico liquidiamo con la parola “rock”, il 1967 rappresentò, senza ombra di dubbio, il momento di massima accelerazione verso il decennio degli anni 70, considerato universalmente come il decennio del rock.


Il 14 gennaio 1967, circa 20.000 giovani si ritrovarono al Golden Gate Park di San Francisco per passare insieme qualche ora spensierata, cantando, fumando, parlando e facendo l’amore. Avevano dato vita al movimento degli Hippy, e la baia di San Francisco sarebbe diventata la culla di quella ideologia.


Quei 20.000 giovani, nel giro di pochi mesi sarebbero diventati i 200.000 che a giugno avrebbero invaso la cittadina di Monterey, per assistere al primo festival dallo slogan “Music, Love, Flowers”, il Monterey Pop Festival. Fu il battesimo della famigerata “Summer of Love”.



Mamas and Papas, The Who, Janis Joplin, Jimi Hendrix sono solo alcuni degli artisti che suonarono in quel festival, che tra l’altro contava su un innovativo comitato, una commissione di qualità che aveva selezionato gli artisti. Di quella commissione facevano parte anche Paul McCartney, Mick Jagger, Paul Simon.



In quel contesto artistico, alterato dall’LSD e dalle utopiche promesse di un mondo migliore e di una rapida conclusione della guerra del Vietnam, (che in realtà per gli Stati Uniti sarebbe durata fino al 1975), si inserirono due dischi fondamentali per lo sviluppo della cultura musicale da quel momento in poi.


Si tratta di “Sgt Pepper's lonely hearts club band” dei Beatles, e di “Velvet Underground and Nico” dei Velvet Underground.


Due dischi considerati universalmente tra i più importanti della storia, diversi tra loro, nei contenuti, nei mezzi a disposizione per realizzarli, nelle esperienze pregresse, nelle ambizioni. 


Sono tutt'altro che dischi “easy listening”, piuttosto sono due monumenti carichi di dettagli, contenuti rilevanti da tutti i punti di vista, messaggi eclatanti nei testi, sonorità innovative, copertine divenute icone stilistiche.


Sono letteralmente dischi da leggere, guardare, toccare, oltre che da ascoltare, vanno maneggiati, scoperti e riascoltati più volte per entrare sempre più in profondità.



“ Sgt Pepper’s Lonely hearts club band” ha stupito da subito per una ricerca sonora che solo il progressive, (da lì a breve), avrebbe in qualche modo ricalcato. Ha colpito per la scelta della band di “scomparire” dietro ad un nome nuovo, (il gruppo si chiamava proprio Sgt Pepper), ha creato un nuovo concetto di immagine, che volendo leggere in modo più ampio, può essere inteso come una chiara anticipazione di quello che sarà il “Glam”, cioè il travestirsi per essere qualcun altro. 



Le canzoni per la prima volta sono “mixate” una nell’altra, le tecniche di registrazione sono state le più innovative, e rimane un dato di fatto che da quel disco sia iniziata la leggenda del “P.I.D” (Paul Is Dead). Secondo questo mito, il bassista di Liverpool sarebbe morto, durante le registrazioni dell'album, in un incidente stradale a bordo della sua Aston Martin, sostituito subito e per sempre da un sosia.




Ecco spiegato il modellino di Aston Martin e i guanti insanguinati da pilota in mano alla piccola Shirley Temple ritratta in basso a destra nella copertina, o la corona di fiori a forma di basso al centro dell’immagine, McCartney di spalle nel retro copertina e tanti altri piccoli dettagli che alimentano la leggenda e sono impressi su quella copertina.


In ogni caso il disco fu subito un successo, una nuova fase fondamentale per i Beatles.





“Velvet Underground and Nico” fu invece un lavoro accolto in modo diffidente e scettico. Poca programmazione radiofonica, poco spazio e poca pubblicità per quel disco difficile, impietoso nei testi, crudo ed essenziale nella musica.  





I Velvet Underground erano nati dalla somma di due menti speciali, due visionari isolati e solitari, Lou Reed e John Cale. Affidandosi l’uno all’altro, o forse approfittando l’uno dell’altro, decisero di scrivere le canzoni che nessun altro avrebbe voluto da loro, e di pubblicarle. Nessun filtro, nessuna limitazione, nessuna censura, ma pura ispirazione, intuizione, ipnotismo. E lo fecero in modo fragoroso, un modo che oggi definiremmo “explicit”.


Quel disco è irriverente, ti fa perdere l’equilibrio che pensi di avere, e al primo ascolto ti spiazza per la sua ecletticità. Fu prodotto anche da Andy Warhol, che disegnò la banana in copertina, la trasformò in un adesivo che staccandosi rivelava la stessa banana, ma di un rosa acceso, come l’organo sessuale maschile che rappresentava. L’impatto visivo era assicurato. Il tempo avrebbe fatto il resto, e avrebbe consacrato quelle canzoni basate su tre accordi, cantate con quella voce tagliente come un rasoio, penetrante come un ago che ti entra nella carne lentamente e in modo inesorabile.



Il 1967 è stato in sintesi l’anno del sogno, dell’utopia, dell’amore che ha provato a prevalere su tutto il resto. Nel 1967 i giovani hanno davvero creduto nella concreta possibilità di cambiare le cose modificando un sistema che invece fece ciò che ha sempre fatto, li inglobò, e nel giro di poco li inghiottì. 


Oggi il risultato prodotto con tanta convinzione da quella generazione rimane sotto gli occhi di tutti noi, fu l’anno in cui la musica dimostrò che la rivoluzione culturale era pronta. 


Giovani come Jimmy Page, Jim Morrison, Robert Fripp e tanti altri lo avevano già capito, e decisero di essere i condottieri della neonata Rock Nation.



Commenti

  1. Interessantissimo leggere le storie nascoste nelle copertine dei dischi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista alla band francese i ROAH

C iao e grazie per l'intervista. Partiamo dalla fondazione della vostra band dove, quando e perché ?! Pierre :  Mio fratello (Clément Afoumado) e io (Pierre Afoumado) abbiamo fondato la band all'inizio del 2017. All'inizio del 2016, eravamo in diversi paesi, Clément era in Canada e io nel Regno Unito (Londra). Ero in un'altra band a Londra e ho deciso di avviare il mio progetto con Clément per creare qualcosa dalla nostra musica. Nel 2017 siamo tornati in Francia e abbiamo iniziato a lavorare sulla nostra musica e trovare altri musicisti. Juan Barragan, il bassista, si è unito subito dopo e successivamente nel 2018, Quentin Thevenard (voce) e Romuald Carbone (batteria) si sono uniti a noi. Juan era il compagno di classe di Clément e colleghi di Quentin e Romuald Pierre (nell'industria dei videogiochi).    Cosa ci dite della vostra ultima canzone "Old Friend"? Clément È stata scritta qualche anno fa. La canzone parla di amici che hanno preso due strade d

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

Wave of rock by nico.free.life : Evanescence

Buongiorno carissimi amici rockers...dopo qualche settimana...ci sono e spero che ci siate anche voi...are you ready??....in questo articolo vi farò conoscere un'altra donna dall'animo forte e dalla voce scura e profonda....chi potrà mai essere? Non datata come le altre...ma altrettanto famosa e incisiva nel suo genere....vi dice niente il nome Amy Lynn Lee Hartzler...?ma certamente che si....la bravissima vocalist e frontman degli Evanescence!!  Amy Lee classe 1981 nata a Riverside dal papà John, DJ e appassionato musicista e mamma Sara, un fratello e due sorelle. Amy è un mezzo soprano dal timbro fortemente scuro ma gestisce bene anche le note alte,cantautrice, compositrice, suona il piano, l'organo,la chitarra e l'arpa.  La sua caratteristica passione per il gotico e il vittoriano le fanno creare e gestire con abiti a tema... molto influenzata anche dallo stile del regista Tim Burton. Il gruppo degli Evanescence nasce nel 1995 dall'inc