Passa ai contenuti principali

Lez Rock COVER! By Alessandro Carugini : The Sound Of Silence

 Giugno 1965. Un album di debutto dal titolo improbabile aveva miseramente fallito le vendite e il duo che lo aveva registrato, sconsolato, si era sciolto: uno era andato in Inghilterra per esibirsi nei pub; l'altro tornò alla Columbia University, dove si è laureato in storia dell'arte. Ma una delle tracce di questo lavoro discografico veniva trasmessa alle radio della costa orientale e diede un'idea al produttore Tom Wilson: pensava di poter sovraincidere un brano rock sulla canzone folk originale del duo rendendo giustizia al brano. Wilson aveva ragione! Ma andiamo per ordine…


The Sound Of Silence venne originariamente registrata come pezzo acustico per il primo album di Simon & Garfunkel, Wednesday Morning, 3 A.M., pubblicato nel 1964. Solo un anno dopo furono aggiunte le parti degli strumenti elettrici ed uscì come singolo. Nello stesso anno Paul Simon la inserì nel suo primo LP solista registrato a Londra, The Paul Simon Songbook. L'anno seguente il singolo scalò lentamente le classifiche e raggiunse il numero uno il 31/12/1966. La canzone fu quindi inclusa nell'album Sounds of Silence. Nella canzone Paul Simon suona la chitarra acustica mentre a cantare sono sia lui che Art Garfunkel.

"The Sound of Silence" non solo è arrivata al numero uno delle classifiche inglesi ma ha riunito Simon e Garfunkel, che non avevano nemmeno saputo dell'esistenza della nuova versione fino a quando non è diventata famosa! Il suo testo oscuro e angosciante e la sua melodia semplice hanno colpito un’intera generazione di ascoltatori musicali e 55 anni dopo continua a risuonare un po’ ovunque.

Il pezzo è entrato nella vita di moltissime persone perché fu usato nel film ‘Il laureato’: appare nei titoli iniziali, nella celebre scena della piscina con Dustin Hoffman e durante la parte finale; inoltre si può ascoltare anche nel film ‘Bobby’ , che narra di alcune persone che si trovavano nell'albergo dove Robert "Bobby" Kennedy fu ucciso, durante le 24 ore antecedenti il delitto. Nel film la canzone appare dopo l'assassinio e da qui è nata la storia che fosse stata scritta e dedicata da Paul Simon proprio all’assassinio di Kennedy. Ma non è così: le note di Art Garfunkel sul retro di copertina dell'album Wednesday Morning, 3 A.M. indicano che la musica fu scritta il 19 febbraio 1964, quando "la canzone praticamente era già completa". Non si può quindi sostenere con certezza che Simon concepì il pezzo come un modo di rappresentare il trauma provato da molti statunitensi causato dall'improvvisa morte di un leader vigoroso e visionario. Piuttosto, come ricorda Garfunkel, il tema della canzone è l'incapacità dell'uomo di comunicare, con un titolo e un testo intrisi della ben nota passione di Simon per gli ossimori. Anni dopo Paul Simon affermò in un'intervista che il verso iniziale "Hello darkness, my old friend" deriva dal fatto che nel periodo in cui la scrisse trovava conciliante scrivere e comporre stando chiuso e al buio nel bagno della sua abitazione.

Questo pezzo compare anche nel film ‘Watchmen’ durante il funerale di uno dei personaggi, il Comico. Quest’ultimo si vede all’inizio del film sparare a Kennedy, un omaggio al film Bobby.

La canzone è stata eseguita al Ground Zero Memorial di New York dallo stesso Paul Simon accompagnandosi con la sola chitarra acustica in un clima di grande commozione, durante la Celebrazione del 10º anniversario dell'attentato dell'11 settembre 2001.


Adesso vi starete chiedendo: ‘perché Alessandro parla di una canzone folk su un blog inerente metal e punk?’ E questa è la stessa domanda che mi ha fatto il capo, in maniera più colorita, ma il senso era questo… Ebbene, un pezzo ben consolidato e ben strutturato come The Sound Of Silence, si presta molto bene ad essere coverizzato nel mood duro e crudo che piace a noi! Non ci credete? Ascoltate per credere! Buon ascolto ‘folk’ punk rockers!

1968: Carmen McRae


- Carmen McRae, è una delle vocalist jazz più influenti del 20 ° secolo, usa il suo approccio brevettato dietro le quinte per ottenere buoni risultati nella sua versione psichedelica di questo brano. Durante la sua interpretazione vocale, volutamente, tralascia anche una parola fondamentale e quando l'ascoltatore si rende conto dell’omissione, resta di sasso! Provate e fatemi sapere!

1978: The Dickies

– Gruppo Californiano nato nel 1977! Uno dei primi gruppi punk ad essere influenzato dai Ramones, infatti il loro modo di suonare è al fulmicotone ed in poco più di un minuto e mezzo hanno trasformato un classico brano della tradizione folk in un classico brano punk. Siccome sono buono... vi consiglio di ascoltare anche la loro versione di Banana Split (La La La Song) ma soprattutto di procurarvi la colonna sonora del film Killer Klowns from Outer Space, un B movie di fine anni 80 (che vi consiglio di vedere).

1980: The Turnups

- I Turnups erano una band ‘punkrocknewwave’ dei primi anni '80 che faceva diverse cover di brani famosi rivisti in chiave punk. The Sound Of Silence subì lo stesso trattamento delle altre, e le venne cucito addosso un vestito fatto di maglie con maniche strappate e spille da balia per tenere insieme i brandelli della stessa. L'assolo di chitarra a metà brano è fantastico.

2000: Atrocity

 

– bellissima versione gothic metal fatta da questa band tedesca. Si sente molto l’inflessione ‘germanica’ nel cantare la canzone in inglese ma si sente ancora di più la loro freddezza! E’ vero che molti li definiscono ‘industrial’, per cui i sentimenti vanno lasciati da parte, però hanno esagerato: non hanno rispettato il ‘silenzio’ della canzone originale ed in alcuni passi del brano anche le armonie sembrano andare un po’ per conto loro, ma forse è proprio questo il bello di questa cover.

2000: Nevermore

– I Nevermore erano una band heavy metal americana attiva tra il 1991 e il 2011. Alla voce c’era il baritono Warrel Dane. Oltre che riarrangiare il brano dal punto di vista musicale, reinterpretano anche la melodia, trasformando la delicata voce di Paul Simon in un lontano ricordo. La canzone appare nel loro album Dead Heart In a Dead World.

2011: Bobaflex

 – Su internet si trova di tutto ormai e cercando su youtube ti potresti imbattere in un qualsiasi gruppo che fa nu-metal e ‘massacra’ questo pezzo sensibile e gentile… Poi però trovi i Bobaflex, che prende la canzone originale e, maneggiandola con cura, la trasforma in qualcosa di nuovo, di bello, di fresco. La band statunitense presta la stessa attenzione al ‘silenzio’ usando la forza della loro musica. Le parti in cui discendono le voci di Simon e Garfunkel nell’originale, qui fanno decollare il tutto in maniera sublime!

2015: Disturbed 

– Con un cambio di direzione musicale rispetto a ciò a cui ci hanno abituato, il risultato diventa ancora più speciale. The Sound Of Silence è la canzone che ha portato i Disturbed più in alto nelle classifiche statunitensi. La loro esibizione dal vivo del brano al Conan O'Brien, su Youtube, ha accumulato oltre 100 milioni di visualizzazioni mentre il video ufficiale, con la versione in studio, ne ha accumulate oltre 600 milioni. Lo stesso Paul Simon ha inviato un'e-mail al cantante dei Disturbed, David Draiman, per lodarlo dell’ottima performance vocale.

Chiudo questo articolo segnalandovi questa cover. 

Siamo nel 2011 e loro sono The Abbasi Brothers 

La versione strumentale rielaborata da questo duo americano, proviene da Sing Me to Sleep, una raccolta di ninne nanne indipendenti. Questa versione mette l'ascoltatore nell'ambientazione della canzone senza fornire alcun contesto della canzone stessa... Qualcosa di straordinario che non ha nulla a che fare con il rock, ed è proprio per questo che ne consiglio l’ascolto: anche i più duri e puri hanno il bisogno e l’esigenza di rilassarsi, di non pensare e di essere cullati!

Alla prossima e stay rock!


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervistiamo i Reasons Behind!

Ciao, innanzitutto grazie per concederci questa intervista. Iniziamo. La prima domanda riguarda la vostra storia con il mondo del rock, come lo avete scoperto,e come vi ci siete innamorati? Considerato che l’età dei membri della band varia parecchio, la risposta a questa domanda non può essere univoca, perché ciascuno di noi ha vissuto una fase diversa della continua evoluzione del rock, anche se magari solo per qualche anno. Il nostro chitarrista Gabriele, ad esempio, è degli anni 80 e ha vissuto il periodo in cui il video musicaleè diventato mainstream, scoprendo band come Europe, Queen o anche Bon Jovi. Michele (il bassista) fa parte di una famiglia in cui non è il solo musicista, quindi la musica lo ha accompagnato fin dalla tenera età, mentre per il nostro batterista Andrea la cosa è stata un po’ più di stomaco, visto che comprò il suo primo CD degli Iron Maiden perché attirato dalla copertina. Elisa è invece un caso un po’ più particolare, essendosi avvicinata al mondo del rock/m

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f