Passa ai contenuti principali

Cover! By @acarugini : L' Adagio di Albinoni

Tomaso Giovanni Albinoni è stato un compositore e violinista barocco, nacque a Venezia l’8 giugno del 1671 e vi morì il 17 Gennaio del 1751. Il suo ‘Adagio in Sol minore’ per archi e organo su due spunti tematici e su un basso numerato (Mi 26) e ribattezzato più semplicemente come ‘Adagio di Albinoni’, è in realtà una composizione del musicologo Remo Giazotto pubblicata nel 1958 dalla Ricordi. Esatto! Il famoso Adagio di Albinoni, non è di Albinoni! O meglio, non è tutta farina del suo sacco, ma andiamo per ordine…

Remo Giazotto è stato un musicologo, compositore e biografo italiano ed è conosciuto soprattutto per il catalogo sistematico delle opere di Tomaso Albinoni. Durante le sue ricerche sul compositore veneziano, il musicologo trovò tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda, l'unica biblioteca a possedere partiture autografe albinoniane, i frammenti di un movimento lento di sonata (o di concerto) in sol minore per archi e organo. Giazotto dichiarò di aver "ricostruito" il presunto Adagio sulla base di questi spezzoni di partitura di Albinoni, di cui purtroppo mai si sono avute certezze concrete.

Nel 1998, anno della morte di Giazotto, l'Adagio si è rivelato una composizione interamente originale di quest'ultimo, giacché nessuno di questi pretesi frammenti né alcuna traccia documentale dei medesimi sono stati reperiti nella Biblioteca Nazionale Sassone (ex biblioteca di Stato di Dresda). L'opera è stata catalogata dal musicologo Michael Talbot, massimo studioso di Tomaso Albinoni, come Mi 26 e inserita tra le composizioni non autentiche.

Subito dopo la sua dipartita, Remo Giazotto fu criticato da qualche odierno studioso di musica barocca ed è stato "accusato" di aver prodotto dei veri e propri falsi.


Ma torniamo al nostro brano che, come detto è uno strumentale per archi con l'aggiunta dell'organo; volendo, è possibile anche eseguirlo per soli archi. Ma la sua notorietà ha raggiunto un livello tale che sono frequenti le trascrizioni per molti altri strumenti, compresa la chitarra ‘pesante’, che a noi piace tanto.

Questa composizione ha avuto un notevole successo anche grazie ai numerosi utilizzi e reinterpretazioni: è il tema conduttore de Il processo di Orson Welles del 1962; fa parte della colonna sonora del film Gli anni spezzati di Peter Weir del 1981; si trova nella colonna sonora del film di fantascienza Rollerball del 1975 e in quella del più recente Manchester by the Sea di Kenneth Lonergan del 2016. È stata inoltre usata come sottofondo musicale in numerosissimi programmi televisivi e spot pubblicitari, tra le quali spiccano l'episodio "Il dominio del drago" della serie di fantascienza Spazio 1999 datata 1975 e si può ascoltare anche nel "Vangelo secondo Matteo" di Pier Paolo Pasolini del 1964.

Ma ora bando alle ciance! Alzate il volume e sentiamo come un pezzo classico può diventare un brano alla portata di tutti! LEZROCK!

1968 – Udo Jürgens -


– è stato un cantante e attore austriaco, classe 1934. Praticò con successo il genere ‘schlager’, ovvero ballate dolci e sentimentali caratterizzate da melodie semplici e orecchiabili con arrangiamenti pop di facile presa e poco impegnativi. I testi generalmente sono incentrati sull'amore ed ecco che con questi canoni nasce questa versione cantata in italiano del famoso Adagio. Udo, morto nel 2014, ha interpretato questo brano anche in tedesco ed in francese ed è stato uno dei più longevi cantautori europei: iniziò il suo ultimo tour ad 80 anni!

1968 – The Doors -


– durante le session di registrazione dell’album Waiting For The Sun, il gruppo capitanato da Jim Morrison incise anche questo brano che rimase negli archivi fino al 1978 dove, su una parte del brano stesso, Jim Morrison recita la poesia ‘A Feast of Friends’. 

1974 – Renaissance -


– questa band è nata alla fine degli anni 60 dalle ceneri degli Yardbirds. All’attivo hanno 13 album in studio, 7 album dal vivo e 5 compilation, quindi tu che hai detto ‘Ma chi c***o sono questi’ prenditi un po’ di tempo e scopri questo gruppo che ha avuto una carriera ricca di successi, impostata sulla sovrapposizione di un sound folk rock e citazioni, allusioni e rielaborazioni di materiale preso dal repertorio della musica classica occidentale: Bach, Chopin, Albinoni, Debussy, Rachmaninoff, Rimsky-Korsakov, Prokofiev, Ravel. 

1984 – Yngwie Malmsteen -



– come detto qualche riga più su, questo brano si presta ad essere reinterpretato con qualsiasi strumento e Malmsteen, che non ha bisogno di presentazioni, ne è la prova vivente! La chitarra la fa da padrona, rendendo metal un classico della musica.

2003 – Dominic Miller -


– musicista di origini argentine conosciuto per i suoi tour con Sting e per le sue collaborazioni con artisti come Tina Turner, Paul Young ed il nostro Mango, giusto per citarne alcuni, rielabora le partiture di questo brano barocco per la sua chitarra classica, che diventa la protagonista del pezzo mantenendo inalterata l’emozionalità dello stesso! 

2020 – Andrea Bocelli -


– e come sempre la famosa cover in italiano. Questa volta, a cantare e reinterpretare il brano preso in esame, è il mio concittadino Andrea Bocelli, il tenore che  si fece conoscere nel 1993, quando cantò ‘Miserere’ con Zucchero, per poi consolidarsi con ‘Il Mare Calmo Della Sera’ con cui vinse Sanremo nel 1994. In seguito ha cantato con molti altri interpreti di livello internazionale tra cui Pavarotti, Lady Gaga, Ed Sheeran, Céline Dion, Stevie Wonder, Giorgia, Sarah Brightman, Laura Pausini, Natalie Cole, Mary J. Blige, Ariana Grande e molti altri che non elenco. Da Lajatico, un paesino di 1300 abitanti circa in provincia di Pisa, è diventato uno dei cantanti italiani più conosciuti nel mondo. 

Commenti

Post popolari in questo blog

ELL'nRock la nuova rubrica di Elena Strizzolo

Elena Strizzolo: la rockmodel che sta facendo impazzire i social... Vantando un seguito di oltre 50mila followers totali tra Facebook e Instagram, nei quali è molto seguita e stimata proprio per la sua genuinità, schiettezza e determinazione.  Nata in Veneto da mamma veneta e papà friulano, Elena è da sempre appassionatissima di musica rock, e vanta esperienze artistiche nel campo musicale come speaker radiofonica, fotomodella InkModel/ Rockmodel/Bikermodel, influencer per brand di abbigliamento, presentatrice di concerti rock e metal, programmi TV, ballerina, promoter e supporter di importanti eventi nazionali ed internazionali, inoltre ha lavorato anche come commessa di merchandise rock a Londra e il suo sogno è quello di poter unire la sua grande passione per la musica rock ad una vera e propria professione e farne di essa un lavoro a tutti gli effetti.  Elena inoltre ha da poco ultimato il corso per diventare dj e dj producer ed è pronta ad affacciarsi a questa

Lez Punk by Jo : Riot Grrrl, Bikini Kill!

Hi Punkrockers ! Dato che questo 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne ho pensato di portarvi un articolo un po' speciale ;) Voglio parlare del movimento Riot Grrrl e delle sue principali band. Questo movimento ha origine negli anni 90 nelle zone di Washington e comprende tutte quelle punk rock band che trattavano quasi esclusivamente temi come femminismo, stupro, abusi domestici e sessismo. Pochi anni dopo la sua nascita questo nuovo entusiasmo andava spegnendosi ma comunque la sua influenza è presente sia nella cultura indie sia in alcune band di oggi. Uno dei principali gruppi delle Riot Grrrl sono le uniche Bikini Kill, coloro che hanno dato vita a questo movimento. Si formarono a Washington negli anni '90 e sono famose per lo più per loro tipica frase che ripetevano a squarciagola a ogni concerto "Girls to the front" che invitava le donne a stare sotto il palco dando loro così maggiore autorità. Sono riconosciute anche per le loro f

LaRagazza del Rock ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI DEL ROCK!

Ciao Amici Rockettari,  eccomi ancora qui, stavolta vi porto a spasso con me! Parliamo di luoghi “ROCK”. Possono essere concerti, stadi, strade o Hotel, poco importa… vengono ricordati nell’immaginario collettivo  poiché è successo qualcosa di veramente sensazionale e che ha cambiato la storia. In attesa di poter riprendere a viaggiare normalmente, di essere liberi di prendere un aereo per finire chissà dove, facciamoci un bel tour nei luoghi più famosi del rock! Questo è l’itinerario: per rendere giustizia rechiamoci in primis dove è nato il genere:  STATI UNITI D’AMERICA:  OHIO – CLEVELAND : il Rock & Roll Hall of Fame è un museo alla memoria dei più importanti artisti e  personalità della musica: Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Buddy Holly, Chuck Berry….  Tra le mostre temporanee vi cito alcuni degli artisti meglio rappresentati come Elvis Presley, The Who, John, Lennon, U2, Bob Dylan, The Clash. Per prendere un po’ di sole, ci spostiamo in CALIFORNIA – EL CERRITO: La “Metallima