Passa ai contenuti principali

LaRagazza Rock/@lara_gabba : Rock & Love

 Sia CHIARO, se parliamo di rock non si parla solo di Sex & Drugs, anzi moltissime canzoni Rock trattano di un sentimento importante e ricorrente: L’Amore.


Ogni band o cantante lo interpreta e descrive a suo modo: romantico, violento, tormentato, asfissiante.. e lo raccontano in musica regalandoci delle canzoni meravigliose, che ci aprono il cuore.

E di amore ce n’è per tutte le epoche e stagioni:

partendo dal periodo dei figli dei fiori:

La prima canzone che mi viene in mente è
All you need is love dei Beatles

«Era una canzone molto ispirata e volevano veramente dare un messaggio al mondo», disse Brian Epstein.

La canzone non può essere male interpretata ed il messaggio che esprime è : l’amore è tutto!”

Secondo John Lennon: L'amore è necessario, l'amore è indispensabile, l'amore è il valore che dà un senso alla vita, per superare tutti i limiti dell'uomo, della vita e del mondo, dato che «Non puoi conoscere nulla che non sia noto, non puoi vedere nulla che non sia visibile»

Piccolo inciso: per i fan italiani questa è una sigla indimenticabile del programma “Stranamore”.


Gli anni 90 hanno amore da regalare come per esempio:

In ambito Rock-Punk, La Bellissima: More than Words degli Extreme (Album, Pornograffiti 1990)

Un gruppo punk che distorce ogni canzone, solo con il potere di una chitarra acustica racconta delle

sensazioni amorose che, oltretutto, appaiono difficili anche da narrare a parole.

Con 4 accordi ci hanno regalato una splendida canzone d’amore, eterna e speciale.


Nel 1991, la bellissima Don’t Cry dei Guns & Roses:

E’ il brano composto più velocemente nella storia del Rock, in 5 minuti!

Axl Rose lo scrisse dopo che una ragazza gli disse di non piangere dopo avergli detto addio: Rose ci stava provando da tempo con una ragazza che usciva con Izzy Stradlin; Axl la amava molto, ma lei, avendo capito che la loro relazione non avrebbe funzionato, gli aveva preferito Izzy, e così una sera, mentre Axl si trovava seduto su una panchina di fronte al locale Roxy e lei lo stava salutando per l'ultima volta, Axl piangeva e lei gli disse allora "Non piangere".


Un paio di anni più tardi i Bonjovi con “Bed of Roses”

“About all of the things that I long to believe

About love, the truth, what you mean to me

And the truth is

Baby you're all that I need”

Questo refrain è meraviglioso ed è sempre attuale. Il cantante della band lo dedica alla moglie durante una tournée, mentre è in una stanza d’hotel in preda a dei postumi di una sbornia.


Anche nel grunge troviamo una canzone ricca di significati come "Heart Shaped Box "dei Nirvana.

Una canzone che Kurt Cobain dedicò a sua moglie, un amore intenso ma molto tormentato a causa della dipendenza da eroina dei due.

Infatti nella prima parte della canzone Kurt si riferisce alla moglie:

“She eyes me like a Pisces when I am weak

I’ve been locked inside your heart-shaped box for weeks”, 

tradotto:

“Lei mi guarda come un Pesci quando sono debole / sono rimasto bloccato nella tua scatola

a forma di cuore per settimane”.

Il loro è stato un amore tormentato, un rapporto in cui però entrambi svilupparono un senso di complicità ed unità nel bene e nel male.

Con un cognome come il suo non poteva non farci una canzone postuma alla morte del marito, in segno anche di rispetto: Courtney Michelle Love Harrison, moglie di Kurt ha scritto una delle ballate più dolci e strazianti “Malibù” 1998.

Courtney si riferisce al marito sperando che guarisca presto durante il periodo di riabilitazione in una clinica a Malibù per la dipendenza da eroina.


Anche Hit so Hard sempre del gruppo The Hole, racconta molto delle vicende matrimoniali tra Courtney e Kurt, Courtney arriva vicina alla consapevolezza del fatto che ciò che ha amato, ha distrutto.



Per il momento mi fermo qui, ma ci sono dei testi rock ancora da scoprire ed analizzare!

Avete mai dedicato una di queste canzoni alla vostra/o Amata/o?

Aspetto nei commenti le vostre canzoni rock !

Su INSTAGRAM, taggate me e @lezrockblog (che ringrazio sempre) indicando una CANZONE D’AMORE

ROCK con post, stories, e mettendoci una canzone!

#stayrock! #LaRagazzadelRock

@lara_gabba / LaRagazza Rock


BIO LARA GABBA:

Ciao Rockers!

Sono una Ragazza Rock,

una comune mortale, con la passione per la musica “pesante”.

Se vuoi delle buone Rock Vibes seguimi su Instagram nelle Stories al Lunedì e Venerdì.

Trovi le R.V. passate nelle storie in evidenza!

Per qualsiasi altra info contattami in DM.

Grazie


Nota dall’autore: i pareri espressi sono stati presi e citati dalle fonti descritte, ogni altro parere è

dell’autore.

Se vuoi saperne di più queste sono state le mie Fonti:

https://www.lumiere.click/2017/12/06/diversi-significati-heart-shaped-box/

Commenti

  1. Hai ragione,l'amore è tutto e come tale non poteva non esserci nella musica, anche nel rock!
    Grazie per questo articolo che mostra un'altra faccia del rock riportando in vita brani datati ma sempre belli da riascoltare e secondo me eterni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Fan, sono d'accordo...love is love 💘
      Anche per il piu' intrepido rocker!

      #stay rock
      #LaRagazzadelRock

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cover by @acarugini : Imagine

Ascolto musica a 360 gradi: dalla classica fino alla trap moderna; ci sono tantissime canzoni che sono entrate nel quotidiano di tutti noi ma a questo giro mi sono voluto cimentare non con una canzone famosa ma LA CANZONE FAMOSA. Un brano che ha superato le barriere dello spazio e del tempo, un brano reinterpretato da dozzine di artisti tra cui Madonna, Stevie Wonder, Joan Baez, Lady Gaga, Elton John, Queen, David Bowie, Diana Ross e Avril Lavigne... giusto per citarne qualcuno. Addirittura nell’agosto del 2012 Emeli Sandé ne incise una cover per la cerimonia di chiusura della XXX Olimpiade. Di che brano si tratta? Del capolavoro di John Lennon del 1971: Imagine! Co-prodotta da Lennon e dalla moglie Yōko Ono, insieme a grande produttore Phil Spector, la canzone venne incisa nello studio casalingo del cantante a Tittenhurst Park, ad Ascot in Inghilterra, nel maggio del 1971.  La canzone, la più celebre e rappresentativa dell'autore tra quelle realizzate durante la sua carriera solis

Dalla parte del torto. Una storia hippie punk e rave. Dome La Muerte/Pablito El Drito by @acarugini

 “Dalla parte del torto è dedicato a chi, nato dalla parte sbagliata, non può smettere di lottare per non essere schiacciato”. Dome la Muerte, pseudonimo di Domenico Petrosino nato a Pisa il 18 maggio del 1958, è un leggendario chitarrista, cantautore e disc jockey italiano. È uno dei maggiori rappresentanti del movimento punk hardcore italiano degli anni 80. A Pisa, e non solo, le sue storie si tramandano come leggende, per tutti noi è il Guru, il Maestro. Fosse nato a Londra oggi sarebbe famoso come Keith Richards e non sto esagerando perché siamo concittadini, e nonostante tutto, è una delle persone più educate e perbene che io abbia mai conosciuto! Ti vede due volte e si ricorda di te, ha sempre un sorriso ed un saluto per tutti e, a dispetto di ciò che ha vissuto, ti mette a tuo agio parlandoci, senza tirarsela: un 63enne inossidabile nella sua missione di artista fuori dagli schemi, sopra e sotto il palco! Non mi dilungherò molto a parlare di Dome musicista, se volete approfondir

Cover by @acarugini : Immigrant Song

  Ah-ah, ah! Ah-ah, ah! We come from the land of the ice and snow From the midnight sun where the hot springs flow The hammer of the gods Will drive our ships to new lands To fight the horde, sing and cry Valhalla, I am coming On we sweep with threshing oar Our only goal will be the western shore Ah-ah, ah! Ah-ah, ah!   Dite la verità: l’avete letta cantando! Anche chi non è un appassionato di rock avrà sicuramente sentito il mitico urlo di Robert Plant che apre Immigrant Song il singolo dei Led Zeppelin, pubblicato il 5 novembre 1970 come unico estratto dal loro terzo album in studio: Led Zeppelin III. Si tratta del brano d'apertura dell'album ed è stato composto da Jimmy Page e Robert Plant durante una tournée del gruppo in Islanda a metà anni settanta. Il testo è scritto dal punto di vista dei vichinghi e le parole hanno fortemente influenzato le liriche tipiche di ciò che in futuro verrà catalogato come Epic Metal: in una strofa si nomina il mart