Passa ai contenuti principali

Wave Of Rock by@nico.free.life : Elton John

Buongiorno amici Rockers e ben ritrovati per questo nuovo articolo con il nostro appuntamento del venerdì su Wave of Rock!

 Oggi mi ha ispirato tantissimo un grande artista britannico  detto "genio del pianoforte"...sto parlando di Reginald Kenneth Dwight... Sir Elton Hercules John nato a Pinner nel Middlesex Regno Unito il 25 marzo 1947. 

Elton è cresciuto con un infanzia difficile dato il turbolento rapporto con il padre che purtroppo essendo timido lo ha  abbastanza devastato . 

A ventuno anni Reginald,con la musica classica nel cuore e  affiancato ormai da anni  da Bernie Taupin il paroliere di tutte le canzoni proseguono nella loro carriera artistica e di lì a pochi anni il ragazzo schivo avrebbe lasciato il posto al rutilante e coloratissimo pianista ,capace di infiammare stadi interi con la sua colorata personalità e le sue pazze acrobazie al suo amato piano. 


Il nostro  Elton imparò a suonare il pianoforte a 3 anni ad orecchio e  dotato di una voce irripetibile e spontanea a 11 anni vinse una borsa di studio che lo fece accedere alla prestigiosa Royal Academy of Music  di Londra. Comincia così la sua gavetta in una band Londinese i Blueslogy poi da qui avrebbe cambiato il suo nome in Elton John, ispirato a John Lennon e avrebbe tentato la carriera da solista. 

Elton un connubio tra talento artistico, travestimenti inverosimili, invenzioni scenografiche ma soprattutto alle sue assurde montature di occhiali che tuttora continua a collezionare. Anno 1976  Elton in una intervista a Rolling Stone dichiarò al mondo la sua omosessualità suscitando molto scalpore e negli anni'80 cominciò ad eccedere con alcol e droghe.

Anno 1985 partecipò al live Aid con anche il suo grande amico Freddie Mercury dei Queen. Nell'86 gli venne asportato un tumore alla gola apportando cambiamenti alla sua voce per sempre. 


La sua carriera ne ha viste di tutti i colori dall'inscenare un finto matrimonio con una donna alla tossico dipendenza, bulimia e alcolista ,alla partecipazione al Freddie Mercury Tribute nel 1992 ,ha pianto Versace e cantato ai funerali di lady Diana,nominato poi baronetto dalla Regina d'Inghilterra. 

Poi negli anni'90 la sua follia artistica s'è placata e con lei anche i suoi brani, diventando un personaggio mondano. I suoi massimi capolavori restano "Elton John","tumbleweed connection" anno 1970, "madman across the water" anno 1971,"honky chateau" anno 1972, "goodbye Yellow brick road" anno 1973 ,"captain fantastic & the brown dirt cowboy" anno 1975 e "Blue moves" anno 1976. 


Nel 2005 sposa David Furnish .Forse è bello ricordare la grandezza di un impacciato musicista con la copertina dell'Album "Captain fantastic...."un  Elton John sorridente insieme al suo compagno di vita più reale ...il pianoforte.!! sono lieta di farvi conoscere più approfonditamente la vita dei più grandi musicisti ,vite piene di pazzia e di curiosità in questi miei articoli,un saluto dalla vostra Nico.free.life sempre eternamente rock 🤟

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover by @acarugini : Imagine

Ascolto musica a 360 gradi: dalla classica fino alla trap moderna; ci sono tantissime canzoni che sono entrate nel quotidiano di tutti noi ma a questo giro mi sono voluto cimentare non con una canzone famosa ma LA CANZONE FAMOSA. Un brano che ha superato le barriere dello spazio e del tempo, un brano reinterpretato da dozzine di artisti tra cui Madonna, Stevie Wonder, Joan Baez, Lady Gaga, Elton John, Queen, David Bowie, Diana Ross e Avril Lavigne... giusto per citarne qualcuno. Addirittura nell’agosto del 2012 Emeli Sandé ne incise una cover per la cerimonia di chiusura della XXX Olimpiade. Di che brano si tratta? Del capolavoro di John Lennon del 1971: Imagine! Co-prodotta da Lennon e dalla moglie Yōko Ono, insieme a grande produttore Phil Spector, la canzone venne incisa nello studio casalingo del cantante a Tittenhurst Park, ad Ascot in Inghilterra, nel maggio del 1971.  La canzone, la più celebre e rappresentativa dell'autore tra quelle realizzate durante la sua carriera solis

Dalla parte del torto. Una storia hippie punk e rave. Dome La Muerte/Pablito El Drito by @acarugini

 “Dalla parte del torto è dedicato a chi, nato dalla parte sbagliata, non può smettere di lottare per non essere schiacciato”. Dome la Muerte, pseudonimo di Domenico Petrosino nato a Pisa il 18 maggio del 1958, è un leggendario chitarrista, cantautore e disc jockey italiano. È uno dei maggiori rappresentanti del movimento punk hardcore italiano degli anni 80. A Pisa, e non solo, le sue storie si tramandano come leggende, per tutti noi è il Guru, il Maestro. Fosse nato a Londra oggi sarebbe famoso come Keith Richards e non sto esagerando perché siamo concittadini, e nonostante tutto, è una delle persone più educate e perbene che io abbia mai conosciuto! Ti vede due volte e si ricorda di te, ha sempre un sorriso ed un saluto per tutti e, a dispetto di ciò che ha vissuto, ti mette a tuo agio parlandoci, senza tirarsela: un 63enne inossidabile nella sua missione di artista fuori dagli schemi, sopra e sotto il palco! Non mi dilungherò molto a parlare di Dome musicista, se volete approfondir

Cover by @acarugini : Immigrant Song

  Ah-ah, ah! Ah-ah, ah! We come from the land of the ice and snow From the midnight sun where the hot springs flow The hammer of the gods Will drive our ships to new lands To fight the horde, sing and cry Valhalla, I am coming On we sweep with threshing oar Our only goal will be the western shore Ah-ah, ah! Ah-ah, ah!   Dite la verità: l’avete letta cantando! Anche chi non è un appassionato di rock avrà sicuramente sentito il mitico urlo di Robert Plant che apre Immigrant Song il singolo dei Led Zeppelin, pubblicato il 5 novembre 1970 come unico estratto dal loro terzo album in studio: Led Zeppelin III. Si tratta del brano d'apertura dell'album ed è stato composto da Jimmy Page e Robert Plant durante una tournée del gruppo in Islanda a metà anni settanta. Il testo è scritto dal punto di vista dei vichinghi e le parole hanno fortemente influenzato le liriche tipiche di ciò che in futuro verrà catalogato come Epic Metal: in una strofa si nomina il mart