Passa ai contenuti principali

Cover by @acarugini : Immigrant Song

 

Ah-ah, ah!

Ah-ah, ah!

We come from the land of the ice and snow

From the midnight sun where the hot springs flow

The hammer of the gods

Will drive our ships to new lands

To fight the horde, sing and cry

Valhalla, I am coming

On we sweep with threshing oar

Our only goal will be the western shore

Ah-ah, ah!

Ah-ah, ah!

 

Dite la verità: l’avete letta cantando! Anche chi non è un appassionato di rock avrà sicuramente sentito il mitico urlo di Robert Plant che apre Immigrant Song il singolo dei Led Zeppelin, pubblicato il 5 novembre 1970 come unico estratto dal loro terzo album in studio: Led Zeppelin III.

Si tratta del brano d'apertura dell'album ed è stato composto da Jimmy Page e Robert Plant durante una tournée del gruppo in Islanda a metà anni settanta. Il testo è scritto dal punto di vista dei vichinghi e le parole hanno fortemente influenzato le liriche tipiche di ciò che in futuro verrà catalogato come Epic Metal: in una strofa si nomina il martello degli dei, riferendosi al Mjöllnir, l’arma di Thor degli Avengers.


Dal 1970 al 1972 è stato il brano di apertura dei loro concerti, compreso quello al Vigorelli di Milano il 5 luglio del 1971, primo e ultimo spettacolo della band inglese in Italia. Se il capo redattore vorrà, un giorno vi racconterò della famigerata battaglia del Vigorelli, per adesso restiamo sulla canzone.

Il brano fa ormai parte della cultura musicale di tutti noi ed è stato coverizzato un po’ da tutti, soprattutto nei concerti. Anche i Queen durante il tour del 1986, durante un momento di improvvisazione sul palco di Berlino, ne cantarono una strofa! Nonostante ciò, a mio avviso, ci vuole molto coraggio a reinterpretarla in quanto le note prese da Plant sono altissime. Adesso vi farò ascoltare le cover che a mio avviso sono le più ‘stravaganti’! Buon ascolto!

The Cybertronic Spree -


 - Più che di una band vera e propria si parla di un progetto musicale che tende a riadattare i grandi capolavori attraverso delle sonorità incredibili ed originali. Sono famosi per aver realizzato le cover delle più celebri colonne sonore del cinema e anche per il riadattamento di alcuni brani famosissimi. I ‘Cybertronic Spree sono qui sulla Terra con una missione critica: far festa come se fosse il 1986! Questa band di Transformers è stata riunita dal potere del rock ‘n roll e non può essere fermata. Conosciuti in tutta la galassia per aver messo da parte le loro fazioni in guerra nella ricerca del party finale, queste rockstar sotto mentite spoglie suonano musica da The Transformers: The Movie, hit film e canzoni di anime e videogiochi. Mescolano il loro amore per il metallo degli anni ’80 e ’90 in uno spettacolo dal vivo pieno di energia!

Nirvana -


 – anche la band grunge guidata dal carismatico e rimpianto Kurt Cobain, prima di diventare famosi, hanno fatto la gavetta come tutte le band in circolazione. In questo video, datato 1988, sono nella stanza di qualcuno che provano a rifare questo pezzo rock dei Led Zeppelin. Il risultato, molto ruvido e grezzo, sembra un pezzo industrial metal. 

Tomoyasu Hotei -


 – una cover molto interessante proveniente dal sol levante! Tomoyasu Hotei è un musicista, cantautore e attore giapponese, noto per aver collaborato con artisti internazionali tra cui Ronan Keating, Bruce Springsteen ed il nostro Zucchero. Nel 2004 pubblica l’album Electric Samurai (The Noble Savage) che contiene diversi brani facenti parte della colonna sonora del film SF: Episode One uscito nel 1998 ed Another Battle del 2000. Tra i brani vi è anche questa versione del classico degli Zeppelin. 

Karen O with Trent Reznor and Atticus Ross -


– non poteva mancare la splendida versione del grande Trent Reznor con Karen O e Atticus Ross. Una versione molto industrial che trasforma il grido di battaglia della band di Page e Plant in un brano molto sensuale che fa parte della colonna sonora del film ‘Millennium - Uomini che odiano le donne’, del 2011.

Hollywood Undead -


– band rap rock statunitense, formatosi a Los Angeles nel 2005. Tutti i componenti utilizzano pseudonimi e indossano una propria maschera unica, la maggior parte delle quali sono basate sul disegno della maschera da portiere di hockey come quella usata da Jason Voorhees in Venerdì 13. Gli attuali componenti del gruppo sono Charlie Scene, Danny, Funny Man, J -Dog e Johnny 3 Tears, tutti nomi semplici da ricordare! Versione molto personale del brano e molto orecchiabile tratta dall’album del 2009 Desperate Measures.

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Cover by @acarugini : Imagine

Ascolto musica a 360 gradi: dalla classica fino alla trap moderna; ci sono tantissime canzoni che sono entrate nel quotidiano di tutti noi ma a questo giro mi sono voluto cimentare non con una canzone famosa ma LA CANZONE FAMOSA. Un brano che ha superato le barriere dello spazio e del tempo, un brano reinterpretato da dozzine di artisti tra cui Madonna, Stevie Wonder, Joan Baez, Lady Gaga, Elton John, Queen, David Bowie, Diana Ross e Avril Lavigne... giusto per citarne qualcuno. Addirittura nell’agosto del 2012 Emeli Sandé ne incise una cover per la cerimonia di chiusura della XXX Olimpiade. Di che brano si tratta? Del capolavoro di John Lennon del 1971: Imagine! Co-prodotta da Lennon e dalla moglie Yōko Ono, insieme a grande produttore Phil Spector, la canzone venne incisa nello studio casalingo del cantante a Tittenhurst Park, ad Ascot in Inghilterra, nel maggio del 1971.  La canzone, la più celebre e rappresentativa dell'autore tra quelle realizzate durante la sua carriera solis

Dalla parte del torto. Una storia hippie punk e rave. Dome La Muerte/Pablito El Drito by @acarugini

 “Dalla parte del torto è dedicato a chi, nato dalla parte sbagliata, non può smettere di lottare per non essere schiacciato”. Dome la Muerte, pseudonimo di Domenico Petrosino nato a Pisa il 18 maggio del 1958, è un leggendario chitarrista, cantautore e disc jockey italiano. È uno dei maggiori rappresentanti del movimento punk hardcore italiano degli anni 80. A Pisa, e non solo, le sue storie si tramandano come leggende, per tutti noi è il Guru, il Maestro. Fosse nato a Londra oggi sarebbe famoso come Keith Richards e non sto esagerando perché siamo concittadini, e nonostante tutto, è una delle persone più educate e perbene che io abbia mai conosciuto! Ti vede due volte e si ricorda di te, ha sempre un sorriso ed un saluto per tutti e, a dispetto di ciò che ha vissuto, ti mette a tuo agio parlandoci, senza tirarsela: un 63enne inossidabile nella sua missione di artista fuori dagli schemi, sopra e sotto il palco! Non mi dilungherò molto a parlare di Dome musicista, se volete approfondir