Passa ai contenuti principali

Wave Of Rock by@nico.free.life : Lacuna Coil

Buongiorno amici Rockers eccoci con un nuovo appuntamento e questo articolo sarà tutto all'italiana.... perché anche noi italiani abbiamo un ottima musica rock che ci scorre nelle vene....il gruppo in questione sono i Lacuna Coil! 


In un primo tempo nascono come Sleep of Right nel 1994 a Milano per mano di Andrea Ferro il  cantante, Marco Coti Zelati al basso e Raffaele Zagabria chitarra . Successivamente si unirono Claudio Leo, Leonardo Forti e Cristina Scabbia  e nel 1996 la formazione cambia nome in Ethereal e da qui firmarono un contratto con la century media etichetta tedesca nello stesso 1996. Iniziando  due mesi dopo il tour negli Stati Uniti d'America.

In seguito il nome Lacuna Coil, ossia spirale vuota, venne adottato perché Ethereal era già in uso da una band Greca. Anno 1997 uscì il primo Ep intitolato " Lacuna Coil", nello stesso anno fecero da supporto ai Moonspell e la primavera successiva girarono l'Europa con i The Gathering. 


Il primo album "In a reverie" uscì nel 1999,un successo con il brano "Falling Again" e qui avviene l'entrata nel gruppo di Cristiano Migliore alla chitarra e Cristiano Mozzati alla batteria sostituendo così Leo, Forti e Zagabria. Con questo album il sound diventa più percepibile grazie all'approccio diretto della voce di Cristina Scabbia e Andrea Ferro.


Il pubblico cominciò ad apprezzare molto di più il gruppo sia per merito di alcune esibizioni dal vivo in alcuni festival internazionali  e sia per il loro tour europeo insieme ai gruppi metal Skyclad Samael ,Lacrimosa e Grip Inc. Anno 2000 entra il nuovo chitarrista Marco Emanuele Biazzi e tornano in studio per incidere l' EP "Halflife" ,senzafine in italiano un anteprima del secondo album che poi uscirà nel 2001 "Unleashed Memories" contenente 10 canzoni e questo è stato l'album che ha rappresentato in pieno il nuovo corso dei Lacuna Coil.


Anno 2002 pubblicano "Comalies" un disco ibrido con hard rock a ritmi serrati e melodie sinfoniche. Anno 2006 "karmacode" ,anno 2009 "shallow life",2012 "dark adrenaline" ,anno 2014  "broken Crown Halo"  e nell'anno 2019 "black anima".


Ma chi è Cristina Scabbia? Dietro a questa grande voce e al suo aspetto da icona femminile del metal, c'è una persona passionale forte e determinata che ha portato al successo la sua storica band. Cristina, classe 1972,  nata e cresciuta a Quarto Oggiaro già da ragazzina sviluppa la sua passione per la musica ,non metal ma soul e black tra cui Tina Turner e Aretha Franklin,un percorso inaspettato. Entrata nella band come corista ben presto diventerà la voce principale affiancando il cantante Andrea Ferro già presente nella band, con venti anni di carriera alle spalle Cristina pubblicherà due EP e Otto album, successo in Italia , Stati Uniti e Regno Unito. A quanto pare la frontwoman dei Lacuna Coil ha avuto due lunghe storie d'amore la prima con Marco Coti Zelati il bassista del gruppo che è stato proprio lui a farla entrare nel gruppo, l'altro ex fidanzato è stato Jim Root chitarrista degli Slipknot, ed è stata una lunga relazione la loro... a tutt'oggi il cuore di Cristina sembra essere libero.


È stata anche l'unica donna ad aver partecipato all' Ozzfest negli Stati Uniti organizzato da Ozzy Osbourne". A questo punto mi rimane solo da dire... "lunga vita al Rock e viva le donne del Rock....Yes !!🤟 Un abbraccio dalla vostra nico.free.life...sempre eternamente rock 🤘


Commenti

Post popolari in questo blog

Cover by @acarugini : Imagine

Ascolto musica a 360 gradi: dalla classica fino alla trap moderna; ci sono tantissime canzoni che sono entrate nel quotidiano di tutti noi ma a questo giro mi sono voluto cimentare non con una canzone famosa ma LA CANZONE FAMOSA. Un brano che ha superato le barriere dello spazio e del tempo, un brano reinterpretato da dozzine di artisti tra cui Madonna, Stevie Wonder, Joan Baez, Lady Gaga, Elton John, Queen, David Bowie, Diana Ross e Avril Lavigne... giusto per citarne qualcuno. Addirittura nell’agosto del 2012 Emeli Sandé ne incise una cover per la cerimonia di chiusura della XXX Olimpiade. Di che brano si tratta? Del capolavoro di John Lennon del 1971: Imagine! Co-prodotta da Lennon e dalla moglie Yōko Ono, insieme a grande produttore Phil Spector, la canzone venne incisa nello studio casalingo del cantante a Tittenhurst Park, ad Ascot in Inghilterra, nel maggio del 1971.  La canzone, la più celebre e rappresentativa dell'autore tra quelle realizzate durante la sua carriera solis

Dalla parte del torto. Una storia hippie punk e rave. Dome La Muerte/Pablito El Drito by @acarugini

 “Dalla parte del torto è dedicato a chi, nato dalla parte sbagliata, non può smettere di lottare per non essere schiacciato”. Dome la Muerte, pseudonimo di Domenico Petrosino nato a Pisa il 18 maggio del 1958, è un leggendario chitarrista, cantautore e disc jockey italiano. È uno dei maggiori rappresentanti del movimento punk hardcore italiano degli anni 80. A Pisa, e non solo, le sue storie si tramandano come leggende, per tutti noi è il Guru, il Maestro. Fosse nato a Londra oggi sarebbe famoso come Keith Richards e non sto esagerando perché siamo concittadini, e nonostante tutto, è una delle persone più educate e perbene che io abbia mai conosciuto! Ti vede due volte e si ricorda di te, ha sempre un sorriso ed un saluto per tutti e, a dispetto di ciò che ha vissuto, ti mette a tuo agio parlandoci, senza tirarsela: un 63enne inossidabile nella sua missione di artista fuori dagli schemi, sopra e sotto il palco! Non mi dilungherò molto a parlare di Dome musicista, se volete approfondir

Cover by @acarugini : Immigrant Song

  Ah-ah, ah! Ah-ah, ah! We come from the land of the ice and snow From the midnight sun where the hot springs flow The hammer of the gods Will drive our ships to new lands To fight the horde, sing and cry Valhalla, I am coming On we sweep with threshing oar Our only goal will be the western shore Ah-ah, ah! Ah-ah, ah!   Dite la verità: l’avete letta cantando! Anche chi non è un appassionato di rock avrà sicuramente sentito il mitico urlo di Robert Plant che apre Immigrant Song il singolo dei Led Zeppelin, pubblicato il 5 novembre 1970 come unico estratto dal loro terzo album in studio: Led Zeppelin III. Si tratta del brano d'apertura dell'album ed è stato composto da Jimmy Page e Robert Plant durante una tournée del gruppo in Islanda a metà anni settanta. Il testo è scritto dal punto di vista dei vichinghi e le parole hanno fortemente influenzato le liriche tipiche di ciò che in futuro verrà catalogato come Epic Metal: in una strofa si nomina il mart